News nazionali

Malgioglio: ”Nel mio doppio cd gli anni ’60 che amavano i miei”

‘Iconic Fifties’

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Sua madre lo avrebbe definito “‘coraggioso'”, suo padre “‘fantastico’”. Ed e’ a loro che Cristiano Malgioglio ha dedicato ‘Iconic Fifties’, il nuovo doppio album in cui, spiega l’artista all’AdnKronos, “rifaccio alla mia maniera i brani che amavano mio padre e mia madre, Perry Como, Dean Martin, Louis Prima e molti altri, e io sono cresciuto con questa musica perche’ mi toccava il cuore”.

L’idea dell’album (etichetta Malgioglio Records), “e’ venuta da Piero Chiambretti -spiega Malgioglio- che mi ha proposto di cantarle. Lui, a differenza degli altri ha il pregio di vedermi come se io fossi una grande vedette e una superstar”. Nel disco, per la prima volta, Cristiano si confronta con brani che hanno fatto la storia della musica americana mettendoci ‘la voce’.

“All’inizio pensavo di non essere capace -ammette l’autore di brani storici, come ‘L’importante e’ finire’- ma ora sono molto gasato. Ho iniziato con ‘Mambo Italiano’: prima ho ascoltato la versione di Sophia Loren e poi quella di Dean Martin, e le ho talmente interiorizzate che appena entrato in sala di registrazione il risultato e’ stato subito buono”. E aggiunge: ” Dopo ‘Artigli’, credo sia uno dei dischi piu’ belli della mia carriera”. ‘Iconic Fifties’ e’ sicuramente un disco molto particolare, ma la cosa piu’ interessante e’ forse l’altra facciata: nove brani tutti cantati in spagnolo, quasi nessuno conosciuto da noi ma molto noti in America Latina. “Sono dei grandi classici -conferma Malgioglio- ho preso le icone che io amo, Luis Miguel, Marc Anthony, Juan Louis Guerra. Una delle cose piu’ coraggiose del disco e’ l’aver voluto fare per la prima volta la ‘Vie en rose’ di Edith Piaf, e sono talmente pazzo da portare un grande classico di Amalia Rodriguez come ‘Cancao do mar'”.

Non manca un brano che l’artista aveva scritto per Mina, ‘Carne viva’, in spagnolo.”Ne vorrei far fare una versione da Jennifer Lopez: sarebbe una bomba”, rivela Malgioglio, attualmente impegnato come opinionista per il ‘Grande Fratello 14′. “Le due cose non sono incompatibili, anche se per molti chi va in televisione diviene meno credibile: io penso di avere due anime, quella televisiva e quella dietro un microfono. Non sono Pavarotti, sono un interprete, a me piace raccontare, quello che e’ importante e’ quello che hai da dire. Sicuramente, sono meglio di tanti cani che vedo ogni giorno e che sono anche in classifica”. E lui di classifiche se ne intende, essendo stato nelle top ten degli anni Settanta e Ottanta con brani di enorme successo. “Ma la musica e’ morta affonda Malgioglio- Gli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta sono quelli che ancora oggi vanno. Io ascolto musica irlandese e musica araba, l’ultimo disco che ho comprato e’ quello di Lady Gaga e Tony Bennett”.

Per concludere Malgioglio non fa mancare un cenno su Sanremo. Ci tornerebbe come cantante? “No grazie, l’ho gia’ vinto e l’Oscar basta vincerlo una volta (nel 1974 vinse come autore all’Ariston con ‘Ciao cara come stai?, cantata da Iva Zanicchi’)”. In realta’, l’eclettico Cristiano sta lavorando ad un brano per Bianca Atei in coppia con Alberto Anelli, con cui si e’ ritrovato 35 anni dopo aver scritto con lui per Mina ‘L’importante e’ finire’. Un pensierino al Festival dei Fiori, seppur come autore, e’ dunque d’obbligo, anche se lui ancora non vuole sbilanciarsi.

Dopo il disco, Malgioglio sara’ probabilmente impegnato nel programma di Piero Chiambretti che partira’ a febbraio. “Sono voci -si schermisce lui- ma non ho ancora nessuna conferma. Certo, se Piero non mi vuole nel programma, posso chiedegli la mano: e’ uno che sposerei”, scherza.


(Adnkronos)


A Diego Abatantuono il Capri Award alla carriera

Capri (Napoli), 23 nov. (AdnKronos) – E’ stato assegnato a Diego Abatantuono il ‘Capri Award’ alla carriera: il riconoscimento gli sara’ consegnato sull’Isola azzurra nel corso della ventesima edizione di ‘Capri, Hollywood – The International Film Festival’ (26 dicembre – 2 gennaio).

”Diego da 35 anni e’ un grandissimo mattatore del nostro cinema – annuncia Tony Renis, chairman onorario dell’Istituto Capri nel mondo – dal travolgente inizio comico dopo tanto cabaret e televisione, alla svolta con Pupi Avati e Salvatores, alle commedie d’autore, sino al successo recente con ‘Belli di papa” di Guido Chiesa, film premiato da pubblico e critica, Abatantuono si conferma uno degli artisti piu’ amati da tutte le generazioni”. Nell’albo d’oro del prestigioso riconoscimento caprese anche Timoty Spall, Harvey Keitel, Armand Assante, Kabir Bedi, Bud Spencer e Michele Placido.

“Capri, Hollywood 2015 – The International Film Festival”, presieduto dal regista premio Oscar Bille August sara’ dedicato alla “diva” francese Brigitte Bardot. Organizzata dall’Istituto Capri nel Mondo, la XX edizione di ‘Capri, Hollywood’, presidente onorario Lina Wertmuller, ha il sostegno del Ministero per i Beni e per le Attivita’ Culturali (D.G Cinema), della Regione Campania (Assessorato Turismo e Beni Culturali), ICE, con citta’ di Capri e comune di Anacapri.


(Adnkronos)


Le emozioni della Scala dal palco al grande schermo

Musica

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Dopo il tutto esaurito dell’anteprima milanese, ‘Teatro alla Scala. Il Tempio delle meraviglie’ arriva al cinema, anche se solo per due giorni: il 24 e il 25 novembre. Il film di Luca Lucini, Silvia Corbetta e Piero Maranghi e’ dedicato a uno dei templi piu’ esclusivi della musica e dello spettacolo mondiale e racconta la storia del Teatro che piu’ di ogni altro ha catturato e legato a se’ indissolubilmente i piu’ grandi nomi della scena musicale di tutti i tempi.

Le emozioni assorbite dalle tende di velluto, dal legno del palcoscenico, dalle poltrone in platea sono vive ancora oggi e riemergono ogni notte, nel momento stesso in cui le luci si abbassano, il pubblico ammutolisce e inizia lo spettacolo. Cosi’ le videocamere, accompagnate dalla voce narrante di Sandro Lombardi, percorrono i corridoi e ci fanno respirare 237 anni di storia del luogo, inaugurato nel 1778, dove nacque la tradizione della grande opera italiana: il Teatro alla Scala di Milano.

‘Immediatamente è stato chiaro che se avessimo voluto carpire i segreti di quasi 250 anni di storia del Teatro alla Scala di Milano, avremmo dovuto narrare cio’̀ che la Scala e’: una fabbrica di emozioni e un luogo unico al mondo, dove si concentrano passione, sacrificio, talento e dedizione -affermano gli autori Luca Lucini e Silvia Corbetta- Abbiamo abbandonato la rigidita’ ̀del racconto prettamente cronologico e ci siamo lasciati trasportare dalle rapide di un fiume fatto di luci, musiche, immagini, silenzi – . Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Arturo Toscanini, Maria Callas, Luchino Visconti hanno fondato il mito di un luogo, animato in anni piu’ recenti da artisti come Claudio Abbado e Riccardo Muti, che ancora oggi suscita un senso di sacralita’ nel film. Lo raccontano tra gli altri i direttori d’orchestra Daniel Barenboim e Riccardo Chailly, i cantanti Mirella Freni e Pl?cido Domingo, i ballerini Carla Fracci e Roberto Bolle oltre ai Sovrintendenti Pereira, Lissner e Fontana.

Il film vede anche la fotografia di Luca Bigazzi e la partecipazione straordinaria di Bebo Storti nel ruolo dell’impresario teatrale Domenico Barbaja, Francesca Inaudi nel ruolo di Marietta Ricordi, Filippo Nigro nel ruolo dell’impresario teatrale e librettista Bartolomeo Merelli, Giuseppe Cederna nel ruolo dell’ingegnere Giuseppe Colombo, imprenditore e politico che ha avuto un ruolo forte nella crescita industriale di Milano e dell’Italia in generale. Nel cast anche Andrea Bosca nel ruolo del concierge del Grand Hotel et de Milan, Gigio Alberti nel ruolo del commediografo e librettista Luigi Illica e Pia Engleberth nel ruolo di Biki, la stilista milanese Elvira Leonardi Bouyeure. Il film, distribuito da Nexo Digital, e’ prodotto da Skira Classica, Arte France, Rai Com e Camera Lucida e realizzato in associazione con Intesa Sanpaolo S.p.A. ai sensi delle norme sul Tax Credit e con il contributo di Pirelli ed Edison.


(Adnkronos)


Gabriele Ciampi dirige le sue composizione al Dal Verme di Milano

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Il compositore e direttore d’orchestra Gabriele Ciampi torna in Italia, al Teatro Dal Verme di Milano, dopo il succeso negli Usa. Lo scorso anno aveva presentato all’Auditorium Parco della Musica di Roma ‘The Minimalist Evolution’, ottenendo un grande successo di pubblico, ora si esibira’ il 30 novembre dirigendo la prestigiosa ‘Orchestra i Pomeriggi Musicali’ sulle note delle sue composizioni.

Lo spettacolo proposto sara’ caratterizzato dalla grande varieta’ del programma e dei suoni, come ha spiegato Ciampi: “La mia musica e’ un omaggio al classicismo, le forme classiche sono alla base delle mie composizioni, conoscere bene il passato permette di costruire il futuro. La particolarita’ di questo concerto a Milano e’ la varieta’ del programma proposto”.

“Si parte con una suite per chitarre e orchestra per passare -prosegue Ciampi- ad una parte cameristica con un trio, per poi terminare con il concerto per pianoforte e orchestra in La Maggiore con il quale ho vinto i Los Angeles Music Awards nel 2012 e che e’ stato successivamente eseguito alla Casa Bianca dal pianista David Osborne, in occasione del concerto di Natale riservato alla famiglia del Presidente Obama”.

“Questo concerto per pianoforte sara’ eseguito per la prima volta in Italia in versione ‘integrale’ (3 movimenti, ndr) e interpretato dalla giovane pianista Stefania Argentieri e dall’ ‘Orchestra I Pomeriggi Musicali’ -spiega Ciampi- Il programma musicale si basa su un crescendo strumentale, dopo il Trio in apertura le chitarre acustica e classica si uniranno all”Orchestra I Pomeriggi Musicali’ per eseguire i sei brani che costituiscono la suite per chitarre e orchestra. Il Concerto per pianoforte e orchestra rappresenta il culmine di questo crescendo in cui tutti gli strumenti vengono coinvolti e dialogano tra loro”.


(Adnkronos)


‘Hunger Games’ domina il box office, Spectre secondo

Cinema

Roma, 23 nov. (AdnKronos/Cinematografo.it) – (AdnKronos/Cinematografo.it) – Come da copione, balza subito in vetta agli incassi ‘Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 2’
, ultimo atto della saga tratta dall’opera di Suzanne Collins e interpretata da Jennifer Lawrence: 4.008.308 euro (con 6.413 euro di media copia) per un dominio scontato che riflette l’andamento del film anche in giro per il mondo: 101.025.000 dollari negli States (in 3 giorni di programmazione), 247.025.000 dollari in tutto il mondo.

Tornando in Italia, perde cosi’ la testa degli incassi ‘Spectre’, ora secondo con 1.274.100 euro e 10.988.772 euro complessivi, seguito in terza posizione da Matrimonio al Sud con 946.127 euro e, in quarta, da Pan – Viaggio sull’isola che non c’e’ (781.672 euro). Entra al quinto posto la commedia ‘Loro chi?’, con 718.617 euro e 1.996 euro di media copia, mentre al sesto posto troviamo ‘Gli ultimi saranno ultimi’, con 703.077 euro e 2.017.417 euro complessivi.

New entry in settima posizione: ‘Mr.Holmes’ incassa 495.894 euro ma fa registrare la seconda media copia del weekend, pari a 3.262 euro. Perde due posizioni ‘Premonitions’, ora ottavo con 454.165 euro, mentre scende dal quinto al nono posto ‘Snoopy Friends – Il film dei Peanuts’ (442.019 euro). Chiude in decima posizione ‘Dobbiamo parlare’ di Sergio Rubini, che in quattro giorni incassa 224.089 euro.


(Adnkronos)


Ancora un falso allarme a Roma per scatola con fili al Traforo di via Nazionale

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Ancora un falso allarme a Roma. Questa mattina e’ stato chiuso il Traforo di via Nazionale per l’intervento delle forze dell’ordine per una scatola sospetta da cui uscivano fili
. La polizia ha effettuato delle

verifiche ed
e’ emerso che si trattava di una scatola con dei fili dell’elettricita’. L’allarme e’ dunque rientrato e la strada e’ stata riaperta al traffico

.

Gia’ nei giorni scorsi diversi allarmi erano scattati a Roma, soprattutto in alcune stazioni delle metropolitane delle linea A e della linea C. E lo stesso era accaduto anche a Milano con raffica di chiamate per zaini e pacchi sospetti.


(Adnkronos)


Droga, vedette e turni per lo spaccio: sgominata gang a Roma /Video

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Nove arresti, di cui 5 in carcere e 4 ai domiciliari, e quattro denunce in stato di liberta’. E’ il bilancio dell’operazione ‘Terra nostra’ della polizia di Roma che vede 13 persone indagate per associazione

per delinquere finalizzata alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’organizzazione, radicata nel quartiere romano di San Basilio, era ben organizzata e i ruoli erano ben distribuiti: dalla vedetta in strada al contatto con il compratore tossicodipendente, alla riscossione del denaro.

‘Specializzata’ soprattutto nella vendita di cocaina, l’organizzazione sporadicamente vendeva anche marijuana e hashish. Le indagini della polizia, partite nel settembre del 2014, sono scattate dopo una serie di servizi da cui era emersa la presenza in via San Benedetto del Tronto e Piazza Urbania, di un gruppo dedito allo spaccio.

Spaccio che avveniva dalle 10 del mattino fino alla mezzanotte e i pusher effettuavano due turnazioni, dalle 10 alle 17 e dalle 17 alle 24. Le singole dosi erano di solito nascoste nei pressi dell’area in cui la droga veniva venduta: aiuole, siepi, intercapedini, contatori della luce e del gas, i nascondigli preferiti dai pusher.

A capo della gang un 37enne romano, M.D., che faceva sia da ‘dirigente – operativo che da finanziatore. Tutto il gruppo, ormai specializzato nel settore e conosciuto dai clienti che arrivavano da ogni quartiere della Capitale, modulava l’orario di apertura e chiusura dello spaccio in base ai giorni della settimana ed agli eventi della giornata, come ad esempio le partite della Lazio o della Roma.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, e’ stato possibile stimare che i pusher spacciavano di media tra le 6/7000 dosi di droga al mese, pari a circa 4 kg di droga, per un controvalore pari a circa 200.000 euro. Nel corso dell’indagine, a piu’ riprese sono state sequestrate consistenti partite di stupefacenti.

All’operazione di polizia, iniziata alle prime ore dell’alba di ieri, oltre al personale del commissariato, hanno partecipato anche agenti di vari altri commissariati, del reparto prevenzione crimine, dei reparto cinofili e della polaria.


(Adnkronos)


Teneva la moglie segregata in casa, arrestato uomo nel viterbese

Roma, 23 nov. (AdnKronos) – Da due mesi era tenuta segregata in casa, a Vejano (Viterbo), dal marito geloso. La donna, vittima anche di maltrattamenti, ha chiesto aiuto al 112 e i carabinieri hanno arrestato l’uomo, un 67enne.

I militari

della stazione di Vejano, in collaborazione con i colleghi di Oriolo Romano, hanno trovato la donna, di origini romene, che da ormai due mesi non usciva piu’ di casa e che aveva sul corpo lievi lesioni.

Il 67enne e’ stato arrestato per sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. La vittima, dopo le cure mediche, e’ stata riaccompagnata a casa.


(Adnkronos)


Miss Italia al pianoforte di Puccini: ”Un’emozione indicibile”

Lucca, 22 nov. (AdnKronos) – “Una cosa meravigliosa. Non e’ solo la casa del compositore ma quella della musica e dell’arte”. Cosi’ ha scritto Alice Sabatini, Miss Italia in carica, sull’album riservato ai visitatori dopo aver trascorso qualche ora nell’appartamento dove Giacomo Puccini e’ nato il 22 dicembre 1858.

Qui, nel centro di Lucca, Puccini ha vissuto gli anni della prima giovinezza prima di trasferirsi a Milano.

Miss Italia si e’ soffermata in tutte le stanze della casa-museo ed e’ stata anche invitata a sedersi al pianoforte sul quale Puccini compose molta della sua musica e, tra l’altro, la sua ultima opera, ‘Turandot’, rimasta incompiuta e successivamente completata da Franco Alfano.

“Un’emozione indicibile, ho appena toccato qualche tasto, solo poche note. E’ stata una giornata di felicita’. Tornero’ a Lucca il 10 gennaio per un concerto importante al quale sono stata invitata”, ha sottolineato Miss Italia che a Lucca ha partecipato al ritiro della Nazionale femminile di pallacanestro impegnata contro l’Albania.


(Adnkronos)


Ennesimo falso allarme a Roma, zaino lasciato incustodito

Roma, 22 nov. (AdnKronos) – Ennesimo falso allarme nella Capitale dove uno zaino lasciato incustodito ha subito fatto scattare i controlli. Alcune persone hanno segnalato la presenza dello zaino a villa Borghese e sul posto sono arrivati i carabinieri della

compagnia Roma Centro e gli artificieri. Lo zaino e’ stato fatto brillare con una minima carica. All’interno sono comunque stati trovati solo effetti personali.


(Adnkronos)


Giubileo, Alfano: "No ai professionisti dell’ansia"

Roma, (AdnKronos) – Sul Giubileo sono all’opera “i professionisti dell’ansia, come per la sicurezza sull’Expo, dove alla fine abbiamo avuto oltre 20mln di visitatori e solo qualche episodio di piccola cronaca. Il loro obiettivo e’ non farci stare bene”. Lo

ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano a ‘L’intervista’ su SkyTg24 a proposito delle misure di sicurezza per il Giubileo.

Alla domanda Schenghen e’ morta?, il ministro ha risposto: “No, ma occorre una revisione per rendere piu’ blindate le frontiere esterne, non tra singoli Paesi ma dall’esterno”.


(Adnkronos)


Reggio Emilia, tenta di colpire la moglie col ferro da stiro rovente

Reggio Emilia, 22 nov. (AdnKronos) – Ha tentato di colpire la moglie con il ferro da stiro rovente perche’ la donna non gli aveva chiesto un parere sull’acquisto di un paio di scarpe per il figlio, poi l’ha afferrata per

i capelli prendendola a schiaffi finche’ sul posto sono arrivati i carabinieri. Il fatto e’ accaduto lo scorso 8 novembre a Reggio Emilia quando l’uomo e’ stato arrestato dai carabinieri per gravi maltrattamenti alla moglie.

Dopo la convalida dell’arresto e’ stato rimesso in liberta’ con l’allontanamelo dal domicilio domestico e il divieto di avvicinamento alla moglie in attesa del processo che sara’ celebrato agli inizi del prossimo mese di dicembre. Uscito dal carcere tuttavia in spregio ai divieti si e’ presentato in maniera reiterata a casa della moglie, nascondendosi in una circostanza nelle cantine per non essere trovato dai carabinieri.

I militari del Nucleo radiomobile, cui la moglie si e’ rivolta, hanno quindi riferito la condotta dell’uomo al giudice che condividendo con l’esito degli accertamenti dei Carabinieri ha disposto l’aggravamento della misura cautelare ordinando l’arresto dell’uomo. L’altro pomeriggio i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia, ricevuto il provvedimento restrittivo, hanno arrestato l’uomo ora detenuto nella casa circondariale di Reggio Emilia.


(Adnkronos)


Al via le riprese di Wonder Woman, la prima immagine postata su Twitter

Cinema

Roma, 22 nov. – (AdnKronos) – Il film uscira’ solo a giugno del 2017 ma Gal Gadot, protagonista del film Wonder Woman sabato ha voluto regalare ai suoi seguaci su Twitter una prima immagine dal set. Le riprese che si svolgeranno tra Regno Unito, Francia e Italia sono infatti ufficialmente iniziate.

Secondo quanto riportato da Entertainment Weekly, del cast fanno parte, insieme a Gadot anche Chris Pine, Robin Wright (House of Cards), Danny Huston (Clash of the Titans ), David Thewlis (Harry Potter), Ewen Bremner (Esodo: Gods and Kings) , Sa?d Taghmaoui (American Hustle ), Elena Anaya e Lucy Davis (Shaun of the Dead).


(Adnkronos)


Il funambolo della parola raccontato in ‘Agenda Marchesi’

Scrittori

Roma, 22 nov. (AdnKronos) – “Marchesi e’ stato un funambolo della parola, sapeva giocare magicamente con le parole e lo ha fatto in tutti gli ambiti possibili”. A dirlo, all’Adnkronos, e’ Mariarosa Bastianelli, curatrice con Michele Sancisi di ‘Agenda Marchesi’, il numero monografico del

quadrimestrale ‘Panta’ della Bompiani, da domani in libreria, dedicato appunto a una delle figure piu’ eclettiche del ‘900 italiano, quel Marcello Marchesi (Milano, 14 aprile 1912 – Cabras, 19 luglio 1978) che ha assommato le professioni di scrittore, sceneggiatore, regista cinematografico e teatrale, paroliere, cantante, attore, giornalista, scrittore, autore di programmi televisivi e radiofonici, pubblicitario e talent scout.

“Di fronte agli attacchi terroristici a Parigi, alla paura che stanno producendo, avrebbe probabilmente detto una frase che che usava spesso nelle sue lettere private: ‘L’importante e’ che la morte ci trovi vivi'”, afferma Bastianelli per riassumere il personaggio e la persona.

“Lui piu’ di tutto amava farsi definire poeta, era spinto da una fervente curiosita’ che lo ha portato a sperimentare la sua abilita’ in tutti i media, spesso allo stato nascente in Italia in quegli anni. Veniva da una famiglia borghese, aveva avuto una solida educazione, sapeva usare verbi e congiuntivi nel modo piu’ adeguato, spingendosi con sicurezza sul terreno scivoloso del nonsense”, sottolinea Bastianelli.

Marchesi ha realizzato centinaia, migliaia di sketch, articoli, vignette, battute, soggetti, con una produzione letteraria fra le piu’ prolifiche della sua epoca. Come autore ha anche scoperto e lanciato grandi talenti come Macario, Sofia Loren, Toto’, Alberto Sordi, Walter Chiari, Mike Bongiorno, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Cochi e Renato, Paolo Villaggio. Come primo copywriter italiano ha coniato slogan quali “Il brandy che crea un’atmosfera” o “Non e’ vero che tutto fa brodo”.

“Il nonsense Marchesi lo aveva nel sangue fin da quando si fece notare partecipando a degli spettacoli studenteschi”, ricorda Bastianelli. A notarlo, negli anni ’30 fu Andrea Rizzoli che lo chiamo’ a collaborare con il giornale umoristico ‘Il Bertoldo’, poi sarebbero venuti il ‘Marc’Aurelio’ e ‘Omnibus’, i programmi radiofonici per l’Eiar e successivamente per la Rai. Fu scrittore e regista di una cinquantina di testi per il teatro di rivista, sceneggiatore con Vittorio Metz di molti dei film di Toto’ e regista di sette film tra cui ‘Era lui..si’! si’!’ con Walter Chiari. Per la televisione scrisse e realizzo’ spettacoli passati alla storia, come ‘Canzonissima’.

Marchesi e’ considerato il primo copywriter italiano poiche’ creo’, con la nascita della televisione, piu’ di 4.000 caroselli e notissimi slogan pubblicitari Dopo un primo esordio letterario nel 1932 con la raccolta di poesie ‘Aria de Roma’, negli anni Sessanta pubblico’ la trilogia ‘Essere o benessere’ (1962), ‘Diario futile di un signore di mezza eta” (1963) e ‘Il sadico del villaggio’ (1964). Tra i suoi libri anche ‘Il presente si muove’, ‘Sancta pubblicitas’, ‘Il definizionario’, ‘I cento neoproverbi’, ‘Il meglio del peggio’, i romanzi ‘Il Malloppo’ e ‘Sette Zie’.

Per ‘Agenda Marchesi’, i curatori hanno inseguito una prestigiosa pattuglia di contributor comprendente studiosi, docenti, saggisti ma anche amici, collaboratori, amori, colleghi, figli di colleghi, personaggi popolari del mondo dello spettacolo e semplici estimatori del grande Marchesi, i cui testi arricchiscono la pubblicazione, come Renzo Arbore, Pippo Baudo, Enrico Bertolino, Maurizio Costanzo, Umberto Eco, Cochi Ponzoni, Ettore Scola, Terzoli e Vaime, Paolo Villaggio.

Testimonianze raccolte nel corso degli ultimi venti anni e sistematizzate, insieme al resto del materiale della pubblicazione, negli ultimi tre anni. “Su Marchesi ha fatto la mia tesi di laurea per Storia del Teatro, alla sapienza di Roma, 25 anni fa -spiega Bastianelli che e’ tra i fondatori, nel 2011, dell’Associazione Culturale Marcello Marchesi- e capii che se di suo c’era tanto su di lui c’era pochissimo, anzi nulla, difficile persino trovare una sua biografia. Da allora e’ iniziata una ricerca che approda ora ad ‘Agenda Marchesi’ che non e’ un testo critico ma un tentativo di raccontarlo, di ragionare su di lui con l’intento di stimolare gli studi sulla sua opera”.


(Adnkronos)


Steven Spielberg: ”Volevo dirigere un James Bond, ma il produttore non mi ha voluto”

Berlino, 21 nov. (AdnKronos/dpa) – A Steven Spielberg sarebbe piaciuto girare, nel corso della sua carriera, alcune delle celebri pellicole di James Bond. “A dire la verita’ ci ho provato in due occasioni”, ha riconosciuto il regista di film come “Schindler’s List” e la saga di Indiana Jones in una intervista pubblicata oggi sul quotidiano tedesco ‘Berliner Zeitung’.

Dopo il successo di pellicole come ‘Tibur?n’ (1975) aveva chiamato il produttore dicendogli quanto gli sarebbe piaciuto girare uno dei film del famoso agente 007. “Ma e’ stato inutile – ha aggiunto Spielberg- Lui rifiuto'”. Dopo l’uscita di ‘Incontri ravvicinati del III tipo’ (1977) il regista torno’ alla carica. “Tuttavia, anche in quel caso il produttore mi ripete’ che non ero il tipo di regista che avrebbe voluto per una pellicola di Bond”. E adesso, il regista vincitore di ben tre Oscar teme che “questo treno sia ormai passato”.


(Adnkronos)


L’astronauta Guidoni: "Probabile che ci siano altri pianeti abitati"

Spazio

Palermo, 21 nov. (AdnKronos) – “Probabilmente nello spazio c’e’ vita”. Cosi’ Umberto Guidoni, il primo italiano ad aver volato nello spazio con lo Shuttle diciannove anni fa, durante il suo intervento alla manifestazione ‘Panorama d’Italia’, a Palermo.

Guidoni ha spiegato che

“il fenomeno della formazione dei pianeti nell’universo e’ comunissimo, quindi moltiplicando per miliardi di stelle il numero dei pianeti che vi orbitano attorno e’ altissima la probabilita’ che esistano molti altri pianeti abitabili e probabilmente abitati. Detto questo – ha aggiunto – non credo agli Ufo di cui parlano in tanti, perche’ le distanze da coprire per un ipotetico avvicinamento da quei pianeti alla Terra sono enormi e comunque un veicolo attrezzato per un viaggio interstellare lo vedremmo arrivare e questo non e’ mai successo. Se succedera’, segnera’ uno straordinario cambio di civilta’ per l’uomo”.


(Adnkronos)


Brescia, da’ fuoco alla moglie: "Stile di vita troppo occidentale"

Milano, 21 nov. (AdnKronos) – Una donna di 26 anni di origine indiana e’ rimasta gravemente ferita, ieri sera, dopo essere stata cosparsa di benzina e data alle fiamme. E’ accaduto a Dello, in provincia di Brescia. L’allarme e’ scattato

poco prima delle 20.30.

A quanto si apprende, ad aggredirla sarebbe stato il marito, contrario al suo stile di vita, giudicato troppo occidentale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il personale del 118 che hanno soccorso la vittima.

Trasportata d’urgenza all’ospedale civile di Brescia, ha riportato ustioni di secondo e terzo grado sul 30 per cento del corpo, in particolare sul volto e il torace. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita.


(Adnkronos)


Varese, scontro durante partita di calcio: ragazzino in gravi condizioni

Milano, 21 nov. (AdnKronos) – Un bambino e’ rimasto ferito in seguito a un violento scontro sul campo di calcio dove stava disputando una partita, ieri sera a Luino, nel varesotto.

Il piccolo ha riportato un trauma cranico. I sanitari

del 118, intervenuti sul posto, hanno quindi provveduto a intubarlo e a trasportarlo d’urgenza all’ospedale di Varese, dove e’ tuttora ricoverato.


(Adnkronos)


Benjamin Clementine vince il Mercury Prize e lo dedica alle vittime di Parigi

Roma, 21 nov. (AdnKronos) – E’ stato assegnato a Benjamin Clementine il Mercury Prize 2015 per il miglior album dell’anno. L’artista inglese di origine ghanese ha vinto con il suo album d’esordio, ‘At Least For Now’, una raccolta di canzoni dove l’inconfodibile voce di Clementine e’ accompagnata dal pianoforte.

Un disco definito dai critici britannici “audace”, “brillante” e “stupefacente”. Il premio, assegnato da una giuria di giornalisti musicali e addetti ai lavori, consiste tra l’altro in un assegno di 20mila sterline.

“Non so cosa dire”, sono state le prime parole dell’artista 26enne, che ha invitato a salire sul palco con lui tutti gli altri concorrenti. Clementine ha dedicato il premio alle vittime degli attacchi di Parigi, citta’ dove ha trascorso i suoi primi 20 anni, suonando per strada e nel metro’. E ha dichiarato alla Bbc di essere tornato nella capitale francese lo scorso weekend, per dare una mano agli amici che erano rimasti coinvolti negli attentati. “Ho sempre creduto nella mia musica – ha detto l’artista – ma dopo quello che e’ successo a Parigi, ero molto depresso”.


(Adnkronos)


One Direction-Bieber-Pausini sul podio della hit parade

Roma, 20 nov. (AdnKronos) – ‘Made in The A.M.” degli One Direction entra direttamente al primo posto della classifica Fimi-Gfk degli album piu’ venduti, seguito da un’altra new entry: ‘Purpose’ di Justin Bieber si piazza infatti al secondo posto. Sul terzo gradino del podio, ‘Simili’ di Laura Pausini che aveva esordito al primo posto la scorsa settimana.

In quarta posizione entra la terza new entry di questa settimana: ‘Anthology-Le nostre anime’ di Franco Battiato.

A seguire nella top ten: ‘De Gregori canta Bob Dylan – Amore e furto’ di Francesco De Gregori al quinto, ‘Cinema’ di Andrea Bocelli al sesto, ‘L’amore si muove’ del trio Il Volo al settimo, ‘No place in heaven’ di Mika all’ottavo, ‘Pop-Hoolista Cosodipinto Edition’ di Fedez al nono, ‘TZN-The Best of Tiziano Ferro’ al decimo.


(Adnkronos)