Come scegliere una smerigliatrice

La smerigliatrice è uno strumento molto utile e apprezzato dagli amanti dei lavoretti fai da te. Questo perché è adatto si all’uso professionale, ma diversi modelli sono pensati a livello hobbistico per chi, per un solo uso domestico, si vuole dedicare a una passione o semplicemente vuole ristrutturare qualche parte della casa e il giardino ed ecco che ha bisogno di una smerigliatrice come quella di www.fbingros.com per poter tagliare in modo assolutamente preciso il metallo, il cemento o la pietra.

Come scegliere una smerigliatrice: piccola guida all’acquisto

Qui sotto ti aiutiamo a scegliere in pochi semplici passi la smerigliatrice giusta per te. Devi sapere che ne esistono diverse tipologie. In particolar modo c’è la smerigliatrice da banco, c’è quella angolare, quella assiale oppure puoi optare anche per quella combinata. E’ importante distinguere infatti tra i diversi modelli a uso domestico oppure quelli a uso professionale. Nella maggior parte dei casi, indipendentemente dalla tipologia, consentono di eseguire una molatura di brocce, la sbavatura e affilatura lame, così come correggere le forme, macinare in modo grossolano o fine il materiale, fare incisioni, lucidare etc.

Il tipo di alimentazione risulta fondamentale per un motivo in particolare. Se spesso svolgi i tuoi lavori in un posto lontano a una fonte di corrente, è meglio optare per l’alimentazione a batteria. Così puoi contare su una certa autonomia, che varia in base al modello, e spostarti dove vuoi. Invece nel caso di quella elettrica sei costretto a stare vicino a una presa elettrica. Può andar bene per esempio nel caso lavori sempre nel tuo garage.

Il materiale della smerigliatrice migliore è l’acciaio o comunque la plastica robusta, questo perché permette di acquistare un modello che dura di più nel tempo. Visto che non si tratta di investimenti di poco conto, è bene comprare già qualcosa destinato a durare nel tempo. C’è poi la potenza che garantisce l’efficienza della macchina. In questo caso c’è da verificare subito qual è il voltaggio e il wattaggio dei modelli che vuoi valutare al fine dell’acquisto.

Non dimenticarti dei dischi. Sono loro che fanno il lavoro e perciò di certo non vale la pena risparmiare. Molto meglio invece acquistarli di qualità e ben resistenti, perché in questo modo garantiscono una maggior affidabilità. Di solito comunque il diametro del disco ha una dimensione che va dai 115 ai 230 mm.

Controlla che ci siano i piedini in gomma per l’appoggio su un ripiano. Così da avere una maggior stabilità. Possono esserci poi anche altri piccoli accessori che permettono alla fine di utilizzare meglio la macchina in base alle proprie necessità. Per quanto riguarda il peso e le dimensioni invece, queste variano in base al modello scelto. Se c’è poco spazio per lei, l’ideale è valutare un modello compatto. Assicurati di poter controllare e regolare la velocità per ottenere dei tagli precisi e di maggior qualità.

L’ultimo appunto riguarda la garanzia. Assicurati di comprare da un venditore esperto e affidabile che ti offre una garanzia. Considera che il periodo minimo è 1 anno e quello massimo è 5 anni.

Please follow and like us:
Pin Share

Be the first to comment on "Come scegliere una smerigliatrice"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


quattordici + sei =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.