La sicurezza online e la sua importanza

Il tema della sicurezza online è sempre più centrale, tanto per le aziende quanto per i privati. Le giuste accortezze sono fondamentali per non correre rischi. Per quanto riguarda le aziende la questione diventa ancor più importante se si pensa alla mole di dati che circolano in rete. Per sicurezza informatica in azienda si intende l’insieme di servizi e regole utili a proteggere i sistemi informatici, con l’obiettivo di garantire la riservatezza delle informazioni, preservare le risorse presenti da accessi indesiderati e assicurare funzionamento e disponibilità dei servizi.

La sicurezza aziendale informatica punta dunque a minimizzare i rischi legati al furto dei dati e a proteggerne l’integrità, ossia a garantire che le informazioni presenti in azienda non siano cancellate o modificate volontariamente. Per riuscirci è indispensabile far sì che le informazioni non siano accessibili a soggetti non autorizzati.

Secondo gli esperti dal punto di vista aziendale è importante prendere atto del fatto che la security in azienda non può più essere vista come una semplice soluzione tecnologica di protezione, ma deve essere affrontata e gestita come un vero e proprio processo di sviluppo che porti alla realizzazione di un programma strutturato di sicurezza aziendale. Per questo motivo è importante approcciarsi al tema della security suddividendolo in cinque “pilastri”, che rappresentano il percorso che ogni azienda dovrebbe seguire al fine di creare la migliore strategia di difesa cibernetica.

Il primo passo è riservato alla Governance, ossia conoscere appieno gli asset aziendali e i processi produttivi, oltre alle relazioni che intercorrono tra di loro. Solo una efficace ed efficiente governance aziendale, infatti, consente di valutare i rischi associati alla propria realtà produttiva e quindi attivare le giuste contromisure per garantire che gli asset stessi abbiano sempre dei livelli di sicurezza chiari e basati sulla loro criticità. L’output atteso da queste attività è una GAP Analysis rispetto agli standard utilizzati dall’azienda (ITIL, ISO 27001 ecc.) e una road map da seguire per colmare le eventuali lacune.

È importante, inoltre, ripetere l’attività di analisi nel tempo: le minacce informatiche, infatti, si evolvono nel tempo e la valutazione del rischio deve quindi essere vista come un’attività ricorsiva soggetta ad aggiornamenti che non può esaurirsi semplicemente con l’identificazione del rischio iniziale.

Oltre alla Governance è fondamentale puntare sull’awareness, ossia consapevolizzare gli utenti aziendali dei rischi e delle minacce a cui vanno incontro mentre utilizzano non solo gli strumenti di lavoro (pensiamo, ad esempio, all’e-mail aziendale) e le infrastrutture produttivi considerate critiche, ma anche lo smartphone e tutti i dispositivi ad uso personale.

La superficialità delle persone, infatti, rappresenta un ottimo veicolo di informazioni aziendali per gli attaccanti, sempre alla ricerca del modo migliore per “bucare” il perimetro cyber dell’azienda.

È necessario, inoltre, che non solo le persone interne all’azienda siano formate ed educate da un punto di vista comportamentale e tecnico: è fondamentale che tutta la supply chain composta da fornitori esterni, clienti e utenti esterni raggiunga un livello altrettanto elevato di awareness in tema di cyber security aziendale. Per quanto riguarda l’aspetto dell’Incidente, è opportuno prevedere processi e soluzioni che costantemente controllino e monitorino lo stato delle infrastrutture critiche aziendali e le eventuali anomalie che possano eventualmente presentarsi. Questo permetterà di avere una pronta reazione e quindi contenere l’incidente in termini di eventuali danni. Una investigazione successiva permetterà di comprendere le cause dell’incidente e quindi di prevedere azioni migliorative atte evitare il futuro accadimento di incidenti simili.

L’ultimo step riguarda la Compliance, ossia il rispetto di normative leggi e standard di settore, nazionali e internazionali, a cui deve essere sempre compliant.

Alla luce di quanto visto finora è evidente che per la realizzazione di un programma strutturato di sicurezza aziendale è utile l’appoggio di un partner strategico come WestPole che accompagni le aziende medie e grandi, pubbliche e private, nel percorso di Digital Transformation attraverso l’implementazione di soluzioni e servizi innovativi, gestiti in ottica consulenziale end-to-end.

Grazie ai servizi offerti, WestPole si configura come un System Integrator, un Service Provider e, oggi più che mai, uno Skill Integrator. Westpole mette a disposizione di tutte le aziende, in forma completamente gratuita, un test di autovalutazione del livello di sicurezza informatica raggiunto conforme al percorso basato sui cinque “pilastri” che compongono la migliore strategia di difesa cibernetica.

Insomma la sicurezza online al giorno d’oggi è un perno imprescindibile per qualsiasi azienda, grande o piccola che sia, così come deve essere un aspetto fondamentale anche nella vita di ognuno di noi che decide di fare attività online, che sia dal semplice acquisto su un e-commerce oppure svagarsi su online casino, fino a quello di fare investimenti, magari su siti di trading online. Importantissimo navigare su siti sicuri, controllare su quali siti si lasciano dati sensibili e stare attenti alle password.

 

Please follow and like us:

Be the first to comment on "La sicurezza online e la sua importanza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


sedici − uno =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.