Nuova BMW i3: l’utilitaria elettrica ha un nuovo motore

La mobilità cittadina, in Italia, rappresenta uno dei punti più complessi e controversi. Questo perché i livelli di smog e di inquinamento dovuti al traffico sono elevatissimi, come testimoniato dai continui richiami da parte dell’Unione Europea. Ciò significa che bisogna trovare una soluzione che non sia temporanea ma definitiva: vanno bene gli stop al traffico, ma l’unica cosa che conta realmente è la tecnologia dei motori. Ed ecco che le auto elettriche rappresentano l’unica speranza per il futuro delle nostre città: l’eco-sostenibilità dell’energia elettrica è fondamentale per abbattere l’inquinamento.

Oggi queste logiche purtroppo non sono ancora all’ordine del giorno: soprattutto in un Paese dove mancano incentivi ed agevolazioni per l’acquisto di queste auto. I prezzi di questi modelli, quindi, rappresentano la vera barriera d’accesso ad abitudini maggiormente eco-friendly. In quest’ottica, è importante sottolineare l’impegno di case automobilistiche come la BMW. Ecco che oggi vedremo un’analisi dettagliata della nuova BMW i3.

Auto elettriche: arriva sul mercato la nuova BMW i3

La BMW è una delle case automobilistiche più attente alla produzione di automobili che siano rispettose dell’ambiente. Ma anche performanti e divertenti da guidare. Non stupisce, quindi, che queste caratteristiche siano fortemente presenti anche nella nuova BMW i3: l’utilitaria elettrica che promette di fissare uno standard tutto nuovo in questo mercato. Merito del nuovo motore 170 cavalli alimentato da una batteria a ioni di litio: un mix che assicura una percorrenza maggiore di 110 chilometri (300 contro i 190 del modello precedente).

Ma quali sono le migliori caratteristiche della BMW i3? Intanto il suo scatto, capace di portare l’auto da 0 a 100 km/h in soli 7 secondi. Poi, è ovviamente importantissima la percorrenza in chilometri, adesso realmente competitiva. Ma l’auto non è comunque esente da difetti: trattandosi di una utilitaria, il baule è ancora troppo piccolo e l’accesso ai sedili posteriori è difficile. E poi il costo, indubbiamente elevato. A questo si può però far fronte aspettando qualche mese e cercare poi questo modello su portali di compravendita come automobile.it, dove sono presenti numerosi modelli di BMW usate. In questo modo potreste avere un’auto quasi muova ma ad un prezzo più accessibile.

Come si ricarica una automobile elettrica?

Uno dei grandi dubbi di chi approccia questi veicoli è il seguente: come si ricarica una automobile elettrica? E dove si può ricaricare? Oggi nelle metropoli italiane sono presenti diverse centraline di ricarica, ma la loro pochezza in tutte le altre città può rappresentare un problema. Poco male, perché le auto elettriche possono essere caricate anche a casa. Come fare? A casa basta connettere la batteria dell’auto al contatore elettrico, utilizzando anche una presa di corrente. Ma fate attenzione, perché serve obbligatoriamente una presa modello industriale, per garantire la sicurezza di questa fase.

In alternativa, il motore elettrico può essere anche collegato all’impianto fotovoltaico. Per quanto concerne le centraline (o colonnine), il sistema è molto simile: bisogna sbloccare lo sportello con la wireless key e successivamente collegare l’auto alla colonna, chiudendo lo sportello. Fatto questo, per scollegarla è necessario utilizzare nuovamente la wireless key. Infine, da sottolineare il fatto che alcuni punti come i centri commerciali posseggono le loro colonnine.

 

Please follow and like us:
Pin Share

Be the first to comment on "Nuova BMW i3: l’utilitaria elettrica ha un nuovo motore"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


14 − 6 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.