Allegri: “Il Bayern non cambia la stagione e firmerei per vincere due trofei”

Torino, 10 mar. – (AdnKronos) – “Il Bayern non cambia la nostra stagione. La Juventus ha l’obbligo di passare sempre il primo turno e abbiamo raggiunto l’obiettivo, poi chi trovi agli ottavi lo decide il sorteggio e alle volte puo’ andare bene altre volte meno”. Lo afferma l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, in merito al match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro i campioni di Germania, in programma a Monaco e dove i bianconeri ripartiranno dal 2-2 di Torino.

“In campionato ci aspettano due sfide contro Sassuolo e Torino che sono fondamentali per lo Scudetto -aggiunge Allegri in conferenza stampa alla vigilia del match contro gli emiliani-. Siamo in finale di Coppa Italia e io firmerei per chiudere la stagione con due trofei, anche perche’ il Napoli sta facendo un campionato strepitoso”.

“A Monaco andremo a giocarci una partita che vale un quarto di finale, contro una squadra che insieme al Barcellona e’ la favorita per vincere la Champions. Per noi deve rimanere un sogno, anche se realizzabile”, aggiunge il tecnico juventino che poi parla anche di Pogba. “Lui e’ cresciuto molto, ha fatto delle partite importanti anche quando agli occhi degli spettatori non ha curato il lato estetico. Ogni tanto si specchia perche’ tutti gli dicono quant’e’ bello, ma per diventare un centrocampista di grande livello europeo deve essere concreto”.

“La mia critica a Paul non riguarda il discorso tecnico, ma riguarda la gestione della partita -prosegue Allegri-. Lui e’ un ragazzo di 23 anni che deve maturare, cosa che devono fare tutti. Anche i vecchietti a volte devono maturare, figurarsi un classe ’93 come Pogba. Paul mi piace perche’ ha tecnica, ma soprattutto ha qualita’ nella forza, se gioca semplice e gioca come in Inghilterra box to box diventa immarcabile”.

Il tecnico bianconero risponde anche alle critiche di Arrigo Sacchi. “Posso solo dire che rispetto le idee di tutti perche’ il calcio e’ opinabile ed e’ bello per questo”, aggiunge Allegri, rispondendo all’ex ct azzurro, che ha paragonato i bianconeri ai norvegesi del Rosenborg perche’ vincono solo in patria ma non in Europa, aggiungendo ‘Noi al Milan ne coniugavamo tre: vincere, convincere, divertire. La Juventus ne coniuga uno: vincere. E’ una debolezza’. “A Sacchi gli voglio bene e poi e’ una persona di 70 anni -aggiunge-. Sacchi e’ uno che ha stravolto il calcio e quando parla lo ascolto poi posso essere d’accordo o meno. Io…Anzi i miei ragazzi devono pensare solo a battere il Sassuolo e a vincere il 5 scudetto. Al Rosenborg posso solo fare i complimenti perche’ hanno vinto tanti titoli e hanno una storia che va rispettata”, conclude il tecnico bianconero.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Allegri: “Il Bayern non cambia la stagione e firmerei per vincere due trofei”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


3 × tre =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.