Sentieri Sonori 2022: al via sabato 11 giugno la VI edizione

sentieri sonori

Torna l’atteso appuntamento con Sentieri Sonori, la rassegna dedicata alla scoperta dei Colli Euganei attraverso esperienze che combinano trekking, musica e natura. A partire da sabato 11 giugno 2022, per sei settimane il Parco Regionale dei Colli Euganei diventa il palcoscenico naturale per sei concerti che coinvolgono artisti italiani e internazionali. In ogni tappa musicisti e pubblico risalgono a piedi alcuni sentieri fino a prati, radure e anfiteatri naturali dove il suono degli strumenti dialoga con il paesaggio circostante.
La rassegna, giunta quest’anno alla sesta edizione, oltre ad essere sempre più attenta all’accessibilità dei luoghi scelti per gli spettacoli, sarà per la prima volta “climate positive”. Grazie alla nuova collaborazione con Etifor, spin-off dell’Università di Padova, verranno infatti calcolati e compensati gli impatti dell’evento sul territorio piantando nuovi alberi.  Per tutti gli spettacoli è consigliabile acquistare il biglietto con anticipo tramite il sito www.sentierisonori.it o il giorno del concerto. 
Apre il cartellone, sabato 11 giugno 2022, nella suggestiva cornice dell’Anfiteatro naturale di Casa Marina il cantautore australiano Stu Larsen, uno dei nomi più promettenti al mondo nel suo genere. Per l’occasione l’artista porterà il pubblico all’interno di un viaggio sonoro con il suo folk-country mescolato al pop. I suoi concerti sono una lettera d’amore al potere della musica e dei viaggi. Ad aprire la serata il ritorno a Sentieri Sonori del padovano Damien McFly, che con la sua voce cruda, le vibrazioni senza tempo del folk e i suoni moderni dell’indie continua a conquistare il pubblico.
Tra classico e contemporaneo, tra passato e futuro: è in queste dicotomie che si fonda il progetto artistico dei C’Mon Tigre, un duo in incognito che, grazie a una fitta rete di collaborazioni internazionali, offre a ogni spettacolo un viaggio che mescola suoni del mediterraneo con melodie sub sahariane e le produzioni elettroniche nordeuropee. A loro il compito di animare il secondo appuntamento, in programma all’Ex Cava Bonetti a Montegrotto Terme sabato 18 giugno. 
La producer e songwriter LNDFK, madre italiana e padre arabo, cresciuta a Napoli, sarà la protagonista dell’appuntamento di sabato 25 giugno nell’anfiteatro naturale del Monte Comun a Zovon di Vò Euganeo. La sua musica subisce l’influenza del jazz, del neo-soul e dell’hip-hop.Il tramonto dietro i Colli Berici è lo spettacolo nello spettacolo che il monte Comun offrirà al suo pubblico, che lo ammirerà adagiato sui gradoni ricavati dall’azienda agricola in una cornice di boschi di castagno.
Un grande prato adagiato ai piedi dei Colli nel Comune di Lozzo Atestino è, invece, la location destinata sabato 2 luglio ad accogliere la performance di Marco Castello, giovane cantautore siciliano laureatosi in tromba jazz a Milano. Polistrumentista abile a suonare batteria, chitarra e piano, è anche parte del gruppo La Comitiva, il progetto parallelo di Erlend Oye dei Kings Of Convenience. 
Ilaria Mandruzzato, sabato 9 luglio, presenta il suo nuovo progetto personale, Alma Mia, una movimentata meditazione musicale che propone brani selezionati di grandi cantautori italiani e internazionali. La cornice sarà quella di Villa Beatrice d’Este, tra i luoghi più simbolici ed evocativi dei Colli Euganei. La scaletta prevede brani a cui l’artista è molto affezionata e che rappresentano emozioni e messaggi a lei particolarmente cari. 
La rassegna si conclude, sabato 16 luglio, presso il parco di Villa Bembiana di Abano Terme con Carmen Souza & Theo Pascal, originaria di Capo Verde, una delle voci più interessanti della nuova generazione della cosiddetta world music. La sua musica fonde in sé tanti generi musicali: dalla Morna al Batuke, al Jazz, al Soul. Carmen Souza è l’unica donna del suo Paese a comporre, co-produrre ed esibirsi in voce, pianoforte e chitarra con un repertorio totalmente originale.
L’evento, ideato da Associazione Play APS, è realizzato con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e il contributo di Parco Regionale dei Colli Euganei, Città di Abano Terme, Comune di Galzignano Terme, Città di Montegrotto Terme, Comune di Teolo e Comune di Vò. L’iniziativa gode del patrocinio della Provincia di Padova e dei comuni di Baone, Cinto Euganeo e Lozzo Atestino.
Sentieri Sonori 2022 è una manifestazione realizzata anche grazie al supporto del main sponsor Banca Adria Colli Euganei e di NaturaSì, che regalerà frutta ai partecipanti, Lago, Komatsu e Consorzio Tutela Vini Colli Euganei. Media partner Collieuganei.it e Radio Café. 
Tra i partner tecnici, oltre a Idee Verdi, OGD Terme e Colli Euganei, Cooperativa Nuove Idee, Scuola di Musica Pentagramma, Strada del Vino Colli Euganei e Terra di Mezzo, si aggiungono quest’anno il visual designer Enrico Baracco ed Etifor con il progetto wownature.eu. 
“Sentieri Sonori – ha detto Daniele Canella, vicepresidente della Provincia di Padova – mette in scena soprattutto le espressioni artistiche del territorio nelle location più suggestive soprattutto a livello naturalistico, rendendo il paesaggio un vero e proprio teatro diffuso. Un programma intenso che dimostra anche l’importanza di fare rete attraverso l’attenta e proficua gestione delle realtà locali con le Istituzioni per valorizzare il nostro patrimonio culturale, artistico, storico e naturalistico. Rivolgo un ringraziamento particolare a tutti coloro che, nonostante le attuali difficoltà, hanno permesso la realizzazione di questo progetto così’ affascinante”.
” Sentieri Sonori è una rassegna che unisce la scoperta del meraviglio territorio del parco colli alla musica – dichiara Riccardo Masin, presidente del Parco regionale dei Colli Euganei – una serie di eventi che mettono in luce i luoghi più significativi del nostro territorio, sia sotto il profilo naturalistico che ricreativo. Un format che valorizza anche il turista dando un messaggio preciso tutto quello che ci circonda deve essere valorizzato, custodito e mantenuto. La partecipazione ed il contributo di molti enti tra cui la Provincia di Padova, Parco Colli e i Comuni del territorio danno ancora di più il significato ad un evento che si sta evolvendo e diventando un format che per caratteristiche si sposa appieno con gli indirizzi di promozione del territorio”
“Siamo contenti di ritornare con questo progetto che ha l’obiettivo di promuovere le ricchezze dei Colli Euganei attraverso un festival diffuso di musica dal vivo e sempre più attento alla sostenibilità. – commenta Andrea Vedovato, presidente di Associazione Play APS -.  Oltre a favorire la mobilità sostenibile, il controllo dell’amplificazione e l’uso di luci a basso imbatto ambientale, vogliamo proteggere le foreste esistenti e crearne di nuove che permettano di catturare quelle emissioni di CO2 che non possiamo evitare. Ci siamo quindi dati un obiettivo importante: piantare e proteggere insieme gli alberi e far nascere altre foreste nel nostro territorio.”
Non soltanto sostenibilità ambientale ma anche inclusione sociale. “Quest’anno grazie alla sinergia e al coinvolgimento della Cooperativa Nuova Idea, le escursioni prevedono itinerari differenti in termini di lunghezza, dislivello e tipologia di terreno (prati, strade forestali, salite). Per garantire un contesto inclusivo e attento alle potenzialità di ognuno, sono stati scelti alcuni percorsi proprio per la loro facile accessibilità: si tratta di camminate semplici, ma non per questo banali, adatte ad essere percorse da anziani, bambini e persone con ridotta mobilità. L’area concerto è sempre accessibile in auto per chi necessita.”, spiega Vedovato.
Il programma è stato sviluppato non solo pensando ai momenti di spettacolo, ma anche come occasione per portare alla scoperta di angoli nascosti dei Colli attraverso l’esplorazione del territorio. 
“I percorsi sono concepiti per condurre il pubblico ad un luogo che, oltre al pregio naturalistico, storico e culturale offre anche una forte suggestione emotiva, cornice per accogliere un concerto dal vivo a basso impatto acustico – aggiunge Francesco Loreggian, guida naturalistica Terra di Mezzo – La meta così individuata si trova sempre su un percorso escursionistico. Un luogo immerso nella natura, spesso in posizione panoramica e isolata. L’educazione ambientale è un pilastro fondamentale per la tutela e la valorizzazione del territorio dei Colli Euganei. In quest’ottica possiamo considerare la musica anche come mezzo per trasmettere valori legati alla sostenibilità ambientale e non solo come fine unico degli eventi”.

(Provincia di Padova)