PATRIZIO BERTIN: L’ENERGIA SPINGE L’INFLAZIONE

L’INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO NELLA CITTA’ DI PADOVA.
BERTIN (ASCOM CONFCOMMERCIO): ”A SPINGERE L’INFLAZIONE SONO I COSTI DELL’ENERGIA”

“L’attenzione è sempre rivolta al pane e ai prodotti alimentari ma, come quel proverbio cinese che recita: “Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito”, non si tiene nella dovuta rilevanza che a spingere l’inflazione è soprattutto il costo dell’energia”.
Il presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin, non minimizza l’impatto dell’inflazione registrata dai dati diffusi questa mattina dal Comune di Padova, Settore Programmazione Controllo e Statistica – Ufficio Prezzi, ma sottolinea che il problema è più a monte che non a valle.
“Nel momento  – evidenzia – in cui l’energia elettrica aumenta in un mese dell’11% e in un anno del 76,1%, il gas cresce in un mese dell’1,9% e in un anno del 69,7% ed i carburanti del 4,7% nel mese e del 24,9%  è difficile che poi, a cascata, non aumenti anche tutto il resto. Semmai la sorpresa è quella di vedere i listini ritoccati molto meno”.
Ed in effetti, il pane, atavico indice di raffronto, aumenta dello 0,6% nel mese e del 5,9% nell’anno, mentre la frutta aumenta dell’1% da gennaio a febbraio e del 4% nell’arco dei dodici mesi oggetto della rilevazione.
Aumenti contenuti per abbigliamento (0,1% nel mese e 2,3% nell’anno) e calzature (0,2% e 1,1%) e addirittura, in qualche caso, com’è quello degli apparecchi audiovisivi, fotografici e informatici, si scende dello 0,5% nel mese e del 4,8 nell’anno.
“Fino a quando l’energia costerà così tanto – conclude il presidente dell’Ascom Confcommercio – è naturale che, in qualche misura, seppur molto ridotta, si cerchi di recuperare il maggior esborso, anche perché aumenti generalizzati avrebbero l’effetto di ridurre ancora di più i consumi già al lumicino. O si mette un freno ai costi dell’energia o l’inflazione continuerà a falcidiare i redditi delle famiglie e, con essi, i consumi”.

PADOVA 17 MARZO 2022

(Ascom Padova)