ETICHETTA AMBIENTALE PER GLI IMBALLAGGI

Con il termine etichetta ambientale per gli imballaggi viene intesa una serie di indicazioni poste sull’imballaggio, sia questo un prodotto alimentare o non, riguardano la corretta gestione del rifiuto derivante dall’imballaggio al termine del suo utilizzo.

 Il decreto legislativo (D.Lgs.) 3 settembre 2020 n. 116, in vigore dal 26 settembre 2020, ha apportato importanti modifiche al D. Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 che detta norme in materia ambientale. Fra le modifiche più importanti per il settore vitivinicolo e non solo (sono interessati tutti i prodotti commercializzati in preimballaggi di vetro, lattine, multistrato, ecc) sono quelle che ha introdotto per i produttori l’obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell’imballaggio, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi e altresì dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi. La decisione 97/129/CE indica i codici dei materiali impiegati che necessariamente dovranno essere riportati nell’etichetta. Con successivi provvedimenti è stata prevista la sospensione fino al 31 dicembre 2021 dell’obbligo di indicare,  quanto previsto dalla decisione 97/129/CE della Commissione. Con tali norme è stato anche disposto che i prodotti confezionati entro tale data, senza le indicazioni sullo smaltimento, potranno essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte. Le etichette non utilizzate entro tale scadenza non potranno essere utilizzate se non adeguate, in quanto non sono stati previsti termini di smaltimento delle etichette in giacenza presso le aziende.

Alla luce delle premesse suddette, se non interverranno provvedimenti legislativi derogatori sui tempi di adeguamento o sui soggetti obbligati, dal 1° gennaio 2022 tutte le aziende confezionatrici del settore agroalimentare dovranno indicare in etichetta, ai fini della identificazione e classificazione dell’imballaggio, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati

La decisione 97/129/CE indica i codici dei materiali impiegati che necessariamente dovranno essere riportati nell’etichetta. I codici, la numerazione e le relative descrizioni dei materiali sono riportati nei 7 allegati del provvedimento suddetto. Gli allegati che interessano principalmente il settore vitivinicolo, la birra o le altre bevande alcoliche sono i seguenti:

Allegato II           (carta e cartone)

Materiale Abbreviazioni Numerazione
Cartone ondulato PAP 20
Cartone non ondulato PAP 21
Carta PAP 22

 

Allegato III          (metallo)

Materiale Abbreviazioni Numerazione
Acciaio FE 40
Alluminio ALU 41

 

Allegato IV          (legno e sughero)

Materiale Abbreviazioni Numerazione
Legno FOR 50
Sughero FOR 51

 

Allegato VI          (vetro)

Materiale  Abbreviazioni Numerazione
Vetro incolore GL 70
Vetro verde GL 71
Vetro marrone GL 72

 

Allegato VII         (prodotti composti) Tabella a titolo di esempio

Materiale  Abbreviazioni Numerazione
Carta e cartone/metalli vari C/M 80
Plastica/alluminio PET/ALU 90
Vetro/alluminio GL/ALU 96

 

A titolo puramente esemplificativo, che non assume alcuna indicazione ufficiale legislativa, si riportano di seguito tre tabelle con le voci da riportare:

– bottiglie in vetro per vino spumante con tappo in sughero, lamina (capsula) in alluminio e gabbietta in acciaio

Bottiglia Lamina (Capsula) Gabbietta Tappo
Vetro Alluminio Acciaio Sughero
GL 70 o 71 o 72 ALU 41 FE 40 FOR 51
Raccolta differenziata Rifiuti organici

 

– bottiglie in vetro per vini tranquilli e/o frizzanti con tappo in sughero raso bocca e lamina (capsula) in alluminio

Bottiglia Lamina (Capsula) Tappo
Vetro Alluminio Sughero
GL 70 o 71 o 72 ALU 41 FOR 51
Raccolta differenziata Rifiuti organici

 

– bottiglie in vetro per vini tranquilli e/o frizzanti con tappo metallico a corona

Bottiglia Tappo
Vetro Acciaio o metallo
GL 70 o 71 o 72 FE 40
Raccolta differenziata

 

L’elenco completo dei codici dei materiali è recuperabile

al seguente link    decisione della commissione del 28 gennaio 1997

 

Si precisa che le etichette possono essere adeguate aggiungendo le indicazioni di smaltimento degli imballaggi anche con un’etichetta aggiuntiva e possono essere riportate sia in forma di tabella che di elenco.

L’altezza minima dei caratteri di dette indicazioni è pari a 1.2 mm (Regolamento UE 1169/2011, art. 13)

È prevista inoltre possibilità dell’utilizzo di canali digitali per veicolare le informazioni da riportare in etichetta ad esempio specifiche App, QR Code, ecc. (si suggerisce di prevedere chiare indicazioni sul packaging relativamente alle modalità mediante le quali il consumatore può ricercare tramite gli strumenti digitali o i siti web)

La mancanza dell’indicazione dell’etichetta ambientale sugli imballaggi è sanzionata.

The post ETICHETTA AMBIENTALE PER GLI IMBALLAGGI appeared first on Veneto Coldiretti.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us:
Pin Share