Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo su Hollywood”. Regista, sceneggiatore, produttore, attore e creatore di mondi che hanno avuto un impatto dirompente nell’immaginario collettivo degli ultimi decenni, Quentin Tarantino viene omaggiato alla Festa del Cinema di Roma con il Premio alla Carriera ed è protagonista di un Incontro Ravvicinato.
La pandemia ha fatto dire a molti che il cinema è morto a favore delle serie tv: “Vedremo se il cinema è morto – ha detto il regista -. Io ho una sala di proiezione e ne ho appena comprata un’altra e posso dirvi che dopo la pandemia abbiamo avuto una grande affluenza di pubblico. La gente vuole tornare alla vita di sempre, vuole normalità”.
(ITALPRESS).

Be the first to comment on "Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”"

Leave a comment