LATTE: CONVOCATO IL TAVOLO MIPAAF PER IL 30 SETTEMBRE SALVAGNO: SU TUTTO IL SETTORE ZOOTECNICO PESA IL CARO MATERIE PRIME

LATTE: CONVOCATO IL TAVOLO MIPAAF PER IL 30 SETTEMBRE SALVAGNO: SU TUTTO IL SETTORE ZOOTECNICO PESA IL CARO MATERIE PRIME

Coldiretti accoglie favorevolmente la convocazione del tavolo Mipaaf sulla filiera lattiero casearia. “La situazione del prezzo del latte alla stalla è diventata insostenibile con gli allevatori messi sotto pressione da prezzi troppo bassi a fronte del rincaro delle materie prime e dei foraggi, dal mais alla soia, a causa delle tensioni generate dalla pandemia”. Il Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli ha accolto la richiesta di Coldiretti affinchè nei contratti di fornitura fra le industrie di trasformazione e gli allevatori siano concordati compensi equi perché a fronte dei i rincari delle materie prime alla base dell’alimentazione degli animali è fondamentale assicurare la sostenibilità finanziaria degli allevamenti sottraendoli al rischio di chiusura a causa di prezzi sotto i costi di produzione” afferma Ettore Prandini presidente nazionale di Coldiretti.

Secondo un recente report Veneto Agricoltura, che prende spunto da un monitoraggio Ismea, i prezzi del latte consegnato alle industrie di trasformazione relativi al primo semestre 2021 segnano per il Veneto una media di 36,2€/hl + IVA, confermando l’urgenza di rivedere le quotazioni pagate agli allevatori considerata la mutata situazione del prezzo del latte spot. Diversa naturalmente la situazione per le cooperative che determinano il valore del latte al termine dell’anno e secondo criteri naturalmente diversi da quelli dell’industria di trasformazione.

“Un’adeguata remunerazione del lavoro degli allevatori di tutti i comparti zootecnici – aggiunge Daniele Salvagno presidente di Coldiretti Veneto  – è condizione imprescindibile per mettere al sicuro tutta la filiera e continuare a garantire ai consumatori prodotti sicuri e di qualità che sostengono l’economia, il lavoro e i territori italiani. Perché quando una stalla chiude si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere, spesso da intere generazioni, lo spopolamento e il degrado”.

Il Veneto – ricorda Coldiretti – realizza un patrimonio caseario dato per il 60% dal lavoro di 3500 stalle (su circa 7mila aziende zootecniche) che mungono più di 10 milioni di quintali di latte all’anno, mentre tutta la filiera regionale sviluppa un valore che supera abbondantemente i 500 milioni di euro.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us:
Pin Share