CINGHIALI IN STRADA A TARZO: E’ ORMAI UNA QUESTIONE DI ORDINE PUBBLICO

Coldiretti Treviso accoglie l’allarme del sindaco Sacchet. “Istituito un tavolo in Regione. Presto il piano”.

“L’allarme cinghiali è un problema reale e concreto non solo per gli agricoltori e le loro aziende ma anche per la popolazione”. Così Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso, raccoglie l’allarme del sindaco di Tarzo Vincenzo Sacchet che denuncia un aumento esponenziale in questi giorni da parte dei suoi concittadini di segnalazioni di incontri ravvicinati con i cinghiali. “Il primo cittadino di Tarzo lancia l’allarme perché queste segnalazioni rilevano sempre più spesso la presenza dei cinghiali nelle strade e anche nei giardini privati – aggiunge Giuseppe Satalino, direttore di Coldiretti Treviso – pensiamo allora ai danni che compiono nelle aziende agricole e nei terreni coltivati che fanno da cuscinetto ai centri abitati. Oggi è chiaro che quello della fauna selvatica è un problema di ordine pubblico”.
Coldiretti Treviso accoglie favorevolmente il tavolo di coordinamento per la gestione della fauna selvatica che permetterà di rendere operativi i piani di controllo istituito da Regione del Veneto. Un’attività sollecitata dagli stessi agricoltori di Coldiretti durante la recente mobilitazione a Venezia fino che ha visto coinvolti direttamente anche i cittadini, sindaci e amministratori locali per i problemi di sicurezza che la presenza di specie invasive come i cinghiali, i cervi, ad esempio, possono comportare.

(Coldiretti Padova)