SOSTEGNI BIS. COLDIRETTI: APPROVATA IN VENETO LA DECLARATORIA PER I DANNI DA GELATE. BORTOLAS (DONNE IMPRESA): RICADUTE POSITIVE ANCHE PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

SOSTEGNI BIS. COLDIRETTI: APPROVATA IN VENETO LA DECLARATORIA PER I DANNI DA GELATE. BORTOLAS (DONNE IMPRESA): RICADUTE POSITIVE ANCHE PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

BORTOLAS (DONNE IMPRESA): RICADUTE POSITIVE ANCHE PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

 

3 agosto 2021 – La Regione del Veneto ha approvato la declatoria per i danni da gelate tardive riservata alle produzioni vegetali ed apistiche.  Coldiretti informa che il provvedimento è legato allo stanziamento disposto dal Governo “Sostegni bis”  che prevede oltre 2 miliardi per l’agricoltura. Nell’annunciare che gli sportelli territoriali sono a disposizione degli agricoltori per la presentazione delle istanze (dopo l’approvazione dell’apposito decreto MIPAAF, presumibilmente a partire dal mese di settembre) Coldiretti Veneto ricorda che l’aumento del Fondo di Solidarietà prevede la possibilità di ripartire tra le regioni d’Italia 161 mln di ristoro per le perdite subite a causa del gelo tardivo e sostenute, in particolare, dai frutticoltori e apicoltori veneti.

Il pacchetto completo del Decreto Sostegni – commenta Coldiretti Veneto – comprende anche azioni che vanno dal fisco al lavoro, dall’imprenditoria femminile ai giovani, dal rilancio degli allevamenti agli agriturismi, dai risarcimenti per il maltempo fino al comparto dello zucchero”.

Tra le disposizioni di rilievo c’è l’agevolazione riservata agli under 40  per effetto della quale finalmente le imprenditrici e le imprese a totale o prevalente partecipazione femminile potranno beneficiarie di contributi a fondo perduto fino al 35% delle spese ammissibili e un mutuo a tasso zero nei limiti del 60% dell’investimento). Un’importante novità – spiega Chiara Bortolas presidente regionale di Donne Impresa – che contribuirà a superare le criticità riscontrate nell’attuazione  della misura “Donne in campo” e concorrerà quindi a favorire l’incremento della presenza e occupazione rosa in campagna. Con tale norma si punta a superare il limite anagrafico richiesto per l’accesso alla misura agevolativa nel caso di imprese amministrate o condotte da donne o da società composte in maggioranza da donne. Una rilettura – aggiunge Chiara Bortolas – che tiene conto della realtà imprenditoriale e che è stata fortemente sollecitata dalle agricoltrici di Coldiretti.
Secondo l’analisi di Coldiretti le ricadute positive per il settore regionale riguardano anche un comparto emergente come quello della birra artigianale. Per i produttori c’è l’assegnazione di un fondo perduta pari a 23 centesime di euro al litro purchè il prodotto sia conforme e riconosciuto nella filiera italiana.  Nel documento – continua Coldiretti – si danno risposte concrete alle imprese di allevamento di bovini e suini aumentando per il 2021 le percentuali di compensazione Iva per le cessioni degli animali vivi portandole al 9,5%: tale intervento avrà immediati effetti anche in termini di liquidità disponibile per gli allevatori. Significativo è l’aumento di 5 milioni del “fondo filiere” per interventi destinati per il 2021 agli allevatori di bovini oltre allo stanziamento di 15 milioni di euro per il sostegno dei distretti di agricoltura biologica. Inoltre – precisa la Coldiretti – il “fondo agrumicolo” viene rifinanziato con 5 milioni di euro per il 2021 mentre il fondo per l’innovazione in agricoltura disporrà nel 2021 di risorse aggiuntive per 500 mila euro. Novità per la cessione di animali vivi per attività venatoria: sarà applicata l’IVA ridotta al 10% e rientrano nel regime speciale IVA per l’agricoltura. fino al 31 dicembre 2021

Di grande rilievo le disposizioni in tema di agriturismo, soprattutto per l’incremento dell’occupazione, in quanto i lavoratori addetti all’agriturismo vengono considerati lavoratori agricoli anche ai fini di stabilire il rapporto di connessione tra attività agricola ed agrituristica. Importante l’intervento – sostenuto da Coldiretti – a favore dell’imprenditoria agricola femminile in quanto si estendono alle imprese condotte da donne, a prescindere dall’età, le misure agevolative sull’autoimprenditorialità previste solo per i giovani dai 18 ai 40 anni, quali ad esempio i mutui agevolati a tasso zero per gli investimenti o un contributo a fondo perduto sempre per gli investimenti. Vista la particolare situazione congiunturale negativa per i produttori di zucchero da barbabietola, il decreto stanzia, per l’anno 2021, 25 milioni di euro per l’erogazione di contributi sulla base delle superfici coltivate a barbabietola.

Significativo l’intervento – conclude Coldiretti – per l’anticipazione a favore delle imprese agricole dei pagamenti diretti, nell’ambito degli aiuti Pac, in considerazione delle situazioni di crisi, anche di natura sanitaria e fitosanitaria o determinate da avverse condizioni metereologiche, in cui versano le imprese agricole. Le difficoltà derivanti dalla mancanza di liquidità da parte delle imprese agricole sono affrontate dal decreto “Sostegni bis” anche tramite l’integrazione del fondo Ismea per la gestione delle garanzie, a titolo gratuito, che l’Istituto eroga a favore delle imprese agricole e della pesca.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us:
Pin Share