CIMICE. COLDIRETTI VENETO, PRESENZA PREOCCUPANTE SU MELE. AD AGOSTO LA RACCOLTA DELLE VARIETA’ PRECOCI

CIMICE. COLDIRETTI VENETO, PRESENZA PREOCCUPANTE SU MELE. AD AGOSTO LA RACCOLTA DELLE VARIETA’ PRECOCI

CIMICE. COLDIRETTI VENETO, PRESENZA PREOCCUPANTE SU MELE. AD AGOSTO LA RACCOLTA DELLE VARIETA’ PRECOCI

28 luglio 2021 – La presenza della cimice asiatica sui frutteti preoccupa gli agricoltori veneti in vista dell’imminente raccolta delle varietà precoci di mele. Coldiretti ha incrociato i dati dei monitoraggio dell’insetto e conferma la diffusione più intensa dopo che il 2020 aveva fatto registrare una generale diminuzione. Secondo il coordinatore scientifico del progetto di Coldiretti Verona che dal 2019 monitora la presenza del parassita sulle frutticole, Dott. Massimiliano Pasini di AGREA Centro studi “La situazione della diffusione e intensità di popolazione della cimice asiatica (Halyomorpha halys) nell’area sud veronese (melo e pero) è tornata a preoccupare, dopo che il 2020 aveva fatto registrare una generale diminuzione. La media di presenze stagionali è di 13 cimici adulte e 18 in fase giovanile, contro rispettivamente 8 e 5 nel 2020”.

La vespa samurai sta producendo  i suoi effetti di contenimento – dice Coldiretti Veneto –  ma come per tutti i metodi di lotta biologica servono anni per vedere i risultati tangibili. Le popolazioni devono trovare gli equilibri, le cimici sono ancora numerose visto che l’azione dell’insetto utile si assesta al di sotto del 20% delle ovature. Tutti i metodi aggiuntivi dai presidi sanitari alla cattura massale – conclude Coldiretti Veneto –  sono necessari per riuscire a debellare dall’inizio il fenomeno che nell’anno passato è stato notevolmente ridimensionato naturalmente. Il timore è che il 2021 sia difficile per gli agricoltori come due anni fa quando intere colture di mele, pesche, pere, kiwi sono state decimate.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: