Sud Sudan, operatori umanitari uccisi in agguato. Scanagatta (Cuamm), “sotto choc ma restiamo”

Non cessa la violenza nella regione del Lake State in Sud Sudan. Dopo l’agguato ad aprile al vescovo di Rumbek Christian Carlassare, il 7 giugno sono stati uccisi due operatori umanitari sud sudanesi di Medici con l’Africa-Cuamm. Il racconto di Chiara Scanagatta, responsabile dei progetti Cuamm in Sud Sudan.

Leggi il servizio de La Difesa del popolo

(Diocesi di Padova)

Please follow and like us:
Pin Share