Aggiornamento dalla Thailandia

L’esperienza missionaria di alcuni fidei donum in Thailandia, nella diocesi di Chiang Mai, sta aiutando le nostre diocesi a sentire importante per la vita e la crescita della comunità cristiana, il cammino ecumenico e interreligioso, soprattutto con il mondo buddista. Trascorsi più di 20 anni di presenza nella parrocchia di Chae Hom, è giunto il tempo, come già concordato, di consegnare la parrocchia alla diocesi, per aprirci a nuove esperienze e attività. Questa scelta è sentita da tutti i Centri Missionari diocesani come una opportunità e un’occasione per rivalutare e rilanciare la missione in Thailandia e in Asia e anche per ripensare l’animazione missionaria nelle nostre diocesi del Triveneto. In questi anni si sono rivelati molto utili e preziosi gli scambi e le visita di sacerdoti, giovani e altre persone alle missioni in Thailandia.

A seguito di un’ampia e approfondita discussione, sentiti i CMD e i fidei donum in Thailandia, i vescovi del Triveneto hanno deliberato di riconsegnare la parrocchia di Chae Hom alla diocesi di Chiang Mai, (attorno alla pasqua del 2022). Il periodo di servizio dei fidei donum viene indicato in circa 15 anni al massimo, per garantire un effettivo scambio fra chiese.

La CET (Conferenza Episcopale Triveneto) si impegna per la costruzione di una casa canonica nel terreno della chiesa di S. Agostino (Panthum), che sarà la nuova sede parrocchiale di Chaehom (nel video ecco il vescovo locale con i nostri FD che fanno un sopralluogo).

Don Bruno Rossi – che ha chiesto ed ottenuto dal vescovo Claudio di restare in Thailandia oltre il termine dei 15 anni – ad aprile 2022 sarà affidato alla sola della diocesi di Padova, al di fuori quindi, della missione del Triveneto. Continuerà a seguire la Fondazione Laudato Si’, rimanendo a Chaehom, sotto la guida e le indicazioni del vescovo locale. 

I FD del progetto triveneto rimarranno in 3, in attesa dell’invio di un quarto presbitero, già individuato dalla diocesi di Concordia-Pordenone: don Gabriele Cercato. La presenza, auspicata da anni, di alcuni laici potrebbe essere utile per attività legate alla pastorale sociale, in base alle loro specifiche qualità umane e professionali.

(Diocesi di Padova)

Please follow and like us: