GIORNATA DELLA BIODIVERSITA’ AL MERCATO AGRICOLO COPERTO DI MESTRE CHE FESTEGGIA TRE ANNI DALLA SUA APERTURA.

GIORNATA DELLA BIODIVERSITA’ AL MERCATO AGRICOLO COPERTO DI MESTRE CHE FESTEGGIA TRE ANNI DALLA SUA APERTURA.

I segreti per cucinare perfettamente  “i botoi di sant’Erasmo”, altre ricette sfiziose proposte dai cuochi contadini.

I volontari della FOCSIV venderanno il riso 100% made in Italy per l’Iniziativa “Abbiamo riso per una cosa seria”

Mestre, 21 Maggio 2021 – Il patrimonio di biodiversità del Paese si difende anche facendo la spesa al mercato dove gli agricoltori portano le specialità custodite da generazioni. L’iniziativa è della Coldiretti che celebra la giornata mondiale della biodiversità 2021, proclamata nel 2000 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il 22 maggio di ogni anno.  Domani al mercato agricolo coperto di Mestre in via Palamidese 3-5 di Mestre, riferimento per i cittadini che amano il km zero, che proprio in questi giorni festeggia il terzo anno di apertura, vedrà la presenza di ospiti speciali, una rappresentanza dei giovani imprenditori agricoli, nel ruolo di tutor della spesa, loro stessi produttori dei cibi più originali e particolari della dieta mediterranea, nati dall’ingegno della tradizione contadina e difesi in un anno di pandemia grazie alla più grande opera di valorizzazione della biodiversità mai realizzata nel Paese. Ma in azione ci sarà anche Fiorella Enzo dell’azienda agricola Finotello di sant’Erasmo che alle ore 9.30 verrà a raccontare il segreto per cucinare uno dei prodotti che più richiamano alla biodiversità veneziana “il carciofo violetto di Sant’Erasmo”. “Ho imparato a cucinare i botoi da mia suocera isolana, c’è una tecnica particolare per farli venire squisiti e far sì che il loro sapore venga esaltato al massimo” racconta Fiorella chiamata e conosciuta da tutti in Isola come “Cosetta”. Non mancheranno nemmeno i cuochi contadini, oltre a Diego Scaramuzza che ne è il precursore, riferimento sicuro e sempre presente al mercato contadino, ci sarà anche Tiziana Favaretto neo presidente di Terranostra Venezia che domani insieme a “Cosetta” offrirà una ricetta sfiziosa per valorizzare e proporre anche ai più giovani e meno avvezzi  al consumo di verdure a km zero, una prelibatezza a cui non potranno rinunciare. Non è finita qui. Domani al mercato coperto saranno presenti anche gli operatori dell’associazione FOCSIV per l’iniziativa Abbiamo riso per una cosa seria! “ Un riso made in Italy certificato che verrà venduto alla cittadinanza e il cui ricavato andrà a sostenere un progetto di agricoltura famigliare in Ecuador. Il pacco di riso 100% italiano, rappresenta l’ alleanza globale tra risicoltori italiani e coltivatori del Sud del mondo, entrambi condizionati dalle scelte imposte dall’ agribusiness: i primi, in difficoltà a causa delle logiche del mercato globale agroalimentare, e i secondi resi più poveri dalle politiche di accaparramento delle terre ( land grabbing – furto ) e della scelta delle monoculture. I contadini insieme ai consumatori consapevoli, uniti per difendere chi lavora la terra, contro il suo abbandono, il caporalato e lo sfruttamento del lavoro. Una filiera di persone per sostenere le piccole comunità rurali, richiedere politiche adeguate, promuovere il valore dell’ agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni. “ L’ agricoltura familiare è un approccio allo sviluppo rurale che salvaguarda la biodiversità, le colture e le culture dei diversi popoli e paesi, nel pieno rispetto e custodia del Creato, e domani è l’occasione giusta  per ricordarlo, anche se contiamo che diventi una consapevolezza quotidiana nella spesa di ogni consumatore.” conclude Davide Montino,  presidente di Agrimercato Venezia, l’associazione che coordina e promuove i mercati agricoli per Coldiretti.

 

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: