NOVITA’ SU CANONE RAI E OSAP

EMENDAMENTI AL DECRETO SOSTEGNI: NOVITA’ SU CANONE RAI E OSAP

Il Senato della Repubblica ha concluso l’esame del disegno di legge n. 214, di conversione in legge del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19.

Di particolare interesse alcuni emendamenti per le imprese turistico ricettive e della ristorazione

ESONERO CANONE RAI 2021

Per l’anno 2021, le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico, comprese le attività similari svolte da enti del terzo settore, sono integralmente esonerate dal versamento del canone speciale RAI.
Viene pertanto incrementata al 100% la percentuale di esonero, che in una prima fase era stata fissata al 30%.

ESONERO IMU

L’esonero dalla prima rata IMU per l’anno 2021, già riconosciuto a tutte le strutture ricettive e agli stabilimenti termali e balneari indipendentemente dalla perdita di fatturato a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività ivi esercitate, è stato esteso a tutti i soggetti titolari di partita IVA che usufruisco del contributo a fondo perduto (di cui all’articolo 1 del decreto in esame, a condizione quindi che l’ammontare medio mensile di fatturato e corrispettivi del 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto a quello del 2019) per gli immobili nei quali i soggetti passivi esercitano le attività di cui siano anche gestori.

La disposizione consente quindi di usufruire del beneficio anche alle attività svolte in immobili non classificati D2, a condizione che risulti la perdita di fatturato che consente di ottenere il contributo a fondo perduto.

OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO

Vengono prorogate al 31 dicembre 2021 le misure di semplificazione vigenti a sostegno dei pubblici esercizi relative alle richieste di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico o di ampliamento delle superfici concesse.

Inoltre, per il medesimo periodo, vengono prorogate le misure di semplificazione per la posa in opera temporanea di strutture amovibili funzionali all’attività di pubblico esercizio (quali dehor, tavoli, sedute, ombrelloni, eccetera).

VOUCHER

La durata della validità dei voucher già rilasciati (ai sensi dell’articolo 88 bis del decreto-legge “cura Italia” n. 18 del 2020) fissata in 18 mesi, viene portata a 24 mesi. Pertanto i voucher già emessi, anche se riportanti un termine di validità di 12 o di 18 mesi, hanno validità di 24 mesi dalla data di emissione. In ogni caso, decorsi 24 mesi dall’emissione, per i voucher non usufruiti né impiegati nella prenotazione dei servizi, la struttura ricettiva dovrà rimborsare, entro 14 giorni dalla scadenza, l’importo versato.

Nel caso in cui il pagamento o la prenotazione sia stato effettuato da una agenzia di viaggio, il voucher può essere ceduto dal beneficiario all’agenzia di viaggio oppure può essere emesso direttamente in favore di quest’ultima.

RINEGOZIAZIONE DELLE LOCAZIONI COMMERCIALI

La norma è volta a consentire un percorso regolato di condivisione dell’impatto economico derivante dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a tutela delle imprese e delle controparti locatrici, nei casi in cui il locatario abbia subito una significativa diminuzione del volume d’affari del fatturato o dei corrispettivi, derivanti dalle restrizioni sanitarie, nonché dalla crisi economica di taluni comparti e dalla riduzione dei flussi turistici legati della crisi pandemica in atto. Locatario e locatore sono tenuti a collaborare tra di loro per rideterminare il canone di locazione.

Il Decreto – legge “Sostegni” passa ora all’esame della Camera dei deputati. L’approvazione definitiva dovrà avvenire entro il 21 maggio 2021. Pertanto, è molto probabile che la Camera recepisca il testo approvato dal Senato senza apportare modificazioni.

Padova 11 maggio 2021

(Ascom Padova)

Please follow and like us: