IN VISTA DELLA RIPARTENZA APPELLO AI SINDACI DEL PRESIDENTE BERTIN

IL PRESIDENTE DELL’ASCOM CONFCOMMERCIO DI PADOVA, PATRIZIO BERTIN, IN VISTA DELLA RIPARTENZA SI APPELLA AI SINDACI: “ABBIAMO BISOGNO DELLA VOSTRA MASSIMA COLLABORAZIONE PER LA CONCESSIONE DEGLI SPAZI ESTERNI PER DARE A TUTTI I BAR E RISTORANTI LA POSSIBILITA’ DI LAVORARE”

“Le ipotizzate norme sulle riaperture non sono il massimo, per cui dobbiamo fare in modo che siano ridotte al minimo le discriminazioni”.
Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, non si nasconde le difficoltà della ripartenza ma riserva comunque un giudizio positivo alla strada intrapresa dal governo.
“Stiamo facendo pressione – aggiunge mentre è in viaggio verso Roma dove domattina incontrerà la ministra dell’Interno Lamorgese – perché i ristoranti possano svolgere la loro attività, oltre che all’aperto, anche negli spazi interni e, soprattutto, in un orario decente per cui crediamo che un allungamento alle 23 del “tutti a casa” possa essere ragionevole”.
Opzioni che se non proprio ottimali offrirebbero comunque un ventaglio di opportunità decisamente maggiori per gli operatori del settore.
“Ma dal momento – continua Bertin –  che non sappiamo se questi nostri auspici troveranno accoglimento nel provvedimento che il governo si appresta a varare, è necessario che i comuni siano il più possibile collaborativi, concedano i permessi di ampliare i plateatici e, dove non ci sono, verifichino le condizioni per creare spazi supplementari anche modificando, dove possibile, la viabilità”.
Un intervento dunque non di routine come non deve essere di routine l’iter burocratico.
“Non dico che per ampliare possa essere sufficiente una telefonata – continua il presidente dell’Ascom Confcommercio – ma sicuramente i tempi non possono essere quelli della normale burocrazia italica, famosa nel mondo per fiaccare qualsiasi iniziativa”.
E’ una sorta di “chiamata alle armi” generale quella del presidente dell’Ascom Confcommercio, nella prospettiva di una normalizzazione che, naturalmente, potrà arrivare solo a campagna vaccinale a regime.
A Padova l’assessore Bressa si è già dichiarato disponibile a mettere a disposizione anche spazi verdi e dunque non direttamente collegati all’esercizio. Su questa falsariga io mi auguro che tutti i sindaci si sentano impegnati a dare una mano non  tanto ad un’economia che ha bisogno di riprendere un cammino interrotto ormai 14 mesi fa, ma alle loro stesse comunità che nel lavoro di chi opera nel commercio, nel turismo, nella ristorazione, nei bar, fondano gran parte del proprio essere”.

Padova 19 aprile 2021

(Ascom Padova)

Please follow and like us: