Dagli agricoltori i pacchi della solidarietà alle famiglie circensi dell’Alta padovana

Dagli agricoltori i pacchi della solidarietà alle famiglie circensi dell’Alta padovana

I pacchi alimentari che Coldiretti Padova sta consegnando in questi giorni in tutta la provincia per raggiungere le famiglie alle prese con le difficoltà di questo periodo arrivano anche ad alcune famiglie di imprenditori circensi dell’Alta padovana. Oggi i generi alimentari sono stati consegnati alla Caritas di San Martino di Lupari alla presenza del parroco don Lino Buso, del presidente del comprensorio cittadellese di Coldiretti Maurizio Canton e del presidente della sezione Coldiretti di San Martino di Lupari Diego Carlon. I pacchi dell’iniziativa nazionale “A sostegno di chi ha più bisogno”, in collaborazione con Filiera Italia, andranno anche ad alcune famiglie del paese di lavoratori circensi, un settore completamente fermo da oltre 13 mesi. Ogni famiglia riceverà un pacco di oltre 50 chili con prodotti 100% Made in Italy come  pasta e riso, Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi fra caciotte e pecorino.

Poco dopo i volontari di Coldiretti hanno raggiunto anche Carmignano di Brenta per lasciare i pacchi solidali all’assessore Andrea Bombonati che provvederà a consegnarli alle famiglie bisognose. Ieri l’iniziativa aveva toccato anche Cittadella, grazie alla collaborazione con l’assessore Filippo De Rossi e al parroco don Davide Galiazzo. Altri Comuni dell’Alta padovana saranno raggiunti nelle prossime ore, come nel resto della provincia: le ultime consegne hanno riguardato la Caritas vicariale di Montagnana e Merlara, le parrocchie di Anguillara Veneta e Ronchi di Casalserugo, i Comuni di Montegrotto Terme, Selvazzano Dentro e Teolo.

Per Pasqua Coldiretti vuole raggiungere le famiglie alle prese con le difficoltà economiche e sociali di questo periodo e dare loro la possibilità di trascorrere qualche giorno di festa portando a tavola i prodotti della nostra agricoltura. “Ringraziamo i parrochi, le associazioni, i sindaci e gli amministratori comunali per la collaborazione, grazie alla quale possiamo raggiungere direttamente le famiglie da aiutare. – afferma Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova – Questa iniziativa vuole essere un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi hanno pagato più di altri le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid. La crisi non è passata e il mondo agricolo vuole fare la sua parte con azioni concrete, direttamente sul territorio. E’ un segno per chi ha bisogno e una sollecitazione a tutti coloro che possono, perché facciano altrettanto”.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: