L’ASCOM CHIEDE REGOLE UGUALI PER NEGOZI CHIUSI E SUPERMERCATI

“REGOLE UGUALI PER TUTTI”: L’ASCOM CONFCOMMERCIO CHIEDE PARITA’ DI TRATTAMENTO TRA NEGOZI CHIUSI E SUPERMERCATI: “IN ALCUNE GRANDI STRUTTURE IN VENDITA ANCHE ABBIGLIAMENTO, CALZATURE E ARTICOLI PER LA CASA, ESPRESSAMENTE VIETATI”

“L’importante è che le regole siano uguali per tutti e che non ci siano figli e figliastri. Per cui: se un prodotto può essere venduto è giusto che lo vendano tutti, se non può essere venduto è giusto che non lo venda nessuno”.
Prende posizione, sollecitato da molti colleghi che hanno il negozio (chiuso) in città e provincia, il presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin.
Il problema era già emerso ai tempi del primo lockdown, ma è tornato prepotentemente d’attualità in questa settimana di “zona rossa”: ci sono supermercati che, sfruttando la possibilità di tenere aperto, vendono anche prodotti che, tecnicamente, non sono previsti dall’allegato 23 di cui al DPCM di gennaio.
“In pratica – sottolinea Riccardo Capitanio, presidente di Federmoda Ascom Confcommercio Padova – si tratta dell’abbigliamento, delle calzature (con l’esclusione dei prodotti destinati ai bambini) e degli articoli per la casa, quali possono essere posate e stoviglie”.
In pratica cosa succede?
“Succede – spiegano negli uffici dell’Ascom Confcommercio – che ci sono supermercati, soprattutto quelli di maggiori dimensioni, che hanno anche reparti per l’abbigliamento, le calzature e gli articoli per la casa. Ebbene questi reparti devono essere o schermati o svuotati. Purtroppo, come i nostri associati ci stanno documentando, tutto questo, in qualche caso, non sta avvenendo”.
Potrebbe sembrare una cosa marginale, ma non è così.
“Purtroppo – aggiunge Capitanioc’è un settore che sta soffrendo tantissimo e sono i negozi che, obbligatoriamente, hanno dovuto abbassare le serrande e sono sempre in attesa di conoscere se e quando otterranno quegli indennizzi che si spera possano arrivare in fretta altrimenti la chiusura è dietro l’angolo”.
“Nessuno disconosce il ruolo che hanno svolto i supermercati nel corso di questo difficile anno – conclude il presidente Bertin – anzi, in alcuni casi ci siamo trovati fianco a fianco per cercare di limitare i danni, ma non sarebbe male, anzi sarebbe eticamente corretto, che in una situazione come quella attuale, difficilissima, si potesse evitare di commercializzare prodotti che la norma espressamente esclude dalla possibilità di vendita in locali aperti al pubblico”.

PADOVA 18 MARZO 2021

(Ascom Padova)

Please follow and like us:
Pin Share