Comunicato stampa: 1.000 monopattini a noleggio in arrivo dal 20 aprile

E’ finalmente in arrivo a Padova il servizio di monopattini in sharing.
Dalla seconda metà di aprile sarà possibile muoversi con questi mezzi: sarà necessaria l’iscrizione ad una app attraverso la quale si potranno prenotare e, come anche per il servizio di biciclette elettriche, ci saranno tariffe a consumo, pacchetti di minuti o abbonamenti settimanali o mensili. Bit Mobility e Wind Mobility sono i due operatori che si sono aggiudicati la gara e offriranno quindi il servizio a Padova.

Dichiara l’assessore alla mobilità, Andrea Ragona: “Con l’arrivo della bella stagione arrivano finalmente anche i monopattini. Con la seconda metà di aprile, salvo ritardi dovuti all’emergenza Covid, Padova potrà vantare una nuova modalità per muoversi, sostenibile, che ormai caratterizza tutte le grandi città. Si andranno ad aggiungere alle centinaia di biciclette, elettriche e non, di RideMovi, andando a comporre un tassello importante per sviluppare ulteriormente l’intermodalità nel trasporto pubblico, fondamentale per ridurre ulteriormente i tempi di spostamento. I monopattini sono un mezzo particolarmente apprezzato dalle giovani generazioni, e se ne vedono sempre di più circolare per le strade ancora di più in questa fase pandemica in cui la ricerca dei mezzi alternativi per muoversi si è fatta molto forte. Una cosa sulla quale ci vogliamo impegnare, e lo faremo assieme alla Polizia Locale, è fornire a tutte e tutti i cittadini una formazione e delle chiare informazioni sulle regole per l’utilizzo di questi mezzi“.

Ricordiamo che, come previsto dal bando di gara, la flotta di monopattini sarà composta da mezzi completamente elettrici dotati di regolatore di velocità con la possibilità di bloccarla da remoto ai 20 km/h e avranno le caratteristiche previste dal Decreto ministeriale Mit n. 229 del 4/6/2019 in materia, ovvero:

  • essere dotati di motore elettrico avente potenza nominale massima non superiore a 500W;

  • non essere dotati di posto a sedere per l’utilizzatore;

  • essere dotati di regolatore di velocità configurabile;

  • riportare la relativa marcatura CE prevista dalla direttiva 2006/42/CE e essere conformi agli altri requisiti tecnici e costruttivi indicati nel decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019;

  • se sprovvisti o mancanti di luci anteriori e posteriori, utili alla segnalazione visiva, non potranno essere utilizzati in determinate fasce orarie, ma solamente condotti o trasportati a mano.

Con i monopattini si potrà transitare su tutte le piste ciclabili, le piste ciclo-pedonali e le corsie ciclabili, all’interno di tutte le strade interne alle zone 30, e sulle strade urbane con limite di velocità inferiore o pari a 50 km/h. Il transito sarà vietato lungo le strade extraurbane principali e secondarie, lungo le corsie veicolari della tangenziale, sulle rampe, le rotatorie e gli svincoli di ingresso e uscita; nelle strade urbane all’interno del centro abitato in cui il limite di velocità è superiore a 50 km/h (nella fattispecie, via Friburgo, dove il limite di velocità è di 60 km/h); all’interno dell’area esclusivamente pedonale del “Liston”, dove già vige il divieto di circolazione permanente delle biciclette, e all’interno della Zip.

Sarà invece consentito il transito ai mezzi esclusivamente condotti a mano all’interno delle principali aree di pregio storico – culturale – artistico quali l’isola Memmia, il sagrato della Cattedrale, della Basilica di S. Antonio e di S. Giustina, oltre che all’interno dei Giardini dell’Arena – esclusa la corsia riservata alle biciclette.

Sarà inoltre tassativamente vietato attraversare le rotaie del tram a bordo del monopattino, così come sarà vietato percorrere le carreggiate riservate al tram, anche nei tratti esterni ai binari. Sarà vietato transitare sotto i portici e sui marciapiedi, mentre nelle altre aree esclusivamente pedonali dove è consentito il transito alle bici, il monopattino non potrà superare la velocità di 6 km/h.

Sarà vietato l’uso ai minori di 14 anni, mentre dai 14 ai 18 anni sarà necessario essere dotati di casco e patentino.

(Padovanet – rete civica del Comune di Padova)

Please follow and like us: