COVID. AULE DIDATTICHE DI CAMPAGNA PER GLI STUDENTI. LE DONNE DI COLDIRETTI PRESENTANO ALLA MINISTRA IL PIANO DI CONTRASTO ALLE POVERTA’ EDUCATIVE

COVID. AULE DIDATTICHE DI CAMPAGNA PER GLI STUDENTI. LE DONNE DI COLDIRETTI PRESENTANO ALLA MINISTRA IL PIANO DI CONTRASTO ALLE POVERTA’ EDUCATIVE

COVID. COLDIRETTI, AULE DIDATTICHE DI CAMPAGNA PER GLI STUDENTI.

DONNE IMPRESA PRESENTA ALLA MINISTRA IL PIANO DI CONTRASTO ALLE POVERTA’ EDUCATIVE

14 gennaio 2021 – Fattorie didattiche come spazi di attività ma anche di accoglienza, sinergia e sicurezza. Questi gli ingredienti messi in campo da Donne Impresa a favore delle migliaia di studenti per il loro percorso scolastico in un periodo sicuramente complesso a livello organizzativo. Un’apertura che porta a nuove opportunità logistiche e alla sperimentazione in contesti differenti e stimolanti per i più piccoli. L’offerta è stata ribadita dalla presidente nazionale delle imprenditrici agricole Coldiretti Floriana Fanizza in occasione dell’evento promosso dalla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina per la presentazione sui canali social degli interventi a contrasto delle povertà educative e contro la dispersione scolastica. Le aziende di Coldiretti Veneto regolarmente iscritte tra le 300 dell’Elenco regionale sono disponibili ad aprire le loro aule ricavate negli annessi rustici, portici, granai e ricoveri animali per sostenere la preparazione e l’applicazione allo studio delle nuove generazioni. Insieme agli operatori agricoli didattici – spiega Chiara Bortolas responsabile del coordinamento regionale – i ragazzi potranno seguire lezioni e incontri dedicati, ad esempio, all’educazione civicaalimentare e ambientale: temi centrali per una crescita culturale equilibrata. Gli agricoltori sono preparati e formati grazie alle attività di aggiornamento previsto dalla normativa vigente e dal corredo di esperienza pratica maturata attraverso visite guidate, attività ludico pedagogiche e aggregazione nei centri estivi, campus e settimane verdi. “La campagna con i suoi ritmi è il luogo ideale per comprendere a fondo le materie scientifiche e letterarie – sottolinea Chiara Bortolasla presenza capillare di queste realtà anche in aree marginali, garantisce contatto diretto con la natura e un approccio immediato con i principi di precauzione per difendersi dal Covid-19. Una disponibilità che non solo risponde alle odierne problematiche di carattere logistico relativamente alla ricerca di soluzioni che assicurino le norme di distanziamento ma anche a quelle organizzative a livello familiare e di inclusione.“Negli ultimi vent’anni – evidenzia Chiara Bortolas – circa diecimila bambini di cui il 70% nella fascia d’età compresa fra i 4 e gli 11 anni, dalla scuola materna alla primaria, e il 30% di studenti più grandi hanno già frequentato le fattorie didattiche grazie alle iniziative di “Educazione alla Campagna Amica”. Il progetto continua con il supporto tecnologico delle piattaforme web e le tante occasioni di animazioni su profili facebook e istangram promosse dalle “maestre contadine” di Coldiretti Veneto.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: