Comunicato stampa: ex Marchesi Lab. Laboratorio di immaginazione civica per definire usi e modello di gestione dell’ex-Marchesi

Il Comune di Padova, con la collaborazione della Fondazione per l’innovazione urbana, avvia un percorso partecipativo dedicato all’ex-Marchesi.

L’obiettivo del percorso è di coinvolgere associazioni, comunità e cittadini per co-progettare gli usi e il modello gestionale degli spazi in ristrutturazione dell’ex Marchesi. I settori del Comune verranno supportati da un team multiprofessionale specializzato in percorsi di ascolto, collaborazione, e partecipazione della Fondazione per l’innovazione urbana. Le diverse fasi progettuali saranno volte a delineare un nuovo modello, a partire dagli approcci e dai metodi dell’immaginazione civica, coniugando ricerca, sapere tecnico amministrativo e ascolto della città.

Il percorso, presentato in anteprima il 10 novembre 2020 alla Consulta di Quartiere 2 Nord, si svilupperà in quattro fasi:

Questa fase è pensata per costruire un allineamento dei settori per favorire collaborazione, trasparenza e raggiungimento di risultati predisponendo gli atti amministrativi a supporto dei processi di coinvolgimento.

Il percorso di partecipazione prende avvio attraverso incontri mirati rivolti al terzo settore e alle comunità attive del territorio con progetti di mutualismo, volontariato, attività culturali e formative, definiti “corpi intermedi territoriali”. Secondo modalità diverse, come interviste e focus group, verranno coinvolti i soggetti portatori di interesse che si contraddistinguono per avere una conoscenza approfondita sui temi trattati e un punto di vista privilegiato sul territorio. Partendo dalle realtà che compongono la Consulta di Quartiere 2 (Arcella), o che hanno partecipato a percorsi già realizzati nell’area o sull’edificio in questione, verranno identificate le aspettative favorendo un percorso secondo una modalità d’ingaggio a “cerchi concentrici”, andando man mano ad allargare il gruppo dei soggetti coinvolti. L’obiettivo è costituire un’alleanza territoriale il più possibile ampia e diffusa a supporto delle ex Marchesi.

A seguito degli incontri con i corpi intermedi, il percorso si apre a tutti i cittadini e le cittadine. Si prevede una campagna di comunicazione ampia per condividere obiettivi del percorso e invitare tutti a partecipare a una fase di coinvolgimento, con assemblee e altri strumenti per favorire un percorso pubblico. Particolare attenzione verrà dedicata a far emergere proposte e progettualità, alla condivisione degli obiettivi, all’integrazione dell’analisi già avviata dai corpi intermedi.

La fase conclusiva prevede la coprogettazione di un sistema di regole di gestione che privilegi uso condiviso e aperto alle realtà civiche del territorio. Con tutte le indicazioni emerse nelle fasi precedenti, questa fase sarà volta condividere i contenuti progettuali di un avviso pubblico per l’affidamento dell’immobile.

L’attuale condizione di emergenza costringe a privilegiare modalità digitali e da remoto, come già ampiamente sperimentato in altri contesti dalla Fondazione per l’innovazione urbana. Nell’ipotesi di un allentamento delle attuali restrizioni verso primavera del 2021, si possono immaginare momenti in presenza.

Dichiara in merito l’assessora alla partecipazione Marta Nalin:
Una professionalità come quella di Fondazione innovazione urbana al servizio della nostra città è un’occasione preziosa. Un modo per sancire la qualità del metodo partecipato che caratterizzerà il percorso sull’ex Marchesi. Coinvolgere un soggetto terzo garantisce infatti la serietà e l’essere super partes rispetto al percorso e a ciò che si vuole ottenere. Siamo partiti all’interno dell’Amministrazione con gli uffici interessati e presto arriverà il momento di coinvolgimento dei cittadini e le cittadine dell’Arcella“.

Dichiara l’assessora al decentramento Francesca Benciolini:
Vogliamo che l’ex Marchesi diventi la prima vera casa di quartiere di Padova, un luogo in cui convivano servizi al territorio e spazi a disposizione dei cittadini e delle cittadine. Fondazione innovazione urbana garantirà un progetto di qualità per i nostri quartieri, facendoci arrivare ai risultati nel modo più condiviso possibile“.

Approfondimento
Per informazioni: email [email protected]

 

(Padovanet – rete civica del Comune di Padova)

Please follow and like us: