Con Pirelli Elect più autonomia al veicolo e meno rumore a bordo



Roma, 25 nov. Bassa resistenza al rotolamento per incrementare l’autonomia, basso rumore di rotolamento dei pneumatici per garantire un ottimo comfort, grip immediato per le sollecitazioni della trasmissione in fase di partenza e struttura adatta per supportare il peso del veicolo a batterie. Sono queste le principali caratteristiche degli pneumatici Pirelli Elect, sviluppati da Pirelli in collaborazione con le principali case auto per rispondere alle specifiche richieste tecnologiche dei veicoli elettrici e ibridi plug-in. Una particolare tipologia di pneumatici che si riconoscono dal marchio ‘Elect’, presentati per la prima volta al Salone di Ginevra 2019 e disponibili in primo equipaggiamento per i più moderni modelli di auto.
Gli ingegneri Pirelli hanno sviluppato per la Porsche Taycan uno pneumatico P Zero marcato Elect dedicato, che garantisce il massimo delle performance del veicolo. Lo sviluppo di questo pneumatico ha seguito la filosofia perfect fit di Pirelli, con mescola, struttura e disegno del battistrada specifici per la Taycan, i quali hanno permesso di raggiungere una bassa rolling resistance, che massimizza l’autonomia dell’auto; una riduzione del rumore di rotolamento delle gomme, a vantaggio della quiete all’interno dell’abitacolo; infine un grip immediato anche con importanti valori di potenza e coppia ai bassi giri per una guidabilità in totale sicurezza. Con Pirelli Elect, chi sceglie una Porsche Taycan, può essere certo di guidare anche pneumatici realizzati con tecnologia full electric.

Con l’arrivo della stagione invernale e l’entrata in vigore delle relative normative per la circolazione, Pirelli ha realizzato pneumatici con tecnologia Elect sulle linee Winter Sottozero 3, Scorpion Winter e P Zero Winter, quest’ultimi disponibili anche per la Porsche Taycan nella misure da 19 e 20 pollici. Anche per i veicoli elettrici e ibridi, gli pneumatici invernali sono consigliati se si percorrono molti chilometri durante l’inverno e se si cercano le migliori prestazioni possibili in ogni condizione tipica della stagione fredda. Infatti, con l’avanzare dell’autunno e quindi delle temperature invernali, sotto la soglia dei 7°C, gli pneumatici estivi non riescono più ad esprimere al meglio le loro caratteristiche e per guidatori esigenti sono preferibili gli pneumatici winter.
Grazie alla loro mescola più “morbida”, che risulta performante anche quando la temperatura va sotto zero, gli pneumatici invernali garantiscono su ogni tipologia di superficie anche a bassa aderenza un’elevata tenuta di strada, un’ottima trazione – performance particolarmente sfidante su veicoli elettrici – e una frenata sicura, a tutto vantaggio della sicurezza, garantendo le prestazioni dedicate di un pneumatico per veicoli elettrici. Le gomme invernali sono inoltre contraddistinte dai simboli M+S accompagnate dalla marcatura 3PMSF (simbolo di un fiocco di neve inserito in una montagna stilizzata a tre cime ovvero Three-Peak-Mountain with Snowflake) che permettono di essere identificate con facilità e garantiscono il rispetto delle diverse normative di circolazione in vigore nei vari Paesi durante l’inverno.

(Adnkronos)

Please follow and like us: