Caso Lombardia Film Commission, l’ordinanza del gip


Con cui è stato disposto l’arresto di tre commercialisti vicini alla Lega “Da Di Rubba operazione appropriativa”. Salvini: “Inchiesta si risolverà in nulla”
Milano, 11 set. – “Gli elementi testé analizzati inducono il giudicante ad attribuire all’operazione immobiliare natura sostanzialmente appropriativa, concretizzando di fatto l’impossessamento, da parte dell’allora presidente Di Rubba e dei suoi soldali, del capitale giacente sul conto della fondazione, vincolato alla destinazione pubblicistica e versato alla società immobiliare Andromeda”. E’ quanto si legge nell’ordinanza del gip di Milano, Giulio Fanales, che nell’ambito dell’inchiesta della Procura sul caso della presunta vendita a prezzo gonfiato di un capannone alla Lombardia Film Commission. 
“In altri termini -si sottolinea nell’ordinanza- le circostanze appena esposte assumono, ciascuna in via separata e tutte in modo convergente, una forte valenza indiziaria, nel senso di privare l’operazione immobiliare testé descritta di una reale giustificazione economica, manifestandosi viceversa quale schermo giuridico dietro al quale occultare l’unico intendimento perseguito, ossia la distrazione del fondo erogato dall’ente pubblico a favore dell’allora presidente Di Rubba e dei suoi complici”.  

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Caso Lombardia Film Commission, l’ordinanza del gip"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


undici + quattro =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.