Comunicato stampa: IMPETUS – Progetto Horizon 2020. Gestione Intelligente dei processi, dell’etica e delle tecnologie per la sicurezza urbana

Il testo contiene una traduzione letterale dell’unico comunicato stampa approvato dalla Commissione europea. Seguiranno altre informazioni più specifiche nei prossimi mesi.

La pandemia di Covid-19 attualmente occupa i titoli dei giornali di tutto il mondo. Questo purtroppo ci ha fatto dimenticare altre minacce alla nostra società. Ma non sono scomparse! Una di queste è il terrorismo, che continua a rappresentare una grave minaccia per la sicurezza negli Stati membri dell’UE. Negli ultimi anni, siamo stati testimoni di attacchi orribili in diverse parti dell’UE e, purtroppo, abbiamo motivo di credere che possano ripetersi.

IMPETUS fornirà alle autorità cittadine nuovi mezzi per affrontare i problemi di sicurezza negli spazi pubblici, contribuendo così a proteggere i cittadini. L’utilizzo dei dati raccolti da più fonti faciliterà il rilevamento delle minacce e aiuterà le forze dell’ordine coinvolti a prendere decisioni più consapevoli. L’approccio di IMPETUS affronta tre aree complementari fra loro, ma sovrapposte:

  • Tecnologia: sfruttare le potenzialità di Internet of Things (IdC), Artificial Intelligence (AI) e analisi di Big Data, per fornire strumenti potenti per la gestione della sicurezza fisica e informatica nelle città;

  • Etica: bilanciare bisogni potenzialmente contrastanti per raccogliere, trasformare e condividere grandi volumi di dati. L’imperativo è apportare beneficio alla società, ma al contempo garantire la protezione della privacy dei dati;

  • Processi: definire i processi cognitivi e le linee guida di supporto al processo decisionale e al coordinamento. È fondamentale considerare l’importanza di allineare le esigenze di molteplici stakeholders cittadini coinvolti nelle operazioni di sicurezza.

IMPETUS rileverà potenziali minacce utilizzando tecniche di intelligenza artificiale; si cercherà di individuare attività insolite e sospette all’interno dei social media e nel deep/dark web; si analizzeranno i dati disponibili della smart city. Le minacce verranno classificate e analizzate per determinare una risposta appropriata, utilizzando un approccio ‘human-in-the-loop’, per congiungere i punti di forza dell’AI e del giudizio umano.

Il progetto si baserà su tecnologie testate, ma l’ulteriore obiettivo è di migliorarle e combinarle in una soluzione coerente e incentrata sull’utente, che va oltre lo stato dell’arte in settori chiave quali rilevamento, simulazione, analisi ed intervento.
Il consorzio IMPETUS è composto da 17 partner provenienti da 11 diversi Stati membri dell’UE e Paesi associati. Sono coinvolti 5 istituti di ricerca, 7 imprese e PMI specializzate, 3 ONG e 2 autorità governative locali.

Il consorzio sarà integrato da COSSEC (Community of Safe and Secure Cities) – un gruppo che verrà costituito e alimentato all’interno del progetto. COSSEC sarà composto da utenti finali e altri stakeholders, in grado di fornire feedback sulle soluzioni del progetto in fase di sviluppo e promuovere più ampiamente l’approccio IMPETUS.

Il progetto pilota e i test sul campo si terranno nelle città di Oslo (Norvegia) e Padova (Italia). Sono stati individuati diversi eventi. Oggetto di attenzione saranno ad esempio:

  • OSLO: la grande parata che si svolge durante la festa nazionale norvegese, il 17 Maggio. Eventi come questo, che riuniscono grandi folle, possono essere obiettivi primari per gli attacchi terroristi;

  • PADOVA: uno scenario che potrà essere testato sarà la processione del 13 giugno, che celebra la Solennità di Sant’Antonio di Padova. La mappa identifica alcuni obiettivi vulnerabili (mercato, arene per concerti, …).

ll progetto riceverà un sostegno finanziario di 8 milioni di euro dal programma Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione della Commissione europea. Il progetto inizierà a settembre 2020 e durerà due anni.

Il consorzio IMPETUS è orgoglioso di annunciare che, dopo un processo di selezione altamente competitivo, abbiamo firmato un contratto con la Commissione Europea per realizzare un progetto innovativo. L’obiettivo è di potenziare la resilienza delle smart cities di fronte alle minacce alla sicurezza negli spazi pubblici.

(Padovanet – rete civica del Comune di Padova)

Please follow and like us:
Pin Share