Visto e provato

Mescool, Il 1° network informativo on-line di Padova, 10,000 lettori al giorno a tua disposizione!

Padovanews, Criticamente, Venetonews, PadovaWeb, PadovaPolitica. Acquista uno spazio pubblicitario sui nostri organi di informazione. Il mese successivo lo stesso spazio è GRATIS e te lo offriamo noi.

Esempio:

due Articoli Publiredazionali  (valore 250 euro) a sole 125 euro +  IVA

Per avere un preventivo personalizzato, compila il form oppure contattaci direttamente: [email protected]tel. 049.8597205


La tua pubblicità on line
su Mescool Network


Poker sportivo a Padova, dai club ai best player

Luca Stevanato, giocatore di poker padovanoÈ una novità nel panorama sportivo padovano. Ha raccolto il consenso del pubblico amatoriale, anche se non mancano professionisti affermati, autori di piccole e grandi fortune, accumulate grazie al loro talento. Un fenomeno sintetizzabile in due sole parole: poker sportivo. Una modalità di gioco basata sui tornei, condotta senza soldi veri, fatta eccezione della quota di iscrizione. Gioco d’abilità praticato nei circoli della nostra città e in prestigiose rassegne nazionali, dove partecipano, riscuotendo buoni risultati, i player padovani. Ma quali sono gli effetti sul territorio del binomio Padova e poker? Qual è il suo ruolo nell’ambito della comunità nazionale degli appassionati?
Dal dicembre 2008 uno dei luoghi d’incontro per i cultori padovani del poker è il Club Raise di Montegrotto, tra i più frequentati dell’intera provincia. L’offerta è strutturata su una programmazione settimanale che prevede almeno un torneo al giorno, dalle 21.00 in poi, cui si aggiungono appuntamenti speciali che mettono in palio montepremi più ricchi o ticket per accedere a tornei famosi.
Ma anche la proposta dell’Associazione Sportiva Smools, il circolo di Due Carrare, ha guadagnato visibilità in ambito locale. Proprio come nel caso precedente, il palinsesto settimanale assicura almeno un evento al giorno. Il successo dei circoli di poker è dipeso da due fattori: costi d’accesso ridotti al minimo e professionalità dello staff. Locali dove si respira un clima informale, adatto a chi può permettersi di spendere pochi euro ma non intende rinunciare al brivido del gioco.

Paolo Della Penna, storico pokerista proveniente da PadovaUn trasporto che per molti si limita al tempo libero, mentre per altri assume il valore di una professione a tempo pieno, condotta nei tornei dal vivo e in quelli online. Ne rappresenta un esempio la carriera di Paolo Della Penna, padovano che vanta vincite per circa mezzo milione di dollari nei soli eventi live. La sua prestazione migliore risale al maggio 2010, anno del secondo posto nel torneo Main Event del "Torneo Di Poker 2010". Sforzi ripagati con un assegno da quasi 30mila euro. Dalle sale del Club Raise è uscita invece la giocatrice Silvia Volpin, seconda nel "Campionato Italiano Under 25" della rassegna ISOP.
I player di poker online, però, conoscono meglio Luca Stevanato, noto con il nickname “steva10”. È lui il vincitore della Tournament Leaderboard TCOOP 2014, una speciale classifica PokerStars che premia i giocatori più costanti nei risultati. Il 25enne di Massanzago, nonostante gli ottimi piazzamenti, non si definisce ancora un professionista, anche se, come ha rivelato in una intervista rilasciata a PokerStarsBlog, da ormai due anni gioca a tempo pieno e si mantiene grazie al poker.
Dati che pongono in luce i talenti, di organizzatori e player, del poker in chiave padovana. Una fucina che forse non si è ancora espressa al suo massimo, ma che presto potrebbe segnare nuovi traguardi. Un vantaggio non solo in termini di prestigio, ma con ricadute economiche sul tessuto produttivo locale. Anche se ciò sarà dipeso dalle scelte di promozione legate a questo settore sportivo, troppo spesso sconosciuto al grande pubblico.

 



Si è conclusa l’edizione 15 dell’Italian Poker Open

Non c'è alcun dubbio a proposito: l'Italian Poker Open è ormai diventato un torneo di importanza per lo meno continentale, con giocatori che arrivano da tutta Europa e nuove e vecchie stelle del mondo pokeristico che vengono a questo torneo italiano per mettersi in mostra. Facciamo però una piccola premessa per chi ancora non conoscesse questo favoloso torneo.

L'Italian Poker Open – comunemente abbreviato in IPO – è un torneo italiano organizzato dal sito di poker Titanbet.it, che da alcuni anni si svolge a Campione d'Italia, località italiana in territorio svizzero, affacciata sullo splendido Lago di Lugano, nella quale si trova un bellissimo casinò. Ed è proprio qui che il torneo si svolge e che vengono accolti i numerosissimi partecipanti.

L'IPO ha infatti numeri impressionanti. Nell'edizione dei record si è andati oltre i 4.000 partecipanti, con tornei combattutissimi e tonnellate di emozioni. Per questa edizione estiva, più modesta rispetto a quella primaverile per quanto riguarda il montepremi, il conto dei partecipanti si è dovuto fermare a 1009, che è comunque una cifra piuttosto impressionante. I giocatori sono in gran parte italiani, ma arrivano da tutti i paesi europei e sono di diversi livelli. Una delle cose belle di questo torneo è infatti che non è riservato ai soli giocatori professionisti, ma attira anche molti giocatori amatoriali. Offre infatti un evento principale, ma anche molti tornei laterali a buy in basso. Inoltre, sul sito dello sponsor e organizzatore dell'IPO, il già citato Titanbet.it Poker, si può vincere un ticket per partecipare gratis al torneo giocando su internet a dei tornei di qualificazione che si svolgono a scadenza quotidiana prima del torneo.

Questa edizione numero 15 è stata vinta da un giovane pokerista, Domenico del Grande, che ha portato a casa una vincita da ben 65.000 euro dopo una cavalcata verso il successo vissuta quasi esclusivamente da dominatore. L'avversario principale, l'ottimo Fausto Oioli, gli ha comunque tenuto testa fino alla fine e ha vinto un bel gettone da 45.500 euro.

Per Del Grande è stata davvero una prova straordinaria, che gli ha permesso prima di diventare chip leader e poi di sgominare uno a uno tutti gli avversari rimanendo quasi senza interruzioni in testa alla classifica. Ora questo giovane giocatore ha di certo davanti a un futuro di nuove opportunità nel mondo del poker, e gli appassionati italiani di Texas Hold'em possono salutare la nascita di una nuova stella.


La frontiera del gioco online sono gli smartphone

La diminuzione del prezzo dei smartphone associata all’abbattimento delle tariffe per la navigazione sul cellulare fatta dagli operatori in Italia, ha favorito la diffusione dei giochi online, anche di quelli d’azzardo regolati dall’AAMS che versano le tasse all’agenzia dell’entrate.

I cellulari e gli smartphone rappresentano il nuovo che avanza sotto questo aspetto. Sono uno dei motivi per i quali le aziende di gioco lanciano app che consentono di giocare a soldi. Per sapere quali sono compatibili basta andare sulla guida ai casino online di http://www.777.com/ che recensisce le industrie leader nel settore con licenza AAMS. Queste hanno investito massicciamente nello sviluppo di software compatibili con gli smartphone adeguando anche i parametri di giocabilità alle più ridotte capacità di calcolo e agli schermi più piccoli. Gli smartphone di nuova generazione hanno sviluppato le caratteristiche necessarie per consentire estrema efficienza di gioco nei casino online venendo incontro alle esigenze dei giocatori. Insomma un mercato tutto da sviluppare per i leaders del settore. Le slot machine online sono molto facili da usare su tutte le categorie di nuovi strumenti come iphone, ipad, touchscreen e tablet.

Nel frattempo il lancio sul mercato entra i dispositivi con retina display funzionale soprattutto per la pratica di gioco online che ha come target il segmento giovane aperto al gioco e disinibito nell’uso di mezzi di pagamento non tradizionali. La vera frontiera resta infatti quella di semplificare le modalità di caricamento dei conti di gioco con tecniche e modalità sempre più comode in modo da offrire al giocatore la possibilità di finanziare il proprio conto nella maniera più veloce possibile. Ci sono vari modi per caricare un conto di gioco, anche con la postepay comoda, efficiente e molto diffusa.
 


Èspria. La semplicita’ in uno stile compatto

Si chiama Éspria l’ultimo modello della gamma A Modo Mio, realizzata in partnership con Electrolux, leader internazionale degli elettrodomestici. Il sistema espresso casa di Lavazza si arricchisce di una nuova macchina che fa di semplicità e compattezza i suoi imperativi, per un consumatore che ama l’espresso e cerca prestazioni al top. Contenuta nelle dimensioni e semplice da usare, Éspria è studiata per adattarsi agli spazi e alle abitudini dei consumatori italiani, con una particolare attenzione all’eleganza. Il suo design moderno ed essenziale rende ancora più piacevole una pausa all’insegna del gusto. Lavazza prosegue, così, nel suo percorso di ricerca e innovazione, continuando a investire nel mercato del caffè “porzionato” e ampliando la gamma del sistema espresso casa A Modo Mio, al fine di garantire un vasto assortimento e la copertura di tutte le fasce di prezzo. Éspria va ad aggiungersi così alle altre macchine Favola, Favola Plus e Favola Cappuccino, oltre all’esclusiva Espressgo, il sistema che permette di preparare l’ espresso A Modo Mio in automobile, in camper, in barca o in qualsiasi altro mezzo che disponga di un attacco di alimentazione a 12 V.


La nuova macchina Éspria può contare su un design moderno ed essenziale, che ha la sua carta vincente nelle dimensioni ultra-compatte. Disponibile in tre colori, Ebony Black, Off White e Love Red, è profonda solo 32 cm e larga 12,8 cm: piccole dimensioni per grandi performance, un piccolo concentrato di tecnologia per garantire un espresso a regola d’arte.


Le modalità di utilizzo di Éspria sono semplici ed intuitive. La temperatura del caffè erogato viene controllata elettronicamente grazie alla tecnologia della caldaia “Thermoblock” perché sia sempre ottimale (79-83 °C). La quantità di espresso è quella che preferite, grazie al tasto “Stop & Go” e alla griglia di acciaio inox regolabile su tre diverse altezze, per tazze di tutte le taglie.


La qualità dell’espresso è garantita Lavazza. Éspria funziona, infatti, con le capsule dell’ampia gamma Lavazza A Modo Mio, in cui sono racchiusi oltre cento anni di passione ed esperienza dell’azienda torinese, per portare nelle case degli italiani il piacere di un espresso sempre perfetto. Qualità superiore e gusto autentico che rendono ogni tazzina un’esperienza unica e indimenticabile.


A modo Mio offre una varietà di pregiate miscele che soddisfa tutte le sfumature di gusto: Intensamente, Deliziosamente, Cremosamente Dek, Appassionatamente, Divinamente, Magicamente, ¡Tierra! Intenso, Caffè Crema Lungo Dolcemente, Soavemente e la più recente Vigorosamente.


Le miscele A Modo Mio sono apprezzate anche dai grandi chef italiani, come Davide Oldani, Massimo Bottura e Antonino Cannavacciuolo. Un’affinità elettiva costruita intorno a un unico snodo: la passione per la qualità. Differenti per stile, per filosofia e per approccio con la cucina d’autore, i tre chef trovano nell’eccellenza delle capsule Lavazza A Modo Mio la perfetta pausa da gustare personalmente.


Maggiori informazioni su: http://espria.lavazzamodomio.it/


Cosa sono le slot machine AAMS

Sono passati ormai più di due anni da quando sono nati nel nostro Paese i primi casinò online in possesso di licenza per operare rilasciata da AAMS, ovvero l'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato che ormai da anni regola il gioco in rete in Italia.

Cosa cambia rispetto al passato? Giocare sui casinò "AAMS" per prima cosa è sicuro, visto che gli operatori per ottenere la certificazione devono passare dei serrati controlli ed essere in regola con la normativa italiana, inoltre è legale, e quindi il giocatore stesso non correrà il rischio di incorrere in sanzioni da parte delle autorità. Anche la tutela verso il consumatore cambia eccome, visto che AAMS da sempre promuove il gioco legale e responsabile, mettendo sempre in guardia i giocatori dal pericolo che può causare il gioco online, ovvero la ludopatia.

Sebbene i casinò online siano legali da ormai un paio d'anni, la loro offerta è diventata completa solamente a fine dicembre scorso, con l'entrata in vigore di un numero progressivo di slot online AAMS, ovvero la categoria di giochi preferita dagli italiani, e spesso al centro di polemica in relazione alla loro pericolosità sociale. Per far fronte a queste polemiche, lo Stato italiano ha varato delle norme affinchè questo pericolo venga il più possibile contenuto.
Le slot machine legali, per essere tali, devono infatti rispettare alcuni criteri volti a rendere il gioco piacevole e divertente, il più importante è il "payout", ovvero la percentuale delle entrate che ogni gioco deve pagare sotto forma di vincita: nelle slot online legali questa percentuale è circa del 97%, contro percentuali molto minori di quelle che si possono trovare nei bar o nei casinò illegali, spesso fermi al 75%.


GOLF: CACCIA AL 70mo OPEN D’ITALIA. GLI ITALIANI SPERANO?

Giunto alla settantesima edizione, l’Open d’Italia entra di diritto tra i tornei di golf più longevi d’Europa e le scommesse online sono aperte.
Una storia lunga e prestigiosa, quest’anno arricchita dalla presenza di top player di livello mondiale. A partire dagli italiani Matteo Manassero e Francesco Molinari, entrambi seri candidati alla vittoria finale.
I maggiori siti di scommesse li danno per favoriti assieme a Simon Dyson (a 15 la quota per uno di loro vincitore), ma tra i rivali di buca figurano stelle come Retief Goosen, José Olazabal e David Duval, vincitori di un major a testa. Alla prestigiosa lista vanno poi aggiunti il belga Colsaerts, l’inglese Wood, lo svedese Noren e l’irlandese Lowry che completano un parterre di tutto rispetto. Scenario della prestigiosa manifestazione il Circolo Club di Torino, per l’occasione reso praticamente perfetto.
Diciassette buche di spettacolo unico a cui tutti potranno assistere dal vivo grazie all’ingresso gratuito, a suggello di un anno di crescita del movimento golfistico italiano.
 



Governo italiano: come una partita di poker, le ultime novità sull’IVA

Il governo Letta va avanti, proprio come una partita di poker: gli appassionati di William Hill Poker Texas Hold'em sicuramente sapranno di cosa stiamo parlando, tutto indecifrabile, tutto ancora sospeso, o quasi. Infatti, da una parte Brunetta parlava di aumento dell’Iva impossibile, dall’altra dopo il monito UE si parla di un quasi sicuro aumento dell’Iva, lo ha confermato anche ieri sera Letta a porta a porta da Bruno Vespa. Uno scenario incredibile, a dir poco grottesco, dove non si sai mai dove si andrà a parare la mattina successiva.
Intanto, si parla e ieri ancora ne ha parlato il premier, dell’abbattimento della fiscalità per dare una boccata di ossigeno agli italiani: “Lavoreremo per l’abbattimento delle tasse sul lavoro” ed inoltre si è parlato anche dell’ILVA di Taranto dove il Premier si è un poco stizzito quando gli è stato detto di chiudere l’azienda: “Qui lo Stato non chiude un bel niente, l’azienda è privata e dunque noi c’entriamo poco.” , ha inoltre ha assicurato che “non lasceremo da soli chi perderà il lavoro”. Speriamo bene, anche perché la situazione del lavoro, soprattutto al sud italia non è per niente rosea. Percentuali sempre in crescita quelli dei disoccupati che speriamo possano scendere dopo il DDL Letta.
Vediamo il fronte Partito Democratico. Sempre più in ascesa Matteo Renzi che con la sua politica fatta di comizi e con la buona politica di Firenze sta convincendo veramente tutti. Il fiorentino ha criticato spesso il Premier Letta ma non è detto che possano fare politica assieme per il bene comune, ma Letta al momento è abbastanza polemico nei confronti suoi e del suo partito, affermando che non vuole perdere tempo in chiacchiere ma portare a compimento un ruolo che il suo partito stesso gli ha assegnato, invece di pensare alle poltrone future, anche se ammette che il governo è appeso ad un filo sottile.
Da un lato non c’è da dargli torto, ma nemmeno da dargli ragione, visto che le elezioni sembrano dietro l’angolo e ritrovarsi di nuovo senza un partito dominante (dopo il semi abbandono di Berlusconi) è veramente molto grave.



Tablet e Connected TV: giocare comodamente dal proprio divano

Quanti di noi utilizzano il tablet non solo durante l'orario di lavoro, ma anche con tutta comodità sul divano del salotto? Una volta collegati alla WiFi di casa il più è fatto, e se si dispone anche di una TV di ultima generazione si ha la sensazione che il proprio soggiorno sia sempre più connesso al resto del mondo.

Tablet e Connected TV dunque stanno entrando a far parte della vita degli italiani, e non lo diciamo noi. Lo afferma infatti il rapporto Osservatorio Gioco Online: un vero e proprio studio serio e scientifico realizzato dal Politecnico di Milano in partnership con Aams e Sogei tramite il quale è semplice farsi subito un'idea della situazione dei giochi in Italia oggi. Ritornando al discorso dei Tablet e delle Connected TV – discorso che ovviamente riguarda anche gli smartphone – si tratta di due strumenti che in pochi anni stanno riuscendo a conquistare il cuore degli italiani: si è passati dai 1.4 milioni di tablet in Italia nel 2011 ai 6.5 milioni di questo 2013, mentre le Connected TV erano appena 0.4 milioni nel 2010 per passare ai 4.3 milioni del 2013. Ma che tipo di applicazioni sono disponibili per queste due classi di apparecchi? E' presto detto: per i tablet abbiamo un ampio ventaglio di scelta tra scommesse, Casinò games ed anche ovviamente il poker, il gioco preferito tra i giochi di abilità in Italia, soprattutto nella fascia tra i 25 ed i 34 anni (32% dei giocatori) e che ultimamente sta conquistando perfino uno dei target notoriamente più difficili: le donne.




Pallavolo, sono iniziati gli allenamenti di preparazione alla stagione 2013/2014

Alla presenza del Presidente Cremonese e dei suoi stretti collaboratori e soci Graziani e Cossentino, al PalaFabris è stato dato il via al primo allenamento della Tonazzo Padova, l’allenamento è partito soltanto dopo che i ragazzi hanno eseguito dei test atletici durante il corso della mattinata allo stadio Colbacchini. Gli allenamenti della squadra sono aperti al pubblico e saranno distribuiti in un incontro mattutino più leggero e in uno pomeridiano più impegnativo e più tecnico. L’autunno porterà la ripresa delle competizioni sportive e la gente tornerà a scommettere sulla pallavolo all’interno dei bookmakers quotati come bwin bwin.it/pallavolo che si impegna come sempre a segnalare ai clienti quali sono le squadre favorite del campionato. Su bwin.it accanto alle scommesse e alle quote sono consultabili anche le statistiche delle partite precedenti, che consentono di capire l’andamento della squadra nel passato. Le scommesse sulla pallavolo forse sono meno conosciute rispetto a quelle che riguardano sport come il calcio o il tennis ma non per questo sono meno remunerative, infatti anche per le scommesse sulla pallavolo bwin.it prepara delle quote altissime e delle combinazioni vincenti. Bwin mette in palinsesto tutti i più importanti eventi che riguardano la pallavolo come: World League, Mondiali FIVB, Olimpiadi e World Grand Prix, inoltre contempla anche eventi come campionati nazionali. Le scommesse sulla pallavolo proposte dal bookmaker bwin riguardano i set, i punti o la squadra vincente, per alcuni eventi si può scommettere live da pc o più semplicemente tramite le app mobili wap e Android, che consentono di scommettere live in modo immediato. Per gli scommettitori più curiosi, sul sito bwin è presente un calcolatore di vincita elettronico che consentirà di sapere in anteprima quale somma si potrà vincere se la scommessa risulterà vincente. Iscrivetevi su bwin e iniziate l’avventura della scommessa! 



Money Drop: provini per vincere un milione

Dal 2011 questo gioco spopola su canale cinque. Il programma condotto da Gerry Scotti è un prodotto della Endemol, la stessa compagnia che detiene i diritti del grande fratello. Il gioco the money drop è un successo mediato ed esiste anche una versione da tavolo per giocare a casa.
Nel mese di Aprile si sono svolti i provini per partecipare al’edizione 2013 del gioco. Apparso inizialmente nel Regno Unito, questo format è attualmente in onda circa 30 paesi.
The Money drop mette in palio un milione di euro in contanti, suddivisi in 40 blocchetti da 25,000 euro. I giocatori si approcciano al gioco in maniera non tradizionale, in quanto invece di accumulare denaro, partono dall’intero montepremi e dovranno difenderlo confrontandosi su otto domande, scegliendo prima l'argomento della domanda e poi rispondere in un minuto di tempo per ogni domanda. Le prime quattro domande hanno quattro opzioni di risposta, dalla quinta alla settima tre opzioni e nell'ultima domanda due opzioni.
La coppia concorrente nel minuto a disposizione punta l'intero montepremi su una o più di queste opzioni, spostando le 40 mazzette iniziali di banconote e distribuendole sulle risposte che ritiene corrette, lasciando per regolamento almeno una risposta vuota.
In caso di risposta sbagliata, i soldi cadono ecco il perché del nome del gioco: money drop che significa letteralmente soldi che cadono. Quando vengono date risposte corrette i soldi restano nel montepremi. Quindi si tratta di un gioco dove la strategia gioca un ruolo importante nella gestione del montepremi iniziale.

Trattandosi di un gioco con un montepremi reale in contanti, nello studio dove viene ripreso è necessario fornire livelli di sicurezza piuttosto alti. Il pubblico deve sottoporsi ad uno scanner test. La cifra più alta mai vinta in Italia a the money drop è di 625 mila euro.


La Grecia nel mirino UE anche per i giochi

Sono diversi ormai i paesi europei ad essere, per un motivo per l’altro, nel mirino dell’Unione Europea. Anche l’Italia si è abituata ormai ad essere annoverata tra gli osservati speciali, ma l’osservato speciale per eccellenza è senz’altro la Grecia.

Il paese ellenico, come se non bastasse, è adesso nel mirino della Commissione Europea, in quanto non solo sta scatenando la famosa crisi sui mercato europei, ma sta infrangendo una delle norme di base dell’Unione Europea e dei suoi mercati: quella che regola i monopoli di Stato, da sempre mal visti in Europa e che la Grecia vorrebbe estendere nel settore dei giochi.

In pratica, la Grecia vorrebbe fare l’esatto contrario di quello che ha fatto l’Italia un anno e mezzo fa. Ossia, l’Italia nel luglio del 2011 ha legalizzato i casinò online ed ha aperto il mercato anche ad operatori stranieri, molti dei quali noti a livello internazionale. Da circa un anno e mezzo quindi in Italia si può giocare ad esempio al blackjack sul sito di un operatore italiano, ma anche alla William Hill roulette tanto per citare uno dei più noti operatori stranieri che hanno potuto investire in Italia. In Grecia, invece, si vorrebbe accentrare ulteriormente il monopolio nelle mani dell’OPAP.

L’OPAP è infatti la società greca che ha gestisce il monopolio dei giochi: lotterie, scommesse sportive ed altri giochi. E adesso lo stato greco vorrebbe accrescere ulteriormente il monopolio dell’OPAP, delegandone in gestione anche l’intero monopolio del gioco online. Secondo questa ipotesi, quindi, l’OPAP sarebbe l’unico gestore anche di giochi di roulette e casinò online, mentre in Italia (ma anche in altri paesi UE) operano società nazionali ed internazionali. Si tratta quindi di una scelta in ampio contrasto con la normativa europea, in quanto peraltro era già stato stabilito dalla Corte Europea che il monopolio di OPAP era già illegale, figuriamoci adesso che si vuole ulteriormente ampliarlo.

A dichiararsi contraria a questa mossa della Grecia è la Remote Gambing Association (RGA), che ritiene che la Commissione Europea debba intervenire per frenare questa scelta. Se infatti la Grecia vuole spingere per aumentare il monopolio e tenere alto il prezzo delle azioni OPAP in vista di una sua privatizzazione (come è noto, c’è bisogno di “far cassa”), nell’interesse della popolazione dovrebbe essere aperto il mercato dei giochi di casinò online, anche ad operatori stranieri, in modo da creare un mercato vero, con maggiore concorrenza e, probabilmente, anche nuovi posti di lavoro.
 


Poker online: il Texas Hold’em e’ meglio nella versione cash game o a torneo?

Giocare a poker online è una passione per tantissimi italiani, un passatempo divertente e piacevole per chiunque, poiché si può scegliere di giocare comodamente da casa o da un dispositivo di telefonia mobile quando e quanto si vuole.

Già da un po’ di tempo poi, in Italia la legge permette di poter scegliere la modalità a soldi veri che è disponibile nella versione cash game o a torneo. Quale è allora la scelta migliore e perché? Partendo dall’idea che oggi quando si parla di poker online si parla quasi sempre di Texas Hold’em (la variante più praticata in assoluto), vediamo le caratteristiche principali sia del cash game che dei tornei.

Il Texas Hold’em cash game: la libertà nel poker online

Decidere di provare il cash game real money, è qualcosa che si può fare in piena libertà perché non richiede “un appuntamento”. Mentre se scegliete di partecipare ad un torneo di poker online questo avrà un orario d’inizio prestabilito ed una fine di cui non si conosce l’orario, il cash game offre l’opportunità di entrare in gioco quando lo si vuole, e ritirarsi allo stesso modo. I tavoli di Texas Hold’em cash game sono sempre aperti nelle grande room legali, ed a qualsiasi ora del giorno o della notte potrete entrare in azione, uscendo poi di scena nel momento che più vi va. Che abbiate 5 minuti o un’ora da dedicare al poker online non importa, potete giocare esclusivamente il tempo che dite voi! Naturalmente anche gli importi da giocare sono a vostra scelta, ed esistono sessioni di cash game che partono da meno di 1€, fino a sessioni con importi decisamente più elevati.

I tornei di poker online:

Per giocare nei tornei di Texas Hold’em è necessario pagare una quota d’ingresso prestabilita (buy-in), che in cambio vi darà diritto a ricevere uno stack (ammontare di chips) identico a quello di tutti gli altri giocatori del vostro torneo. Quando avrete perso tutte le vostre chips sarete fuori dal torneo di poker online, ma se riuscirete invece ad arrivare nelle posizioni a premio avrete guadagnato qualcosa. Infatti nei tornei il montepremi viene diviso in maniera direttamente proporzionale all’ordine d’arrivo, e quindi il classificato al 1° posto ottiene il premio più alto. In tutte le poker room potrete trovare disponibili sia i tornei a tavolo singolo che multi tavolo, e naturalmente più giocatori saranno iscritti a quello che sceglierete, più l’evento vi occuperà del tempo per arrivare al suo epilogo. Di conseguenza, per chi preferisce giocare potendo concludere quando vuole è meglio scegliere il cash game, mentre per chi vuole spendere una cifra prestabilita e non ha problemi di tempo, il torneo è una soluzione appassionante e da provare.

Articolo redatto da www.poker.it