News Veneto






Venezia: dal 18 al 21 aprile tornano di scena ‘incroci di civilta”

image

Venezia, 11 apr. Tornano a Venezia, per il quinto anno consecutivo, gli incontri letterari di ”Incroci di civilta”’ (www.incrocidicivilta.org): da mercoledi’ 18 a sabato 21 aprile, la citta’ fara’ la cornice ideale e da ispirazione a questo festival che e’ diventato ormai un fenomeno internazionale, capace di attrarre autori da ogni parte del mondo, disposti ad incontrarsi e a confrontarsi, per esprimere le proprie visioni e scelte di vita, in un costante accostamento di culture vicine e lontane.

L’iniziativa, promossa e fortemente voluta dall’Assessorato comunale alle Attivita’ culturali e dall’Universita’ di Ca’ Foscari, e’ stata presentata questa mattina, con una conferenza stampa svoltasi a Ca’ Foscari, da Tiziana Agostini, assessore comunale alle Attivita’ culturali, Silvia Burini, prorettore alle Produzioni culturali e ai Rapporti con le istituzioni, e dal docente Flavio Gregori, curatore del progetto, alla presenza di molti rappresentanti delle istituzioni culturali veneziane. Il gioco degli incroci e’ infatti non solo letterario, ma anche reale, perche’ l’organizzazione della kermesse coinvolge i maggiori enti che fanno cultura in citta’: dalla Fondazione Musei Civici al Circuito Cinema, dalle Scuole Grandi di San Rocco e di San Giovanni Evangelista all’Ateneo Veneto, dalla Fondazione Querini Stampalia a Barchetta Blu – solo per citarne alcune – oltre a diverse librerie veneziane, dove sara’ possibile trovare i volumi degli autori ospiti.

(Adnkronos)


Storia: 4 lettere di ludovico antonio muratori donate alla biblioteca bertoliana di vicenza

image

Vicenza, 5 apr. – Alcune preziose lettere dello scrittore e storico Ludovico Antonio Muratori (1672-1750), fondatore della moderna storiografia su basi scientifiche e documentarie, sono andate ad arricchire i fondi manoscritti della Biblioteca Bertoliana di Vicenza. Il dono e’ dovuto ai fratelli Marco e Luca Irone, che hanno voluto mettere a disposizione degli studiosi la documentazione ereditata dal nonno, Paolo Rocca, garantendone la conservazione e l’opportuna valorizzazione.

Le lettere di Muratori sono indirizzate all’amico ferrarese monsignor Giuseppe Antenore Scalabrini, erudito che si distingue nella schiera dei suoi oltre duemila corrispondenti. Alla Biblioteca Bertoliana sono state versate quattro lettere degli anni 1726-48 e contengono informazioni interessanti per l’approfondimento della biografia di Muratori nonche’ riferimenti a documenti e libri di particolare rilievo inviatigli da Scalabrini per le sue ricerche. Un’altra lettera e’ invece del nipote di Ludovico, Gian Francesco Soli Muratori, che continuo’ la corrispondenza con lo Scalabrini per tre anni dopo la morte dello zio.

Completano il dono alcune carte contenenti notizie di carattere storico e bibliografico, il libro di Paolo Rocca sulla corrispondenza Scalabrini-Muratori edito a Firenze nel 1952 e alcune fotocopie dello stesso relative a una lettera inedita del Muratori appartenente all’Archivio Bentivoglio. Il dono di questi documenti si rivela particolarmente prezioso per la Biblioteca Bertoliana, in quanto illumina la figura di Muratori. A proposito della sua corrispondenza, Matteo Campori, curatore dell’Epistolario di Muratori afferma: “Le sue opere ci rivelarono il suo genio, le sue lettere ci rivelano l’uomo”.

(Adnkronos)



Mostre: sabato a verona ‘la notte del settecento’

image

Roma, 29 mar. Sabato a Verona “La Notte del Settecento”.Nel cuore della citta’ scaligera, nelle stanze del Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra, va in scena una serata straordinaria grazie all’apertura gratuita, a partire dalle 19.30 sino alla mezzanotte, della mostra “Il Settecento a Verona. Tiepolo, Cignaroli, Rotari”.

In mostra, a raccontare sino al prossimo 9 aprile la ricchezza artistica di Verona nell’eta’ dei lumi, 150 capolavori tra dipinti, sculture, disegni, stampe e documenti provenienti dai piu’ importanti musei d’Europa. Accanto agli spazi dedicati ai pittori veronesi Pietro Antonio Rotari, definito il “pittore della corte russa” per aver lavorato a lungo a servizio degli zar e dell’imperatrice Elisabetta, e Giambettino Cignaroli, fondatore dell’Accademia di Pittura che porta il suo nome, l’esposizione riserva sezioni ai vedutisti come Bernardo Bellotto e al nucleo di opere realizzate per la citta’ da Giambattista Tiepolo.

Catalizzatore dell’ammirazione del pubblico la sala in cui e’ possibile vedere le alternative sulle quali si stanno confrontando i tecnici impiegati nel restauro del Trionfo di Ercole che il Tiepolo affresco’ nel 1761 sul vasto soffitto di Palazzo Canossa e che fu ridotto in 51.000 frammenti dalle bombe nella notte tra il 24 e il 25 aprile del 1945.

(Adnkronos)



Mostre: per ‘il settecento a verona’ sabato apertura fino a mezzanotte

image

Verona, 28 mar. Sabato 31 marzo l’assessorato alla Cultura del Comune di Verona propone ”La Notte del Settecento”, una serata straordinaria con l’apertura della mostra ”Il Settecento a Verona. Tiepolo, Cignaroli, Rotari” fino alla mezzanotte e l’entrata gratuita a partire dalle ore 19.30.

Un’occasione imperdibile per quanti non hanno ancora avuto l’opportunita’ di ammirare la mostra dedicata al Tiepolo e ai suoi contemporanei e scoprire l’arte veronese del Settecento, in esposizione alla Gran Guardia fino al prossimo 9 aprile.

A raccontare la ricchezza artistica di Verona nell’eta’ dei lumi, 150 capolavori tra dipinti, sculture, disegni, stampe e documenti, provenienti dai piu’ importanti musei d’Europa.

(Adnkronos)



Vinnatur, l’omaggio ai vini naturali

vinnaturIn contemporanea a Vinitaly, sulle colline vicentine si svolge da qualche anno la rassegna di vini naturali Vinnatur che coinvolge ormai 140 produttori italiani ed esteri. Anche quest’anno nei giorni di sabato 24, domenica 25 e lunedì 26 marzo l’evento ha visto la partecipazione di un folto pubblico. L’ambiente di Villa Favorita, che si erge su un colle nei pressi di Monticello, dona alla manifestazione un’aura di convivialità unica. La qualità dei vini (ma anche dei formaggi, salumi, olii, …) proposti è entusiasmante considerando la completa assenza di solfiti o altri additivi chimici. L’associazione Vinnatur infatti è nata e cresciuta con l’idea del rispetto per il territorio e per il lavoro dell’uomo. Solo con queste premesse e con una continua sperimentazione di metodi di vinificazione alternativi alla chimica, si può parlare di vino naturale. Tecniche sempre più affinate e condivise tra i produttori presenti, unite alla conoscenza profonda del proprio vigneto permettono al vino naturale di essere qualitatativamente competitivo. Il percorso intrapreso da Vinnatur è impervio e l’obiettivo di ottenere un vino completamente naturale è lodevole. A distanza di anni ciò che sembrava inarrivabile è oggi una realtà concreta ed affascinante.

Daniele Menorello – redazione padovanews



Arriva in Veneto il progetto online "Cibolando"

Fondazione Italiana Accenture in partnership con Philips ha promosso il progetto online di educazione alimentare “Cibolando – Il paese della buona alimentazione”, attualmente in fase di monitoraggio da parte del MIURMinistero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado (11-14 anni).

L’obiettivo è promuovere l’importanza di una corretta educazione alimentare, diffondendo tra i giovani la conoscenza del patrimonio gastronomico italiano e delle professioni legate ai settori dell’agroalimentare e del turismo enogastronomico.
Aperto anche a genitori e insegnanti attraverso percorsi ludico-didattici individuali e di gruppo, il progetto è online sul sito www.cibolando.it e prevede, fra le varie attività, 2 concorsi per le classi e un percorso di 20 racconti, uno per settimana, che avranno come scenario di volta in volta una diversa regione italiana e due protagonisti dei racconti: l’abile cuoco di origine italiana Mr. Eat e il malvagio Fat God – avendo la possibilità di scegliere un Ciborg in cui identificarsi: più azioni si porteranno a termine durante i giochi più punti si accumuleranno e maggiore sarà la possibilità di vittoria finale.

I racconti hanno preso il via dalla Sardegna e questa settimana è la volta del Veneto: i riflettori saranno puntati su prodotti quali alimenti freschi, conservati o trasformati e su due cibi d’eccellenza: il minestrone e i salumi. Verrà anche presa in esame la figura del produttore di conserve a livello aziendale.
Il racconto vedrà la Fat Gang intenta a sabotare il frigo del camper di Mr Eat, che in tal modo si ritroverebbe a non avere più cibi freschi. Ma al contrario Mr. Eat approfitta della situazione per andare a mangiare dallo zio e insieme parleranno di come si conservavano i cibi una volta. I ragazzi che prenderanno parte al gioco avranno la possibilità, fra un’avventura e l’altra, di imparare, divertendosi, a conoscere la variegata tradizione gastronomica del Veneto, le sue eccellenze e i lavori più interessanti ad esse legati.



Orsoni, Venezia capitale europea 2019

Giorgio Orsoni (foto Servizio Videocomunicazione del Comune di Venezia)''Mobilita', Modernita', Mestre'', sono le tre M attraverso le quali il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni ha voluto rappresentare lo spirito e il senso della candidatura di Venezia insieme al Nordest a Capitale Europea della Cultura 2019. Lo ha fatto nel corso dell'incontro organizzato dal Lions Club Mestre Host all'hotel Bologna che aveva appunto per tema: ''La candidatura di Venezia e del Nordest a Capitale Europea per la Cultura 2019; prospettive per Mestre".

''Mestre – ha detto il sindaco nel suo interventoè al centro di una vasta area, è la Venezia della modernità e della mobilità. E' i punto di coagulo da cui si possono irradiare le reti che uniscono tutto il Nordest''. Anticipato dall'intervento di Maurizio Cecconi, direttore di candidatura, che ha anche annunciato la prossima costituzione di una fondazione che raccolga, oltre ai sei attuali promotori, anche le altre Province venete che si aggiungeranno a quella di Venezia, Orsoni ha elencato uno dopo l'altro i luoghi e i temi di Mestre che saranno al centro della candidatura''.

Adnkronos



Veneto: da commissione cultura un mln di euro in piu’ per arena e fenice

image

Venezia, 28 feb. – Via libera condizionato alla manovra finanziaria 2012 il parere espresso dalla commissione Cultura, Sport e Turismo, presieduta da Vittorino Cenci (Lega). Con i voti di Pdl, Lega e Italia dei Valori (contrari Pd e Verso Nord) la commissione ha licenziato la legge finanziaria, cancellandone due articoli, modificandone altri due e aggiungendovi due ”raccomandazioni” condivise, ora affidate all’esame della commissione Bilancio. Nell’ordine, la commissione ha stralciato dalla legge finanziaria l’articolo 13 che istituisce l’Agenzia regionale ”Veneto film commission” e l’articolo 25 che prevede il Centro regionale di restauro.

Ha introdotto una modifica all’articolo 25 che, se accolta, rendera’ il Meeting dei giovani oriundi veneti un’iniziativa limitata al solo 2012. E, infine, ha previsto, con un apposito articolo di finanziaria e una corrispondente modifica alle tabelle di bilancio, di stanziare un milione di euro in piu’ per le due fondazioni liriche del Veneto (Arena di Verona e Fenice di Venezia, per sostenere ”ulteriori iniziative culturali integrate” aperte anche al finanziamento di soggetti privati.

(Adnkronos)