News nazionali

Arriva il ‘Dizionario della canzone 2016’ di Dario Salvatori/Foto

Roma, 10 dic. (AdnKronos) – Un archivio con l’abc della musica, sempre a portata di mano. E’ il ‘Dizionario della canzone di Dario Salvatori 2016’, presentato all’Hard Rock Cafe di Via Veneto a Roma: quindicimila titoli con autori, interpreti, storia e aneddoti. Ad illustrare il volume l’autore e alcuni volti noti dello showbiz come Marino Bartoletti, Enrica Bonaccorti, Claudio Lippi, Amii Stewart e Rudy Zerbi.

(GUARDA LA FOTOGALLERY)

Novita’ di quest’anno e’, in particolare, la scelta di dare attenzione agli autori dei testi delle canzoni, molto spesso sottovalutati e dimenticati. Per questo non sono mancate performance di lettura dei testi di alcune fra le canzoni piu’ famose con un progetto a cura dell’attore Vincenzo Failla.

All’evento hanno preso parte tra gli altri Giancarlo Magalli, Pinuccio Pirazzoli, Giulia Luzi, Elisa Isoardi con il suo barboncino Zenit, Leopoldo Mastelloni, Andrea Lo Vecchio e Antonella Pepe, ex cantante dei Fun Fun. Al termine della presentazione gli ospiti hanno posato con la t-shirt di Imagine per sostenere la campagna mondiale ‘Imagine There Is No Hunger’ di Hard Rock International e Yoko Hono volta a sensibilizzare il pubblico e i fan sui temi della nutrizione nel mondo.

La campagna ‘Imagine’ consente di raccogliere fondi per ‘Why Hunger’ organizzazione che opera dal 1975 per combattere la fame e la malnutrizione che ogni anno uccide piu’ bambini e persone di quante ne uccidano malattie come l’aids la malaria o la tubercolosi.

L’iniziativa, ispirata all’iconica canzone di John Lennon, e’ nata nel 2008 e ad oggi ha gia’ raccolto 6,8 milioni di dollari e garantito 9,8 milioni di pasti in 31 paesi del mondo.

In tutti gli Hard Rock Cafe in Italia e all’estero, per tutto il mese di dicembre e’ possibile ricevere informazioni, approfondimenti e contribuire alla causa: a fronte di una donazione minima di 2 euro saranno disponibili i coloratissimi braccialetti Hard Rock a edizione limitata. Previste anche alcune tee speciali, sempre in limited edition: il 15% ricavato sara’ devoluto a ‘Why Hunger’.


(Adnkronos)


Arriva il ‘Dizionario della canzone 2016’ di Dario Salvatori

Roma, 10 dic. (AdnKronos) – Un archivio con l’abc della musica, sempre a portata di mano. E’ il ‘Dizionario della canzone di Dario Salvatori 2016’, presentato all’Hard Rock Cafe di Via Veneto a Roma: quindicimila titoli con autori, interpreti, storia e aneddoti. Ad illustrare il volume l’autore e alcuni volti noti dello showbiz come Marino Bartoletti, Enrica Bonaccorti, Claudio Lippi, Amii Stewart e Rudy Zerbi.

Novita’ di quest’anno e’, in particolare, la scelta di dare attenzione agli autori dei testi delle canzoni, molto spesso sottovalutati e dimenticati. Per questo non sono mancate performance di lettura dei testi di alcune fra le canzoni piu’ famose con un progetto a cura dell’attore Vincenzo Failla.

All’evento hanno preso parte tra gli altri Giancarlo Magalli, Pinuccio Pirazzoli, Giulia Luzi, Elisa Isoardi con il suo barboncino Zenit, Leopoldo Mastelloni, Andrea Lo Vecchio e Antonella Pepe, ex cantante dei Fun Fun. Al termine della presentazione gli ospiti hanno posato con la t-shirt di Imagine per sostenere la campagna mondiale ‘Imagine There Is No Hunger’ di Hard Rock International e Yoko Hono volta a sensibilizzare il pubblico e i fan sui temi della nutrizione nel mondo.

La campagna ‘Imagine’ consente di raccogliere fondi per ‘Why Hunger’ organizzazione che opera dal 1975 per combattere la fame e la malnutrizione che ogni anno uccide piu’ bambini e persone di quante ne uccidano malattie come l’aids la malaria o la tubercolosi.

L’iniziativa, ispirata all’iconica canzone di John Lennon, e’ nata nel 2008 e ad oggi ha gia’ raccolto 6,8 milioni di dollari e garantito 9,8 milioni di pasti in 31 paesi del mondo.

In tutti gli Hard Rock Cafe in Italia e all’estero, per tutto il mese di dicembre e’ possibile ricevere informazioni, approfondimenti e contribuire alla causa: a fronte di una donazione minima di 2 euro saranno disponibili i coloratissimi braccialetti Hard Rock a edizione limitata. Previste anche alcune tee speciali, sempre in limited edition: il 15% ricavato sara’ devoluto a ‘Why Hunger’.


(Adnkronos)


John Constable da record, ‘The Lock’ venduto all’asta oltre 12 mln di euro

Da Sotheby’s

Londra, 10 dic. – (AdnKronos) – E’ record mondiale per uno dei quadri piu’ celebri del pittore inglese John Constable (1776-1837), massimo esponente della pittura romantica britannica. Il dipinto ‘The Lock’ (la chiusa o diga) e’ stato venduto a un’asta di Sotheby’s a

Londra per 9,1 milioni di sterline (pari a 12,6 milioni di euro o a 13,7 milioni di dollari). Ad acquistarlo un collezionista privato europeo che ha chiesto di restare anonimo.

Risale a 160 anni fa l’ultimo passaggio sul mercato dell’arte di questo monumentale quadro di Constable (139,7 x 122 cm.). L’opera, dipinta all’apice della carriera, raffigura un paesaggio bucolico con il fiume Stour nel Suffolk, dove nacque l’artista. E’ uno dei pochi grandi quadri di Constable ancora in mani private.

Alex Bell, portavoce di Sotheby’s, al termine dell’asta, ha sottolineato come ‘The Lock’ appartenga a un piccolo gruppo di dipinti che definiscono l’opera e il genio di John Constable. “L’assoluta maestria del pittore nel raffigurare paesaggi e’ perfettamente dimostrata dall’opera e dal brillante risultato raggiunto in asta – ha commentato Bell – L’olio su tela era uno dei dipinti di qualita’ museale offerti in asta, tutti provenienti da collezioni private e mai apparsi sul mercato”.


(Adnkronos)


I bookies quotano i matrimoni vip del 2016, in pole la coppia Ventura-Carraro

Scommesse nunziali

Roma, 10 dic. (AdnKronos) – Ritornano le ormai rinomate ‘special bet – di fine anno stilate da Stanleybet per Novella 2000: nel numero del settimanale in edicola oggi, i bookmaker inglesi stavolta scommettono su quale sara’ la prima coppia vip a sposarsi nel 2016.

La pole position se l’aggiudicano Simona Ventura a Gian Gerolamo Carraro: ‘Super Simo – e il principe/imprenditore si trovano a meraviglia, tanto che la popolare conduttrice da tempo parla di lui come ‘l’uomo della mia vita – . A questo punto mancano solo le nozze. Gli allibratori di Liverpool danno fiducia a Simona e Gero’, quotando il fatidico ‘Si’ – nel 2016 a 5.00.

Subito dietro troviamo Alena Seredova e Alessandro Nasi: il feeling tra la bellissima modella e showgirl ceca e il 41enne rampollo di casa Agnelli e’ ormai decollato e i due si fanno vedere sempre piu’ spesso in atteggiamenti molto teneri, anche con i figli di lei che hanno instaurato con Alessandro un ottimo rapporto. Il coronamento di questo idillio con un matrimonio nel 2016 e’ visto bene dai quotisti che lo offrono a 5.50.

A proposito di Seredova, l’ultimo gradino del podio di questa speciale top ten e’ occupato dalla coppia Gigi Buffon – Ilaria D’Amico. I due sono ormai affiatatissimi e per gennaio 2016 e’ previsto l’arrivo del bebe’. Quale modo migliore di festeggiare il lieto evento se non con le nozze? Anche i trader di Stanleybet ci credono e offrono la bella coppia a 6.00.

Altra accoppiata sportiva appena giu’ dal podio: si tratta dei campionissimi del nuoto azzurro, Federica Pellegrini e Filippo Magnini, sempre piu’ coppia fissa e di riferimento del nostro sport. I due gia’ qualche volta hanno parlato di matrimonio ma finora i loro impegni li hanno sviati dall’evento. Il 2016 sara’ l’anno delle Olimpiadi… che vogliano presentarsi al grande appuntamento di Rio con le fedi nuziali al dito? Gli scommettitori d’oltremanica pagano a 7.50 questa eventualita’.

Quinto posto per una coppia ormai storica del panorama italiano: Piersilvio Berlusconi e Silvia Toffanin. Dopo 14 anni di fidanzamento e due figli, sembra giunta finalmente l’ora del sigillo a questo idillio. E’ soprattutto la bella e brava presentatrice di ‘Verissimo – a spingere in questa direzione, ma non solo. Anche papa’ Silvio avrebbe come desiderio quello di vedere i suoi figli ‘sistemati – : dopo Marina, sarebbe ora che anche il primo erede maschio arrivi felicemente all’altare con la donna della sua vita. Anche i nostri bookmaker ci sperano, bancandoli a 9.00.

Chi parla da tempo di matrimonio sono invece Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: la bella showgirl sarda e il centrocampista, ora in ‘prova – al Milan, avrebbero gia’ pianificato le nozze per l’estate 2016 (luglio…?), con tanto di reality che seguirebbe i preparativi all’evento. Per Stanleybet i fiori d’arancio in casa Satta-Boateng sono dati a 12.0.

Settima posizione per un’altra coppia che, stando a dichiarazioni rilasciate sui social, sarebbe pronta per il grande passo: Cecilia Rodriguez e Francesco Monte. La sexy argentina e l’ex tronista di ‘Uomini e donne – , legati da due anni di amore e passione, avrebbero gia’ scelto anche la location per l’evento, la Puglia. La loro quota e’ 15.0.

All’ottavo posto troviamo il grande Valentino Rossi che, dopo la delusione dell’ultimo Gran Premio di Valencia, ha avuto modo di consolarsi con la bellissima fidanzata, la modella Linda Morselli. Sono proprio di pochi giorni fa le immagini che li vedono teneramente abbracciati in occasione del 27esimo compleanno di lei. Che il ‘Dottore – abbia trovato la donna della sua vita? Il matrimonio vale 25.0 volte la posta in gioco.

Penultima piazza per Fedez e Giulia Valentina, una coppia che nelle ultime settimane ha dato mostra di grande affiatamento e feeling. Tante le cose in comune tra i due, compreso il giorno del compleanno: il 15 ottobre. Chissa’ se nel 2016 ad accomunare i due ci saranno anche due anelli al dito… una possibilita’ proposta a 50.0.

Chiudono la speciale lavagna di Stanleybet Raffaella Fico e Mario Balotelli. Archiviata la battaglia legale tra i due, ‘Super Mario – nazionale ha piu’ volte dimostrato il suo amore paterno verso la piccola Pia, confermando anche l’importanza della sua storia con l’ex gieffina napoletana. Lei, dal canto suo, ha avuto ancora parole dure nei confronti del bomber, ma dall’Inghilterra provano comunque a scommettere su un loro matrimonio. La quota e’ alta, 100.0, ma il mondo del gossip ci ha insegnato a mai dire mai.


(Adnkronos)


Tiziano Ferro riprende il tour e su Fb rassicura i fan: ”Ci vediamo a Conegliano!”

Musica

Roma, 10 dic. (AdnKronos) – Il ‘crollo’ dovuto alla forte influenza e’ superato e Tiziano Ferro e’ pronto a risalite sul palco. Dopo il post del 6 dicembre con cui annunciava sulla sua pagina Facebook la cancellazione delle date di Ginevra e Monaco, a causa dei sintomi influenzali che gli impedivano di cantare, oggi il cantautore di Latina e’ tornato a scrivere sul social network per rassicura i fan ed annunciare che le sue condizioni di salute stanno migliorando: “Sulla via della guarigione, vi ringrazio di cuore per la pazienza e la valanga di affetto.

Ci vediamo a Conegliano!”, scrive Tiziano che annuncia la ripresa del tour, da domani, quando tornera’ sul palco, come da programma, nella prima delle due date previste a Conegliano.

L’European Tour proseguira’ poi come da calendario annunciato: il 12 dicembre ci sara’ la seconda data a Conegliano, poi il 15 dicembre Tiziano sara’ a Bruxelles, il 17 dicembre a Lugano e il 19, 20 e 22 dicembre a Firenze.


(Adnkronos)


Remake tv per ‘Dirty Dancing’, con Abigail Breslin nei panni di Baby

Cult

New York, 9 idc. (AdnKronos) – Il film cult del 1987 ‘Dirty Dancing’ avra’ un remake tv che verra’ realizzato dalla Abc. Nei panni della protagonista Baby Houseman ci sara’ Abigail Breslin, l’attrice nominata all’Oscar per ‘Little Miss Sunshine’, il film che la fece conoscere al mondo.

L’adattamento di tre ore sara’ diretto da Wayne Blair, il regista australiano di ‘The Sapphires’ (2012). Non e’ stata ancora specificata una data di messa in onda, cosi’ come non e’ stato annunciato il resto del cast.

Ambientato nell’estate del 1963, ‘Dirty Dancing’ racconta la storia d’amore – tra balli bollenti e canzoni che hanno fatto epoca – tra la 17enne Baby, interpretata da Jennifer Grey nel film originale, e il suo insegnante di danza di origini molto piu’ umili, Johnny Castle, interpretato nel film del 1987 dall’indimenticabile Patrick Swayze.

Eleanor Bergstein, autrice della sceneggiatura del film originale, in parte ispirata alla sua adolescenza, e anche della versione in musical, e’ coinvolta nel nuovo adattamento per che sara’ prodotto da Lionsgate Tv.

Gia’ nel 2011, Lionsgate aveva annunciato l’intenzione di realizzare un remake per il grande schermo con al timone Kenny Ortega – autore delle coreografie originali e regista di High School Musical.


(Adnkronos)


X Factor, tutto pronto per la finale che diventa un mega concerto

In tv

Assago (Mi), 9 dic. (AdnKronos) – Tutto pronto per il gran finale di X Factor 9. Una serata, quella di domani al Forum di Assago, in cui sullo stesso palco oltre ai 4 finalisti – Davide, Enrica, Gio’ Sada e Urban Strangers – ai Coldplay, ospiti d’eccezione in esclusiva in Italia, anche i giudici.

Ci saranno Skin e gli Skunk Ananansie con la sua nuovissima ‘Love someone else’, Fedez&Mika con la loro ‘Beautiful disaster’ ed Elio e le Storie Tese con l’ormai classico ‘Servi della gleba’. Ma non e’ tutto, perche’ Cesare Cremonini sara’ la guest star per i duetti e interprete di ‘Lost in weekend’. Un vero e proprio mega concerto, con Alessandro Cattelan che terra’ le fila dell’evento.

I numeri della finale, in onda su Sky Uno dalle 21.10, sono quelli di un super show: l’immenso palco di 1.600 metri quadri inquadrati a 360 , circondato da 8mila partecipanti, sara’ illuminato da 750 luci motorizzate e inquadrato da 16 telecamere, a cui si aggiungera’ una avveniristica robycam.

E di assoluta eccellenza sono anche i numeri gia’ raccolti da questa edizione del talent targato Sky che si chiude con 19,3 milioni di voti arrivati all’XFactor Arena, 2,36 milioni di spettatori medi a puntata (+7%), 2 milioni di tweet e 1,196 milioni download per l’app X Factor 2015.

I 4 FINALISTI

Davide Sciortino in arte Shorty, 26enne di Palermo, vive a Londra. Ha partecipato ai casting con la sua fidanzata Alba, eliminata alle room auditions. Anima soul, voce potente, ha uno stile molto personale. Tecnicamente quasi perfetto e dotato di grande personalita’, durante il live Davide non ha mai sbagliato una performance, il suo e’ stato un percorso costante. L’inedito ‘My soul trigger’ rispecchia pienamente il suo stile.

Enrica Tara ha 17 anni e vive a Terracina ma e’ originaria del Camerun ed e’ dotata di una elegante bellezza. Ha un timbro basso e potente sebbene sia ancora giovane e con un approccio al canto del tutto naturale. A detta di Skin e’ nata per cantare anche se ammette che ha del lavoro da fare, ed Enrica e’ piuttosto inconsapevole del suo potenziale. Durante la gara e’ sbocciata grazie anche all’inedito ‘I found you – scritto dal suo giudice Skin. Durante il live Enrica ha stupito giudici e pubblico con un percorso in continua crescita che, esibizione dopo esibizione, ha svelato i suoi molteplici lati dal piu’ intimista al piu’ grintoso.

Giovanni Sada in arte Gio’ Sada, 26 anni, e’ un cantautore pop rock barese. Standing ovation alle audizioni, qualche incertezza ai Bootcamp ma una performance comunque molto apprezzata. E’ tra i preferiti dai giudici nella sua categoria, Mika lo avrebbe voluto l’anno scorso tra i suoi over. Rocker dal cuore tenero, l’inedito ‘Il rimpianto di te’ ne e’ una dimostrazione. Spazia con naturalezza dal rock alle ballads, come ha dato prova durante il live dove ha emozionato tutti con una canzone di De Andre’.

Gennaro e Alessio sono gli Urban Strangers, un duo acustico campano di Somma Vesuviana, semplicemente chitarra e voce. Suonano insieme da 3 anni. Gennaro e’ il leader, dal timbro e dallo stile particolari ma il vero creatore dei pezzi e’ Alessio. Sono amici fraterni, il loro punto di forza e’ essere riusciti a costruire un proprio stile partendo da differenti influenze musicali. Il loro sound e’ un armonico cantautorato in lingua inglese. Hanno esaltato i giudici durante le Audizioni, durante il live nonostante qualche caduta, hanno ottenuto un crescente l’apprezzamento del pubblico. Hanno dimostrato di saper suonare molti strumenti e il loro inedito ‘Runaway’ ne e’ una dimostrazione.


(Adnkronos)


Nigthwish live nella Capitale, band finlandese al Postepay Rock in Roma l’8 giugno

Musica

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Unica data italiana al Postepay Rock in Roma per i Nigthwish. L’appuntamento e’ per l’8 giugno. Dopo lo show dello scorso 29 novembre, sul palco dell’Unipol Arena di Bologna, la band finlandese torna nel nostro Paese a grande richiesta con il tour a supporto del nuovo album ‘Endless Forms Most Beautiful’ (Nuclear Blast/Warner).

E prima di loro, si esibiranno Epica e Apocalyptica.

Iron Maiden al Rock in Roma, 3 i live della band in Italia

I biglietti saranno disponibili in prevendita per gli iscritti al Postepay Rock In Roma Club a partire dalle 10 di domani. Il giorno successivo, dalle 10, saranno in vendita generale su postepayrockinroma.com, postepayfun.it e ticketone.it.


(Adnkronos)


‘Musica per f*****e nonnette’, Noel Gallagher contro Adele

Musica

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Noel Gallagher colpisce ancora e stavolta a farne le spese e’ la cantante britannica Adele, regina delle classifiche mondiali. Il cantautore e chitarrista inglese, gia’ frontman con il fratello Liam degli Oasis, ha infatti rilasciato una dichiarazione non esattamente diplomatica sulla collega colpevole, secondo lui, di essere parte integrante del “mare di musica dozzinale, fottutamente insulsa” in cui il pop si e’ trasformato ultimamente.

“Se qualcuno vuole sapere cosa penso di Adele – ha infatti detto l’artista, intervistato da Music Feed – glielo diro’… Semplicemente non vedo il motivo di tutto questo clamore. Non mi piace la sua musica. Penso sia musica per fottute nonnette. E’ interessante – continua Gallagher – che nessuno parli del mio amore per gli U2 o i Coldplay, ma cosi’ e’. Ultimamente, l’unica di cui mi sia stato chiesto e’ Adele”. E a quanti lo rimproverano per essere fin troppo sincero nei commenti, il cantautore britannico risponde: “Se mi viene fatta una domanda, io do una risposta diretta…”.


(Adnkronos)


Spunta una versione sconosciuta della Gioconda: e’ di Leonardo? /Guarda

Arte

Roma, 9 dic. – (AdnKronos) – Una versione sconosciuta della Gioconda
, raffigurata tra due colonne

, e’ riaffiorata in una collezione privata russa di San Pietroburgo. L’annuncio e’ stato dato da Silvano Vinceti, presidente del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni

storici, culturali e ambientali, noto anche per le ricerche dei resti di Monna Lisa nell’ex convento di Sant’Orsola di Firenze. Vinceti ha studiato a lungo il dipinto e a suo parere “molteplici sono gli indicatori che rinviano al grande genio di Leonardo da Vinci, anche se per ora si tratta solo di una ipotesi”.

L’indagine “si e’ avvalsa di un nuovo metodo periziale – ha spiegato Vinceti – dove lo storico dell’arte non e’ piu’ l’unica autorita’ che decide la paternita’ di un dipinto”. Gli esami a raggi infrarossi e a raggi x dei componenti dei colori presenti sul dipinto hanno evidenziato “la piena compatibilita’ di questa opera con il periodo in cui Leonardo realizzava i suoi capolavori”.

Grazie all’utilizzo di una nuova tecnica per software, quella del photoshop avanzato, “consistente nella sapiente comparazione di un dipinto e dei suoi particolari con altri simili”, e’ possibile pervenire a conoscenze importanti. In questo caso, ha precisato Vinceti, ci si e’ avvalsi dello studio preparatorio della Gioconda (custodito in una collezione privata in Francia) che Carlo Pedretti, il maggiore studioso vivente di Leonardo, ritiene essere molto probabilmente del genio vinciano. Nella comparazione fra lo studio preparatorio, la Gioconda del Louvre e la Gioconda russa e’ emersa “la piena sovrapposizione fra la Monna Lisa di San Pietroburgo e lo studio preparatorio” identificato da Pedretti.

Uno dei maggiori restauratori di Leonardo, Paolo Del Serra, dopo un attento esame delle fotografie in alta definizione, riproducenti il dipinto russo, “ha evidenziato la possibilita’ che il dipinto inedito possa essere di Leonardo e o di un suo allievo”, riferisce una nota del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici, culturali e ambientali.

Tra gli altri elementi emersi dalla ricerca, sottolineati da Silvano Vinceti, c’e’ “la perfetta coincidenza fra la sagoma del labbro superiore della Gioconda raffigurata nello studio preparatorio della collezione privata francese con l’immagine della Gioconda russa ma non della Gioconda del Louvre.


(Adnkronos)


‘Creazioni da indossare’, gioielli in cera persa esposti a Roma

Roma, 9 dic.(AdnKronos) – “Il gioiello e’ un’espressione di creativita’ che pero’ deve essere inquadrata dentro una struttura funzionale”. Lo afferma Roberto Lucchini che, insieme a Oxana Hannoshenko, esporra’ dal 10 al 17 dicembre le sue creazioni di gioielli all’Associazione Arte in regola

in Via dei Cappellari 92 a Roma.

La mostra ‘Creazioni da indossare’ espone tutti gioielli realizzati con la cera persa, una tecnica scultorea originariamente introdotta nell’eta’ del bronzo e che nei secoli ha conosciuto una notevole fioritura, soprattutto nell’arte greca, romana e nella scultura monumentale. Una tecnica antichissima che consente di produrre uno stampo unico e non riproducibile.

Quasi tutti i gioielli, circa sessanta, sono di bronzo dorato, ma ci sono anche creazioni d’oro e argento, alcuni hanno pietre dure incastonate che vanno dalla granata all’acqua marina. Si spazia dai bracciali agli anelli, ma ci sono anche spille, orecchini e collane. “Per caso ho contattato Carla Campea che gestisce il centro culturale ‘Arte in regola’, lei mi ha consigliato di fare un corso d’iniziazione a queste tecniche e cosi’ ho iniziato a dare sfogo alla mia creativita’”, ha raccontato Roberto Lucchini.


(Adnkronos)


Paolo Vallesi: ”Torno dopo 15 anni con l’Episodio 1 di una trilogia”/L’intervista

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Ad oltre 15 anni dal suo ultimo album di inediti ‘Sabato 17.45’, Paolo Vallesi pubblica ‘Episodio 1 – In questo mondo’, che contiene 7 canzoni completamente nuove ed e’ l’inizio di una trilogia. “Essendoci solo 7 canzoni -spiega Paolo all’Adnkronos- e’ quasi un ep ma arrivando a distanza da cosi’ tanti anni dal mio ultimo disco di inediti per me e’ importantissimo.

Si chiama ‘Episodio 1′, un po’ perche’ sono un fan di star wars e non vedo l’ora di vedere al cinema ‘Il risveglio della forza’, ma soprattutto perche’ questo album e’ l’inizio di una trilogia. Un secondo album, l’Episodio 2, con altri sette pezzi inediti uscira’ infatti a febbraio e dopo altri due mesi, in primavera, arrivera’ una raccoltona, che sara’ l’Episodio 3″, annuncia il cantautore, oggi 51enne.

Interamente concepito scritto ed arrangiato dallo stesso Paolo Vallesi assieme a Pio Stefanini e Marco Colavecchio, l’album contiene anche due featuring d’eccezione: uno e’ di Enrico Ruggeri, che ha scritto con Paolo il brano ‘Respirare’; il secondo con il mitico Gennaro ‘Ringhio’ Gattuso (di cui aveva parlato gia’ qualche mese fa con l’AdnKronos) che si e’ simpaticamente cimentato come cantante duettando con Paolo nel brano ‘Il cantante e il calciatore’.

Dal punto di vista musicale, Paolo sottolinea che si tratta di “un album dove e’ stato impossibile separare i crediti dei musicisti visto il largo uso di elettronica, synth e drum machine analogici. L’idea e’ stata quella di suonare tutto con strumenti veri e trasformarli a seconda delle esigenze unendo tra loro parti e strumenti diversi”. Nell’album appaiono anche altri musicisti come Donald Renda alla batteria Francesco Sighieri alle chitarre e l’orchestra di archi ‘Oversea’ diretta dal M. Filippo Martelli.

Nella tracklist, si susseguono ‘In questo mondo’, ‘Il mio amore’, ‘Fiorentini’, ‘Il mio pensiero’, ‘Respirare’, ‘Il bello che c’e” e ‘Il cantante e il calciatore’. Ma la canzone a cui Paolo si sente piu’ legato e’ ‘In questo mondo’: “In realta’ e’ molto difficile estrapolare una canzone perche’ ogni brano e’ come un figlio pero’, dovendo scegliere, dico la title track ‘In questo mondo’ che non a caso non solo da’ il titolo all’album ma lo apre anche”. Ma com’e’ ‘questo mondo’ attualmente per Paolo Vallesi? “E’ un mondo meraviglioso e anche difficile per tutto quello che stiamo vivendo anche al livello di tensioni internazionali. Penso che la musica abbia un compito e una possibilita’ quella di unire le persone e anche di far conoscere le culture diverse. Perche’ separare le persone e’ il pericolo piu’ grande”.

Di Sanremo, che lo ha lanciato, il cantautore fiorentino dice: “Gli sono immensamente riconoscente, e’ il festival che mi ha fatto conoscere. Ne ho sempre pensato bene, lo continuo a seguire e chissa’ in futuro magari ci tornero'”.

Quanto ai talent, Vallesi sottolinea: “I talent hanno cambiato radicalmente la musica in Italia e nel mondo perche’ permettono a molte piu’ persone di diventare conosciute ed arrivare al successo nel giro di pochi mesi. Ma c’e’ anche un rovescio della medaglia: tutti questi artisti, che in larga parte sono potenzialmente anche dei grandi artisti, fanno fatica a poter proseguire la propria carriera. Io faccio parte di una generazione in cui un artista si faceva conoscere disco dopo disco. Oggi fare gia’ il secondo album e’ molto difficile. Perche’ la legge cinica dei talent prevede che l’anno dopo c’e’ bisogno di lanciare altre persone. Quindi chi sopravvive a questo meccanismo e’ bravo al quadrato”, conclude.


(Adnkronos)


Dado al Teatro Golden di Roma con ‘Canta la Notizia’

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Torna sul palcoscenico del Teatro Golden Dado, il 14 dicembre protagonista del suo nuovo lavoro ‘Canta la notizia’ scritto insieme a Emiliano Lucisano e Marco Terenzi, a cui e’ affidata anche la regia. Un nuovo show dove tra battute, racconti ironici sulla realta’ e la societa’ che ci circonda il comico riproporra’ al pubblico le parodie musicali che durante la passata stagione ha composto e interpretato in trasmissioni televisive, come ‘Servizio Pubblico’ suscitando, come per la parodia musicale del funerale dei Casamonica svoltosi a Roma, un polverone mediatico.

Come sua abitudine il comico romano prende spunto dalla realta’ e da cio’ che avviene nella societa’ per analizzare, ironizzare e dare il suo originalissimo punto di vista. Lo spettacolo e’ un work-in-progress, in quanto gli avvenimenti di attualita’ piu’ particolari, originali, curiosi che si susseguono giorno per giorno, vengono aggiornati in continuazione con la solita verve del comico dove non mancheranno le sue canzoni e le sue parodie musicali.

Dado non e’ un cantante ma un attore con la passione per la musica. Autore e curatore di tutti i suoi testi, ha ripreso e ampliato una tradizione cabarettista classica e che parte dagli anni Settanta grazie a magistrali interpreti quali Gaber, Proietti, Paolo Rossi, Cochi e Renato, I Gufi, Elio e le Storie Tese, Enzo Iacchetti. Vincitore del Premio Massimo Troisi a San Giorgio a Cremano nel 2000, riesce anche ad entrare nel Guinnes dei Primati per l’esecuzione della canzone piu’ lunga: 25 ore e un minuto di esibizione consecutiva. Ha lavorato anche con il suo gruppo musicale ‘Dado e le Pastine in brothers’ partecipando a programmi come ‘Seven Show’, ‘Zelig’, ‘I raccomandati’, ‘Top of the Pops’ ed ‘I Migliori anni’.


(Adnkronos)


Bookie, al ‘Grande Fratello’ favorita Federica: la sua vittoria a 1,40

Tv

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Tutto pronto per il gran finale dell’edizione numero 14 del Grande Fratello: sono cinque i concorrenti ancora chiusi nella casa piu’ spiata della tv e saranno loro a contendersi il premio finale da 200mila euro. Si tratta di Alessandro Calabrese, Domenico Manfredi, Federica Lepanto, Kevin Ishebabi e Simone Nicastri e i bookmaker britannici sembrano avere le idee chiare: nelle quote di stanleybet vince Federica.

La bella infermiera puo’ contare su tantissimi fan e, dopo essere stata protagonista della storia con Alessandro Calabrese, riporta Agipronews, e’ la favorita per il trionfo finale a 1,40.

Alle sue spalle insegue Simone, sempre piu’ complice, negli ultimi giorni, della stessa Federica, e offerto a 2,60. Per il 23enne Kevin Ishebabi si sale a 4,50 mentre Manfredi, il ‘Pippo Inzaghi del rimorchio’, come si e’ autoproclamato, e’ a 6,00.

In fondo alla lavagna Alessandro Calabrese: il giovane imprenditore romano e’ il meno seguito dal pubblico, a causa soprattutto dei rapporti poco chiari con due donne della casa, Federica e Lidia, e la sua vittoria viaggia a 8 volte la posta.


(Adnkronos)


Box office dell’Immacolata, ‘Il professor Cenerentolo’ miglior incasso

Roma, 9 dic. (AdnKronos/Cinematografo.it) – (AdnKronos/Cinematografo.it) – Altro che ‘Cenerentolo’: il Ponte dell’Immacolata fa ricco il ‘professor Pieraccioni’, che festeggia il miglior incasso nei due giorni (1 milione 250mila 159 il totale) nonostante la temibile concorrenza di Papa Francesco (manca l’effetto Giubileo: ‘Chiamatemi Francesco’ di Luchetti e’ solo il 3 incasso, euro 864mila 292) e ‘Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick’ di Ron Howard (2 , euro 936mila 777), che pero’ era stato il migliore del weekend (ma senza ‘Il professor Cenerentolo’ in sala).

Un risultato certificato anche dal numero di biglietti staccati il 7 e l’8 dicembre: 182.074 ‘Il professor Cenerentolo’, 135.235 ‘Chiamatemi Francesco’, 131.293 ‘Heart of the Sea’ (che ha guadagnato di piu’ di ‘Chiamatemi Francesco’ solo grazie al sovrapprezzo del 3D). Da segnalare inoltre il buon debutto ieri in sala di ‘Belle & Sebastien – L’avventura continua’ (5 con euro 384mila 71), il risultato modesto (as usual) dell’horror – ‘Regression di Amenabar’ si ferma a euro 787.616 dopo sei giorni di programmazione, mentre The Visit di Shyamalan e’ a € 1.716.269 dopo due settimane – e quello in linea con i precedenti episodi dell’ultimo Hunger Games (ad oggi Il canto della rivolta: parte 2 ha incassato euro 7.848.051; Parte 1 si era fermato a euro 8.794.000).

Catastrofico il risultato di ‘A Bigger Splash’ di Luca Guadagnino (euro 162.355 dopo due settimane di programmazione). Chi non perde i colpi invece e’ Massimo Boldi: ‘Matrimonio al Sud’ ad oggi ha gia’ guadagnato euro 3 milioni 608mila 892, vicinissimo all’ottimo risultato ottenuto dal precedente film di Natale ‘Ma tu di segno 6?’, che si era fermato a euro 3 milioni 801mila.


(Adnkronos)


India, apre al pubblico il rifugio spirituale dei Beatles

Musica

New Delhi, 9 dic. (AdnKronos/dpa) – Un abbandonato rifugio spirituale nelle colline himalayane dell’India dove i Beatles risiedettero per diversi mesi nel 1968 e’ stato ora trasformato in una ufficiale attrazione turistica, dopo essere stato per anni abbandonato e in rovina. Lo hanno reso noto oggi le autorita’ locali.

I ‘Fab Four’ John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr rimasero nell’ashram, che si estende per circa 18 acri, seguiti dal guru spirituale Maharishi Mahesh, nella periferia di Rishikesh per un corso di meditazione.

Diciotto delle oltre 40 canzoni che il gruppo scrisse durante il soggiorno nel ritiro si trovano nell’album ‘The Beatles’, conosciuto come ‘White Album’, come riporta il ‘Time of India’.

Il rifugio spirituale fu abbandonato dallo Yogi e dai suoi seguaci negli anni Settanta, e il funzionario Vijay Singh del Uttarakhand Forest Department rivela che la zona si trova sotto la supervisione del dipartimento dal 2003. “Restaureremo gli edifici dell’ashram, le capanne della meditazione e aggiungeremo delle attrazioni come un sentiero natura e una caffetteria, piu’ avanti”, ha detto ancora Singh.

Il ministro di Uttarakhand Forests Dinesh Aggarwal aprira’ formalmente al pubblico il prossimo martedi’. Il costo dei biglietto per i visitatori sara’ di 9 dollari. Una delle maggiori attrazioni del luogo sono i muri con i graffiti di pop art dipinti dai fan in una delle sale dove si pratica lo yoga. I fan dei Beatles hanno regolarmente visitato il luogo nel tempo, anche se situato nella riserva delle tigri del Rajaji National Park e quindi tecnicamente off-limits per i visitatori. “Abbiamo avuto i permessi e possiamo aprire al pubblico solo dopo aver avuto l’approvazione della National Tiger Conservation Authority (NTCA)”, ha sottolineato Singh.


(Adnkronos)


Paolo Vallesi: ”Torno dopo 15 anni con l’Episodio 1 di una trilogia”/Video

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Ad oltre 15 anni dal suo ultimo album di inediti ‘Sabato 17.45’, Paolo Vallesi pubblica ‘Episodio 1 – In questo mondo’, che contiene 7 canzoni completamente nuove ed e’ l’inizio di una trilogia. “Essendoci solo 7 canzoni -spiega Paolo all’Adnkronos- e’ quasi un ep ma arrivando a distanza da cosi’ tanti anni dal mio ultimo disco di inediti per me e’ importantissimo.

Si chiama ‘Episodio 1′, un po’ perche’ sono un fan di star wars e non vedo l’ora di vedere al cinema ‘Il risveglio della forza’, ma soprattutto perche’ questo album e’ l’inizio di una trilogia. Un secondo album, l’Episodio 2, con altri sette pezzi inediti uscira’ infatti a febbraio e dopo altri due mesi, in primavera, arrivera’ una raccoltona, che sara’ l’Episodio 3″, annuncia il cantautore, oggi 51enne.

Interamente concepito scritto ed arrangiato dallo stesso Paolo Vallesi assieme a Pio Stefanini e Marco Colavecchio, l’album contiene anche due featuring d’eccezione: uno e’ di Enrico Ruggeri, che ha scritto con Paolo il brano ‘Respirare’; il secondo con il mitico Gennaro ‘Ringhio’ Gattuso che si e’ simpaticamente cimentato come cantante duettando con Paolo nel brano ‘Il cantante e il calciatore’.

Dal punto di vista musicale, Paolo sottolinea che si tratta di “un album dove e’ stato impossibile separare i crediti dei musicisti visto il largo uso di elettronica, synth e drum machine analogici. L’idea e’ stata quella di suonare tutto con strumenti veri e trasformarli a seconda delle esigenze unendo tra loro parti e strumenti diversi”. Nell’album appaiono anche altri musicisti come Donald Renda alla batteria Francesco Sighieri alle chitarre e l’orchestra di archi ‘Oversea’ diretta dal M. Filippo Martelli.

Nella tracklist, si susseguono ‘In questo mondo’, ‘Il mio amore’, ‘Fiorentini’, ‘Il mio pensiero’, ‘Respirare’, ‘Il bello che c’e” e ‘Il cantante e il calciatore’. Ma la canzone a cui Paolo si sente piu’ legato e’ ‘In questo mondo’: “In realta’ e’ molto difficile estrapolare una canzone perche’ ogni brano e’ come un figlio pero’, dovendo scegliere, dico la title track ‘In questo mondo’ che non a caso non solo da’ il titolo all’album ma lo apre anche”. Ma com’e’ ‘questo mondo’ attualmente per Paolo Vallesi? “E’ un mondo meraviglioso e anche difficile per tutto quello che stiamo vivendo anche al livello di tensioni internazionali. Penso che la musica abbia un compito e una possibilita’ quella di unire le persone e anche di far conoscere le culture diverse. Perche’ separare le persone e’ il pericolo piu’ grande”.

Di Sanremo, che lo ha lanciato, il cantautore fiorentino dice: “Gli sono immensamente riconoscente, e’ il festival che mi ha fatto conoscere. Ne ho sempre pensato bene, lo continuo a seguire e chissa’ in futuro magari ci tornero'”.

Quanto ai talent, Vallesi sottolinea: “I talent hanno cambiato radicalmente la musica in Italia e nel mondo perche’ permettono a molte piu’ persone di diventare conosciute ed arrivare al successo nel giro di pochi mesi. Ma c’e’ anche un rovescio della medaglia: tutti questi artisti, che in larga parte sono potenzialmente anche dei grandi artisti, fanno fatica a poter proseguire la propria carriera. Io faccio parte di una generazione in cui un artista si faceva conoscere disco dopo disco. Oggi fare gia’ il secondo album e’ molto difficile. Perche’ la legge cinica dei talent prevede che l’anno dopo c’e’ bisogno di lanciare altre persone. Quindi chi sopravvive a questo meccanismo e’ bravo al quadrato”, conclude.


(Adnkronos)


Ornella Vanoni in concerto al ‘Blue Note’ di Milano

Roma, 9 dic. (AdnKronos) – Venerdi’ 11 e sabato 12 dicembre Ornella Vanoni sara’ sul palco del noto jazz club milanese ‘Blue Note Milano’ con ‘Ornella Free Soul’, un nuovo concerto che segna un altro capitolo nella straordinaria carriera della Signora della Musica Italiana.

‘Free Soul’, titolo scelto da Ornella, non solo definisce pienamente lo stato d’animo attuale dell’artista e il suo essere un’anima libera, ma e’ anche molto adatto per il jazz, stile musicale libero che lascia spazio all’improvvisazione e all’invenzione.

Inoltre, il nome scelto e’ perfetto anche per l’insolito trio di grandissimi musicisti che accompagneranno Ornella Vanoni sul palco: Roberto Cipelli (pianoforte), Bebo Ferra (chitarra) e Piero Salvatori (violoncello). Per l’occasione la Vanoni interpretera’ alcuni brani jazz e di bossanova, oltre che i suoi piu’ grandi successi, con lo stile che sa sempre la contraddistingue.

“E’ un progetto che presento al mio pubblico con emozione e molto entusiasmo – ha dichiarato Ornella – Per andare avanti bisogna cambiare sempre, con coraggio e passione. Questo trio fantastico ed eccezionale mi porta dentro l’anima una nuova gioia”.

In questi giorni Ornella Vanoni ha ricevuto il Premio Elsa Morante Musica alla Carriera. L’importante riconoscimento e’ stato assegnato alla cantante, cantautrice e attrice per celebrare gli oltre cinquanta anni di carriera, tra le piu’ longeve e poliedriche della storia dell’interpretazione italiana.

Per le serate di venerdi’ 11 e sabato 12 dicembre lo spettacolo sara’ unico alle ore 21.00 (apertura porte: ore 19.30). Il prezzo dei biglietti acquistati entro le due ore precedenti ogni concerto e’ di 75,00 euro (prezzo ‘advance’) mentre il prezzo dei biglietti acquistati direttamente all’ingresso dello spettacolo e’ 80,00 euro (prezzo ‘door’).


(Adnkronos)


Aboca scongiura la crisi, non delocalizza e si espande in Val di Chiana

(AdnKronos) – La possibile crisi determinata da una delocalizzazione di Aboca sembra sventata, almeno per ora. L’azienda leader di prodotti fitoterapici e integratori alimentari, che impiega oltre 800 persone smorza i toni dopo la polemica scaturita dai pesticidi che minacciano

le sue coltivazioni di erbe medicinali biologiche in Val Tiberina e Val di Chiana, tra Umbria e Toscana. Il colosso di medicinali per lievi patologie, infatti, ha ottenuto un primo formale impegno dalla Toscana affinche’ venga garantita la convivenza tra agricoltura tradizionale e biologica, nel rispetto della tutela dell’ambiente e della salute umana.

“Siamo fiduciosi nella istituzione della cabina di regia guidata dalla Regione Toscana. Ora spetta a loro, ai 4 organismi chiamati in causa (Arpat, Asl Noe e Nas) far rispettare le norme vigenti. Abbiamo rinunciato alle contrapposizioni con i tabacchicoltori” afferma all’Adnkronos Valentino Mercati, presidente di Aboca.

L’imprenditore conferma la volonta’ di espandere la produzione in Val di Chiana, con altri 300 ettari che si aggiungeranno agli oltre 1.000 ettari gia’ coltivati ad erbe officinali, dalla camomilla alla melissa, alla menta e alla grindelia, solo per citarne alcune tra le 70 specie, che rappresentano la materia prima dei preparati medici che l’azienda produce e commercializza in Italia e all’estero. Un parziale dietrofront, dopo la presa di posizione espressa giorni fa, ma che mantiene margini di incertezza.

“Siamo terrorizzati dagli ogm, ci preoccupano molto e in Italia c’e’ tanta disinformazione – sostiene Mercati – tutti gli allevamenti sono transgenici perche’ gli animali si cibano di mangimi ogm e il pericolo di contaminazioni e’ reale per le nostre coltivazioni: deriva dalle deiezioni del bestiame. Noi facciamo continuamente analisi per vedere se ci sono contaminazioni e inquinamento indiretto”.

Quanto al problema delle sostanze inquinanti usate in agricoltura Mercati sostiene che “il problema sara’ cruciale a maggio, quando la nicotina e i pesticidi si spanderanno nell’ambiente – spiega – bisognera’ vedere se le norme saranno rispettate, soprattutto in Umbria, perche’ non sappiamo ancora come si vuole muovere questa Regione dove abbiamo circa 400 ettari coltivati e uno stabilimento a Citerna” in provincia di Perugia.

– Per sventare il rischio di contaminazioni su coltivazioni bio, Aboca ha bisogno di grandi estensioni di terreno, di almeno 100 ettari, in modo da avere delle fasce “cuscinetto” che possano ammortizzare eventuali passaggi di inquinanti, dai pesticidi agli ogm. D’altra parte l’azienda, che ha il suo quartier generale a San Sepolcro, in provincia di Arezzo, impiega 830 dipendenti ed e’ in piena espansione con un fatturato previsto per il 2015 di circa 120 milioni di euro e di 180 milioni di euro previsti nel 2016, con numerose filiali in America, Polonia, Spagna, due succursali in Francia e Germania e un ufficio a Hog Kong. Prossimamente Aboca espandera’ le coltivazioni in Marocco. Un paese abbastanza vicino dove e’ possibile esportare, con una certa facilita’, lo staff tecnico con una formazione talmente specializzata in agricoltura biologica da non poter essere reperita in loco.


(Adnkronos)


‘Porno contro amore’, per Pupo tour mondiale e nuovo album

Musica

Roma, 8 dic. (AdnKronos) – Un nuovo album tutto di inediti, un tour mondiale e un titolo molto provocatorio. E’ ‘Porno contro amore – , nuovo progetto di Pupo, in questi giorni in studio di registrazione per il nuovo album in uscita la prossima primavera, a distanza di undici anni dal successo del precedente lavoro discografico ‘L’equilibrista – .

Un disco pieno di sorprese, con due brani scritti con Il Cile e una canzone, ‘Per voi due – , dedicata a due donne, sua moglie e la sua compagna.

All’uscita del disco Pupo fara’ seguire un tour mondiale con partenza da Toronto, il 5 marzo, poi in Australia con date a Sidney, Melbourne e Perth, il 7 aprile tappa a Mosca e poi approdo, il 10 aprile in Italia con prima data a Torino. Pupo si esibira’ poi nei principali teatri italiani dove presentera’ i brani del nuovo disco e tutti i suoi piu’ grandi successi.

Le prevendite saranno disponibili a breve, queste le prime date confermate: 10.4 Torino, Teatro Colosseo, 11.4 Milano – Teatro Nazionale, 14.4 Firenze – Obi Hall, 15.4 Padova – Gran Teatro Geox, 22.4 Lecce – Teatro Politeama Greco, 27.4 Roma – Teatro Olimpico. Dopo la data romana, Pupo riprendera’ il tour mondiale a maggio con date negli Stati Uniti.


(Adnkronos)