Nel ‘Cassetto digitale dell’imprenditore’ niente sogni ma strumenti concreti

Una best practice della Pubblica Amministrazione che accompagna le imprese nella transizione digitale premiata da Sda Bocconi

Una best practice per la Pubblica Amministrazione e un servizio irrinunciabile per le imprese di oggi chiamate a operare in un mercato sempre più dinamico e digitale. Parliamo del cassetto digitale dell’imprenditore, raggiungibile da – il servizio offerto dalle Camere di Commercio a 10 milioni di cittadini imprenditori per accedere ai documenti ufficiali della propria impresa – che non contiene i classici ‘sogni nel cassetto’ ma raccoglie strumenti utili e concreti per chi fa business.
Un servizio innovativo che si è aggiudicato il premio “Valore Pubblico: la Pubblica Amministrazione che funziona”, iniziativa ideata e promossa da Sda Bocconi School of Management insieme al Gruppo Gedi. Innovazione, risultati e riproducibilità sono stati i criteri adottati per selezionare e valorizzare – tra i tanti progetti valutati – le esperienze più innovative nella PA, capaci di generare benefici concreti per cittadini e imprese e di proporsi come esempi da emulare.
Visure, certificati, statuti, bilanci, planimetrie, asseverazioni e tanti altri documenti digitali condivisibili in tempo reale con clienti, fornitori, banche, professionisti e PA: il cassetto digitale dell’imprenditore offre tutto questo. Basta accedere, con la massima facilità e in piena sicurezza, con la propria identità digitale SPID o CNS. Per di più, in modo totalmente gratuito.
Ad oggi sono oltre 1,8 milioni gli imprenditori – legali rappresentanti e titolari di attività (in crescita del 17% rispetto a dicembre 2021) – che lo hanno usato per scaricare più di 5 milioni di documenti ufficiali e reperire così informazioni e dati sempre aggiornati sulla propria impresa.
impresa.italia.it è assolutamente ‘paperless’ e utilizzabile anche in mobilità tramite smartphone, tablet, così da ridurre lo spreco di carta e inchiostro e il tempo e i costi per raggiungere uffici e sportelli alla ricerca dei documenti dell’azienda.
Uno strumento innovativo a riprova di come la Pubblica Amministrazione – in questo caso attraverso il contributo del sistema camerale e InfoCamere – sia al centro della creazione e dello sviluppo dell’ecosistema digitale italiano.

(Adnkronos)