Fvg, Rosolen “Progetti ‘Maestri del lavorò risorsa per i giovani”

TRIESTE (ITALPRESS) – “I progetti elaborati dai ‘Maestri del
lavorò per gli studenti rientrano tra i percorsi promossi dalla
Regione per accompagnare i giovani nella delicata fase di
transizione tra la scuola e l’inserimento lavorativo. Un sistema
in cui una pluralità di attori mettono a disposizione le proprie
competenze per fornire indicazioni utili e che sta producendo
risultati importanti sul nostro territorio: il Friuli Venezia
Giulia, in questi anni, ha visto da un lato aumentare le entrate
nel mondo del lavoro da parte dei giovani tra i 25 e i 34 anni,
dall’altro ridursi notevolmente sia il gap di ingressi tra maschi
e femmine, sia il dato sulla dispersione scolastica”.
E’ quanto affermato oggi a Trieste dall’assessore al Lavoro,
Alessia Rosolen, alla conferenza stampa con cui la Federazione
dei maestri del lavoro del Friuli Venezia Giulia ha presentato le
proposte di orientamento per le scuole secondarie di primo e
secondo grado. Iniziative, organizzate in collaborazione con
l’Associazione nazionale lavoratori anziani (Anla), che si
propongono di curare la crescita personale e
tecnico-professionale dei giovani e che si articolano in diversi
moduli, dedicati allo sviluppo delle competenze trasversali, agli
scenari tecnologici attuali e futuri, alla cultura della
sicurezza e alla tutela della proprietà intellettuale.
“I pregi di questi progetti sono molteplici – ha affermato
Rosolen -. In primo luogo la presenza di soggetti che si
relazionano con i giovani e che testimoniano in prima persona le
loro esperienze; in secondo luogo l’attenzione alla sicurezza in
ambito lavorativo, che anche la Regione sta affrontando con
particolare convinzione prevedendo di attivare il primo master
pluriennale dedicato a questo tema”.
I “Maestri del lavoro” sono nominati dal Presidente della
Repubblica, su proposta del Ministero del lavoro, per il loro
impegno nella vita professionale. Tra di essi, coloro che hanno
compiuto i 50 anni e si sono distinti per singolari meriti di
perizia, laboriosità e condotta morale vengono insigniti della
“Stella al merito del lavoro”. La federazione nazionale è nata
nel 1954 ed è operativa in Friuli Venezia Giulia attraverso i
consolati di Trieste, Gorizia, Pordenone e Udine.
Tra gli altri, sono intervenuti all’incontro odierno la
professoressa Mavina Pietraforte, in rappresentanza della
Direzione scolastica regionale, il Console regionale dei Maestri
del lavoro, Andrea Peressutti, il rappresentante del consolato di
Trieste, Roberto Gerin e la presidente regionale dell’Anla,
Adriana Maglica.
-foto ufficio stampa Regione Fvg-
(ITALPRESS).