Azzurri in evidenza nelle batterie agli Europei di nuoto

ROMA (ITALPRESS) – Azzurri subito protagonisti nella prima sessione di batterie che ha aperto la 36esima edizione degli Europei di Roma, in svoglimento fino al 17 agosto nella cornice unica dello Stadio del Nuoto. Alberto Razzetti e Pier Andrea Matteazzi fanno sognare e accedono alla finale dei 400 misti senza stafare. Il 23enne ligure e vice campione europeo in carica è terzo in 4’17″21; il 25enne di Vicenza quinto in 4’17″36. Nei 50 farfalla Piero Codia con la seconda prestazione personale di sempre e Thomas Ceccon accedono alla semifinale con il quarto e il quinto crono, eliminati il debuttante Lorenzo Gargani e Matteo Rivolta. Nei 100 sl la padrona di casa Silvia Di Pietro tocca con un ottimo 54″54 e strappa il pass per la semifinale con il quarto tempo; tre posizioni dietro la 29enne velocista romana c’è la 19enne pugliese Chiara Tarantino che supera il turno in 54″69. Si fermano, nonostante siano tra le migliori sedici ma terza e quarta tra le italiane, Sofia Morini (10^) e Costanza Cocconcelli (11^). La bicampionessa europea in carica Margherita Panziera ritrova finalmente sorriso e certezze e Federica Toma riparte dalla consapevolezza di essere una nouvelle vague di gran talento: le due azzurre si qualificano per le semifinali dei 200 dorso rispettivamente col miglior tempo (2’09″27) e col 14^ crono (2’13″13). Spettacolari ad ogni sessione si preannunciano i 100 rana e nello show gli italiani ci saranno, per recitare da protagonisti. Il primatista italiano Nicolo Martinenghi e Federico Poggio accedono con il primo (59″08) e il terzo (59″49) crono alle semifinali. Semaforo rosso per i giovani Simone Cerasuolo e Andrea Castello.
In finale le 4×200 stile libero. Alice Mizzau, Linda Caponi, Noemi Cesarano e Antonietta Cesarano sono terze in 8’05″29, precedute da Ungheria e Olanda; Filippo Megli, Matteo Ciampi, Gabriele Detti e Lorenzo Galossi nuotano in 7’09″03 che vale il miglior tempo d’ingresso e la corsia 4. Dulcis in fundo gli 800 stile libero: la campionessa europea, bronzo iridato e olimpico Simona Quadarella e Martina Caramignoli, tredici anni dopo i Mondiali di Roma 2009 quando fu diciassettesima nei 1500, volano in finale, prevista sabato pomeriggio, con il primo e il quarto riscontro cronometrico.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).