Monselice: MANUTENZIONE URGENTE AL PERCORSO DELLE SETTE CHIESETTE. IL SINDACO BEDIN: “CHIESTA ALLA REGIONE MASSIMA URGENZA PER COMPLETARE I LAVORI”

Il Percorso delle 7 chiesette necessita di urgenti interventi di manutenzione. È quanto è emerso nel corso del sopralluogo compiuto lo scorso 4 maggio, alla presenza dell’amministrazione comunale di Monselice, da parte di alcuni funzionari della Regione Veneto e dei geologi della Direzione Difesa del Suolo e della Costa. In particolare, secondo quanto riportato dalla comunicazione pervenuta in Comune nelle scorse ore, i tecnici hanno rilevato due situazioni rilevanti di instabilità del muro che delimita il percorso, per la precisione tra la seconda e la terza chiesetta e tra la quinta e la sesta.

“L’intervento è di competenza della Regione, che dovrà mettere in sicurezza l’area – spiega il sindaco Giorgia Bedin -. Si rende necessaria dunque l’interruzione dell’accesso e del transito sia pedonale sia carrabile alla scalinata delle 7 chiesette, l’ancoraggio dei cipressi pericolanti e il transennamento e il puntellamento delle parti del muro più a rischio. Considerato che si tratta di questioni legate alla sicurezza pubblica, ho immediatamente scritto alla Regione chiedendo che gli interventi siano effettuati e completati con la massima urgenza, dal momento che sono già state programmate nel sito numerose manifestazioni. Nella lettera ho anche ricordato che sulla sommità della collina sono presenti alcuni scavi archeologici, ad oggi in corso, programmati dalla Regione in collaborazione con l’Università di Padova”.

“Nel tempo trascorso tra il sopralluogo e la comunicazione ufficiale della Regione, la priorità dell’amministrazione comunale è stata quella di garantire comunque la massima sicurezza alla cittadinanza – sottolinea il sindaco -. Ecco perchè lo scorso weekend in occasione della manifestazione “La Rocca in fiore” la transennatura dell’area è stata rinforzata in via precauzionale. Ciò che ci auspichiamo e chiediamo a gran voce è che la Regione intervenga al più presto, per permettere ai cittadini e ai turisti di poter tornare a vivere la bellezza della Rocca e della città in sicurezza e con maggior libertà”.

(Comune di Monselice)