Gios “Olimpiade straordinaria, pronto a incontrare Fontana”

PECHINO (CINA) (ITALPRESS) – “Arianna è un patrimonio della nostra Federazione e non vogliamo dilapidarlo. L’incontro si farà, non c’è chiusura da parte mia. Se ha bisogno di andare all’estero, saremo i primi a cercare una squadra che la ospiti. Ma se il nodo è la questione del marito che deve diventare l’allenatore della Nazionale, non possiamo accettarlo”. Lo ha detto Andrea Gios, presidente della Fisg, in conferenza stampa a Casa Italia Yanqing. “Il 19 marzo ci saranno le elezioni e sarà rinnovato il Consiglio federale, poi ci sarà un mese di riunioni in tutti i settori tecnici per definire il programma e ci sarà anche la questione Fontana”, ha aggiunto.

“Abbiamo fatto un’Olimpiade straordinaria, al di là di ogni aspettativa. I ragazzi hanno sorpreso anche me: le aspettative erano importanti ma 7 medaglie, di cui due d’oro, è più di quello che si aspettava” ha aggiunto Gios. “C’era la cognizione di avere una squadra pronta e non è ancora finita, siamo in attesa delle ultime due gare che possono darci grandi soddisfazioni”.

Arianna Fontana “è stata messa nelle condizioni che noi riteniamo ottimali per poter svolgere la sua attività nel modo migliore in relazione alle sue esigenze personali e alle richieste del marito, senza che ci fossero ripercussioni negative sul gruppo. E mi pare che i risultati ci diano ragione: Arianna si è presentata in ottima forma come la squadra” ha aggiunto Gios. “La Fisg si è assunta tutte le spese della preparazione di Arianna, Lobello ci ha presentato un programma e lo abbiamo assecondato. Non ho nulla contro il fatto che Lobello sia l’allenatore della Fontana, forse è anche il miglior allenatore per lei anche se con una stoffa di quel genere è difficile fare un brutto vestito. Ma non crediamo che Lobello sia la figura giusta per allenare tutta la squadra, questo è l’unico punto inderogabile perchè ho altri 18 atleti da allenare e sono il nostro patrimonio e aiutano Arianna ad allenarsi al meglio”.

L’accusa di Arianna Fontana ai compagni di squadra di aver cercato di farla cadere in allenamento “è stata la parte più stonata delle sue esternazioni. Ci siamo abituati, è dal 2006 che attacca la Federazione. E’ nel suo carattere ed è anche un aspetto della sua forza. Ma questa accusa è inaccettabile, sono i maschi che hanno pattinato con lei e che per anni le hanno fatto da sparring partner, di sicuro negli ultimi sei mesi, aiutandola a crescere. E’ un episodio che è successo tre anni fa, siamo stati informati subito, Sanfratello (segretario della Federazione, ndr) ha parlato con i ragazzi. Ma era un episodio di allenamento, che succede molto spesso, nelle simulazioni di gara. Per noi la questione era chiusa. E dopo tre anni Arianna è andata in Ungheria, è tornata e si è allenata negli ultimi sei mesi con questi ragazzi. Questa sua uscita ha distrutto il clima all’interno della squadra. Arianna non saluta i ragazzi, si è allenata con le squadre straniere. Lei è una campionessa straordinaria, vorrei che fosse anche una leader. Durante un’Olimpiade non si fa una dichiarazione del genere. Queste rotture sono negative”.
(ITALPRESS).