Quirinale 2022, Mattarella rieletto presidente della Repubblica


Ha ottenuto 759 voti, è il secondo Capo dello Stato più votato della storia, dopo Sandro Pertini
Sergio Mattarella è stato rieletto presidente della Repubblica con 759 voti. Quando ha raggiunto il quorum della maggioranza assoluta, pari a 505 voti, l’aula del Parlamento gli ha tributato circa 5 minuti di applausi.
Un nuovo, lunghissimo, applauso dell’aula ha salutato l’annuncio del presidente della Camera, Roberto Fico, che ha proclamato l’elezione di Mattarella a presidente della Repubblica.
Con una breve dichiarazione Fico, accompagnato dalla presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha comunicato a Mattarella, in un breve incontro al Quirinale, l’avvenuta rielezione.
La riunione del Parlamento in seduta comune per il giuramento e il messaggio del presidente della Repubblica si terrà giovedì 3 febbraio alle 15.30.
Con 759 voti, Mattarella è il secondo Capo dello Stato più votato della storia, dopo Sandro Pertini, che resta al primo posto con 832 consensi. Dietro l’attuale Capo dello Stato, Francesco Cossiga, con 752 consensi, e Giorgio Napolitano, alla rielezione, con 738.
Dopo il lungo applauso che ha salutato la rielezione di Mattarella al Colle, una parte dell’aula ha voluto ‘rendere omaggio’ anche a Pier Ferdinando Casini, dato dai boatos fino all’ultimo come uno dei favoriti per la corsa quirinalizia. Sono stati soprattutto gli azzurri di Forza Italia a complimentarsi con l’ex presidente della Camera (tanti gli hanno stretto la mano e dato amichevoli pacche sulle spalle) che oggi ha fatto una ‘rinuncia pubblica’ invitando tutto il Parlamento a non considerarlo più come un nome in campo e sollecitando i ‘grandi elettori’ a confermare Mattarella.
LE PAROLE DI MATTARELLA – Mattarella ha accettato la rielezione a presidente della Repubblica per “senso di responsabilità” e “rispetto delle decisioni del Parlamento”. “I giorni difficili trascorsi per l’elezione alla Presidenza della Repubblica, nel corso della grave emergenza che stiamo tuttora attraversando sul versante sanitario, su quello economico, su quello sociale, richiamano al senso di responsabilità e al rispetto delle decisioni del Parlamento. Queste condizioni impongono di non sottrarsi ai doveri cui si è chiamati e naturalmente debbono prevalere su altre considerazioni e su prospettive personali differenti” ha affermato il presidente della Repubblica, dopo aver ricevuto la comunicazione dell’elezione.
Mattarella ha accettato l’elezione “con l’impegno di interpretare le attese e le speranze dei nostri concittadini”. “Desidero ringraziare i parlamentari e i delegati delle Regioni per la fiducia espressa nei miei confronti”, ha detto ancora il capo dello Stato.

(Adnkronos)