27 GENNAIO – PER NON DIMENTICARE

“La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles ed io i primi a scorgerla: stavamo trasportando alla fossa comune il corpo di Sòmogyi, il primo dei morti fra i nostri compagni di camera. […] Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo. Quando giunsero ai reticolati, sostarono a guardare, scambiandosi parole brevi e timide, e volgendo sguardi legati da uno strano imbarazzo sui cadaveri scomposti, sulle baracche sconquassate, e su noi pochi vivi.” (Primo Levi, La Tregua, Einaudi, p. 11)

Il 27 gennaio di ogni anno (a partire dal 2000 in Italia e dal 2005 a livello mondiale) si celebra il ‘Giorno della Memoria’, per non dimenticare cosa sia stata la Shoah e i milioni di vittime che produsse.

L’Amministrazione comunale, visto il perdurare dei limiti sugli eventi in presenza imposti dalla situazione epidemiologica in corso e l’alto numero di contagi, ha deciso di dare comunque un segno tangibile del necessario ricordo di ciò che è stato. Saranno pertanto visibili, nei principali monumenti ai Caduti del territorio e in altri punti strategici, delle sagome e dei pannelli con frasi commemorative. Perchè tutti ne abbiano Memoria.

I ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di I grado “Andrea Moroni” di Vigodarzere hanno invece in questi giorni l’opportunità di assistere, siano essi in presenza o in Dad, al video-spettacolo “Fino a quando la mia stella brillerà – Storia di Liliana Segre”. 

Basato sul libro di Daniela Palumbo e Liliana Segre lo spettacolo, realizzato da Milk srl, scritto da Daniela Palumbo con la regia di Lorenzo Marangoni e con l’interpretazione dell’attrice Margherita Mannino, utilizza – come il romanzo – un linguaggio, immagini e descrizioni di pensieri e sensazioni filtrati dallo sguardo di Liliana giovane ragazza: come si può raccontare l’orrore della Shoah anche ai giovanissimi? Ma ancora: come può essere che ragazzi e ragazze di quell’età quell’orrore lo abbiano vissuto?

A queste, e ed altre domande, gli studenti troveranno delle risposte grazie ai dibattiti che potranno avere, dopo la visione dello spettacolo, con il regista o l’attrice. 

In biblioteca, invece, sono stati creati dei percorsi di lettura per adulti e ragazzi. In allegato i file dei nostri suggerimenti. Altri se ne trovano in https://opac.provincia.padova.it/percorsi/27-gennaio-giorno-della-memoria/

Per non dimenticare.

(Comune di Vigodarzere)