COLDIRETTI. DA DOMANI 5 GENNAIO NUOVA SEDE PER IL MERCATO AGRICOLO DI PORTOGRUARO, IN PIAZZA DUOMO.

COLDIRETTI. DA DOMANI 5 GENNAIO NUOVA SEDE PER IL MERCATO AGRICOLO DI PORTOGRUARO, IN PIAZZA DUOMO.

4 Gennaio 2022-  Da domani mattina, mercoledi 5 Gennaio 2022, i cittadini potranno recarsi al mercato agricolo in una nuova sede, in Piazza Duomo. “Abbiamo concordato con l’amministrazione comunale un nuovo spostamento- afferma Andrea Pegoraro presidente di sezione di Coldiretti Portogruaro che ha molto a cuore l’andamento del mercato agricolo- l’assessore alle attività produttive Luigi Geronazzo e lo stesso sindaco Florio Favero  si sono resi disponibili per un cambiamento di location del mercato che da qualche mese si trovava in via Padre Bernardino con evidenti problematiche legate al traffico intenso che impedivano ai cittadini di fermarsi tranquillamente a fare la spesa.” Puntualizza Andrea Pegoraro. Il mercato agricolo, inaugurato nel 2012 nel centro di Portogruaro in Borgo San Giovanni era uno dei più riusciti della provincia di Venezia sia per indice di gradimento sia per frequentazione molto elevati, andamento completamente invertito dopo il trasferimento in Piazzetta della Dogana poi in Piazza della Repubblica e successivamente in Via Padre Bernardino, tanto che ben 5 aziende hanno abbandonato il mercato perché non più sostenibile. “Ringraziamo per la disponibilità dimostrata dall’amministrazione comunale a riportare l’attività del mercato in centro città- afferma Davide Montino presidente di Agrimercato Venezia l’associazione che coordina i mercati agricoli per le aziende di Coldiretti- ci rendiamo conto che la posizione rappresenta un ingrediente fondamentale per la buona riuscita del mercato che con la nuova location in Piazza Duomo, ci auguriamo possa ritornare  all’ originale gradimento sia per i cittadini che per gli operatori agricoli.” L’appuntamento è dunque per domani dalle ore 8.00 alle 13.00 dove si potranno trovare frutta, verdura di stagione ma anche trasformati, formaggi, prodotti da forno tra cui la “Pinza” il  dolce tipico della ricorrenza dell’Epifania ora considerato uno dei cibi simbolo dell’antispreco perché preparato con gli avanzi delle festività natalizie: si tratta di una ricetta della tradizione che da’ testimonianza di quanto, nonostante il tempo, i principi e i valori legati alla cultura rurale siano ancora attuali.

(Coldiretti Padova)