Sostenibilità, Testoni (ETicaNews): ‘Strumenti finanza non mancano, burocrazia frena’



Milano, 24 nov. – “La finanza dispone di molteplici strumenti di intervento per tradurre i propri obiettivi di sostenibilità in un ambito che sia tangibile e concreto. Ma ci sono degli ostacoli, in particolare in Italia – spiega Luca Testoni, direttore ETicaNews e Esg Business Review, in occasione della presentazione del working paper ‘Finanza ESG e settore idrico’, realizzato da ETicaNews con il supporto di Gruppo Cap e Assolombarda – La risposta che emerge dalla ricerca è il riflesso di quanto avvenuto a Glasgow durante la Cop 26: esiste una volontà di investimento molto forte, la finanza è pronta ad investire nel settore idrico e comprende a pieno il valore del comparto. La volontà reciproca di comunicare si scontra con questi principali gap: l’incapacità di conoscere gli asset idrici italiani, essendo questi molto frazionati e la difficoltà regolatoria, poiché questi asset hanno una governance che spesso è di derivazione pubblica che rende molto difficile l’apertura del capitale verso l’esterno. Bisognerà quindi agire sulla riorganizzazione delle realtà dell’idrico – conclude il direttore di ETicaNews e Esg Business Review – o trovare altri strumenti che possano convivere con la governance complessa di alcune di queste aziende, quali per esempio le obbligazioni sostenibili (Green Bond)”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:
Pin Share

Be the first to comment on "Sostenibilità, Testoni (ETicaNews): ‘Strumenti finanza non mancano, burocrazia frena’"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


1 × 5 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.