Lavoro: ammortizzatori Covid, indennità malattia e congedi genitori

Il Decreto Legge n. 146 del 21 ottobre 2021 sulle “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili” conferma alcuni provvedimenti relativi agli ammortizzatori Covid, indennità malattia per quarantena – lavoratori fragili e congedi Covid per genitori. Per maggiori informazioni rivolgersi all’Ufficio Paghe di Coldiretti Padova (tel. 049 8997311).

AMMORTIZZATORI COVID

Scarica a questo collegamento il riepilogo degli ammortizzatori Covid previsti per i lavoratori con i relativi periodi e scadenze.

INDENNITA’ MALATTIA PER QUARANTENA – LAVORATORI FRAGILI

Viene sancito che fino al 31 dicembre 2021 i datori di lavoro del settore privato iscritti alle gestioni dell’INPS, con esclusione dei datori di lavoro domestico, hanno diritto, solo nei casi in cui la prestazione lavorativa, durante l’evento, non possa essere svolta in modalità agile, a un rimborso forfettario per gli oneri sostenuti relativi ai propri lavoratori dipendenti non aventi diritto all’indennità a carico dell’Istituto.

Il rimborso erogato dall’INPS è pari a euro 600 per lavoratore, previa presentazione da parte del datore di lavoro di apposita domanda.

L’effettiva operatività della novella è subordinata alle istruzioni che saranno fornite dall’Inps.

Inoltre, si ricorda che, l’articolo 2-ter del decreto-legge 6 agosto 2021, n. 111, ha apportato modifiche alla disciplina inerente ai lavoratori fragili. E’ stato ulteriormente prorogato fino al 31 dicembre 2021 il termine per il riconoscimento della tutela, che prevede, per i lavoratori in possesso della specifica certificazione sanitaria, che non possano svolgere la propria prestazione lavorativa in modalità agile, l’equiparazione del periodo di assenza dal servizio al ricovero ospedaliero e, il periodo durante il quale, i lavoratori fragili svolgono di norma “la prestazione lavorativa in modalità agile, anche attraverso l’impiego ad una diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dai contratti collettivi vigenti, o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto”.

CONGEDI COVID GENITORI

Rifinanziate le misure, che di seguito si ricordano, per l’anno 2021:

Il lavoratore dipendente genitore di figlio convivente minore di anni 14 può astenersi dal lavoro, alternativamente all’altro genitore, usufruendo di un congedo straordinario per un periodo corrispondente in tutto o in parte alla durata:

– della sospensione dell’attività didattica o educativa in presenza del figlio;

– dell’infezione da SARS-CoV-2 del figlio;

– della quarantena del figlio disposta dall’ASL.

In caso di figli con disabilità in situazione di gravità accertata, il diritto è riconosciuto a prescindere dall’età del figlio.

Il congedo può essere fruito in forma giornaliera od oraria con il riconoscimento di un’indennità pari al 50%della retribuzione stessa, con copertura da contribuzione figurativa.

Si prevede altresì che gli eventuali periodi di congedo parentale già fruiti dai genitori a decorrere dall’inizio dell’anno scolastico 2021/2022 possano, su domanda, essere convertiti in congedo Covid-19.

In caso di figli di età compresa fra 14 e 16 anni è ammesso il diritto di astenersi dal lavoro senza corresponsione di retribuzione o indennità, ma con riconoscimento di contribuzione figurativa, divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Per i giorni in cui un genitore fruisce del congedo oppure non svolge alcuna attività lavorativa o è sospeso dal lavoro, l’altro genitore non può fruire del medesimo congedo, salvo che sia genitore anche di altri figli minori di anni quattordici avuti da altri soggetti che non stiano fruendo di nessuna delle stesse misure.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us:
Pin Share