“BUON PANE NON MENTE”: IL CONVEGNO DEI PANIFICATORI ASCOM FA LUCE SUI TEMI CALDI DEGLI AUMENTI

DAL CONVEGNO DELL’ASCOM CONFCOMMERCIO “BUON PANE NON MENTE” LA CONFERMA DELLE TENSIONI SUI PREZZI DEI CEREALI E DELL’ENERGIA, “MA GLI AUMENTI SI QUANTIFICHERANNO IN POCHI CENTESIMI PER CHILO DI PANE O PER PACCO DI PASTA”

Le tensioni sui prezzi delle farine e dell’energia ci sono, ma questo non significa che, per pane e pasta, ce ne accorgeremo come per il prezzo della benzina, dell’elettricità o del gas. E questo perché quando gli aumenti ci saranno – perché ci saranno – verranno quantificati nell’ordine dei pochi centesimi per chilo o per pacco. La notizia, rassicurante, è emersa dall’intervento di Giorgio Agugiaro, già presidente della sezione molini a frumento tenero Italmopa, intervenuto al convegno “Buon Pane non mente!” svoltosi questa mattina all’Hotel Crowne Plaza ed organizzato dal Gruppo Panificatori dell’Ascom Confcommercio di Padova.

Di fronte ad una sala gremita seppur ridotta per gli obblighi anti Covid, il presente e, soprattutto, il futuro della panificazione e dei panifici sono stati affrontati da un panel di relatori di tutto rispetto.
Aperto dalla relazione del presidente dei panificatori padovani, Carlo Quartesan, che ha ricordato le tappe di avvicinamento al convegno, il primo in presenza dopo i mesi duri della pandemia, l’incontro ha visto dapprima gli interventi di Antonio Santocono, presidente della Camera di Commercio e poi del presidente di Confcommercio Veneto e Ascom Padova, Patrizio Bertin.

Se Santocono si è soffermato sulla consistenza del comparto (387 i panifici operanti in provincia di Padova al 30 giugno con una minima flessione – erano 393 alla pari data del 2020), Bertin, nel ricordare il suo passato di panificatore, non ha mancato di sollecitare la sala a pensare positivo perché – ha detto – “siamo quelli che il delivery, consegnando a domicilio, lo abbiamo sempre fatto e l’e-commerce altri non è se non un’evoluzione dei nostri ordini presi al telefono”. Un po’ come dire: dobbiamo progredire ma è chiaro che “il pane ha un grande futuro dietro le spalle”.
Un tema sviluppato con dovizia di immagini e suggestioni nell’ora e mezza durante la quale Carlo Meo, amministratore delegato di Marketing & Trade, ha lettaralmente incollato alla sedia gli astanti con una relazione dai mille spunti che, dovendo sintetizzare, si può ricondurre ad alcuni concetti-chiave: identità, qualità e assortimento, somministrazione sì ma “con juicio”, la progettazione del negozio alla base del successo.

In precedenza una circostanziata disamina dell’attuale situzione dei prezzi sui mercati mondiali dei cereali era stata effettuata da Giorgio Agugiaro che non ha avuto remore nel definire una “tempesta perfetta” quella che si è abbattuta sul grano, duro o tenero che sia, le cui produzioni sono risultate falcidiate da un clima che non ha lasciato scampo né alle produzioni americane né a quelle europee. Risultato: prezzi alle stelle e prospettive poco lusinghiere.

Non bastasse il clima impazzito a ridurre gli stock, ci si è messa pure la logistica che, come ha osservato Franco Pasqualetti nella sua veste di presidente di Interporto Padova, non è affatto marginale nella costruzione del prezzo se è vero, come è vero, che i container, ad esempio, hanno subito aumenti anche del 600%!
Dunque un convegno dai molti spunti interessanti che ha avuto anche una parte più prettamente “categoriale” con i presidenti della Federazione dei Panificatori Fippa, Roberto Capello e del presidente dell’Ente Bilaterale Veneto, Maurizio Porato impegnati a descrivere gli interventi e le opportunità offerte alle imprese del settore dalla bilateralità.
Tecnici, ma pur sempre funzionali ad una corretta e “sicura” gestione delle imprese le comunicazioni di Gianluca Rosati, consulente per l’Ascom di igiene alimentare e vicepresidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Padova e di Gianluca Grossi, consulente in materia di sicurezza.

Il dibattito finale ha confermato la bontà dell’iniziativa testimoniata da una sala senza defezioni fino alla chiosa finale di Quartesan.

PADOVA 24 OTTOBRE 2021

(Ascom Padova)

Please follow and like us:
Pin Share