Camposampiero: Giacomo Poretti racconta “come si fa un’anima” | Giovedì 23 settembre al Teatro Ferrari

Il Teatro Ferrari di Camposampiero riapre con quello che, a tutti gli effetti, è un anticipo della stagione autunnale programmata da Piccionaia. E si tratta di un antipasto alquanto succulento per quella che ci si augura sarà la stagione della piena ripartenza dopo lo stop causato dalla pandemia.
 
Giovedì 23 settembre, alle 21.00 GIACOMO PORETTI, uno dei componenti del famosissimo trio Aldo Giovanni e Giacomo porterà in scena lo spettacolo:
 
UNA RONDINE DENTRO AL CUORE
con la collaborazione di Luca Doninelli
musiche originali di Ferdinando Baroffio
scene di Ilaria Ariemme
regia di Andrea Chiodi
 
BIGLIETTO unico 15,00 euro
Acquisto on line: www.vivaticket.com  
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONIwww.teatroferrari.it – 366 6502085
 
Questo monologo, scritto e interpretato da Giacomo Poretti, raccoglie divagazioni e provocazioni su un organo che i moderni manuali di anatomia non contemplano ma di cui da millenni gli uomini di ogni latitudine hanno parlato: quando si sviluppa l’anima in un essere vivente? Esiste realmente o è solo una chimera, un desiderio? Oppure è così infinitesimale che non la si vede nemmeno con il più grande scompositore di particelle? E alla fine, anche se la scovassimo, l’anima a che serve? Cosa ce ne facciamo? O meglio, cosa vorrebbe farne lei di noi?
 
“Il progetto di questo monologo – spiega Giacomo – mi frulla in testa da quando è nato mio figlio Emanuele. In quell’occasione venne a trovarci in ospedale un anziano sacerdote che mia moglie ed io conoscevamo bene. Si complimentò con noi e ci disse: bene, avete fatto un corpo, ora dovete fare l’anima. Questa frase mi è rimasta dentro per molto tempo, si è sedimentata finché non mi sono deciso ad affrontare la questione, un compito certo non facile.
 
Per affrontarla ho usato il linguaggio dell’umorismo e dell’ironia e mi sono posto un sacco di domande. Come nasce l’anima? Spunta coi dentini da latte? O dopo? Quanto incide una corretta alimentazione a farla crescere? E, nel caso, sarebbe meglio una dieta iperproteica o senza glutine, oppure povera di sodio? Ma l’anima esiste davvero o è una nostra invenzione? E ancora: è una parola da mandare in pensione o i tempi complicati che stiamo attraversando la rendono più che mai ineludibile?  Fermo restando che ognuno può declinarla dandole il significato che meglio crede: impegno, senso morale, militanza civile o altro.
 
Lo spettacolo rientra nel programma del Premio Camposampiero di Poesia Religiosa.
 
In collaborazione con Comitato organizzatore Premio Poesia Camposampiero, Lions Club Camposampiero, Pro Loco Camposampiero, Fondazione Crocevia.
Allegati

(Comune di Camposampiero)

Please follow and like us:
Pin Share

Be the first to comment on "Camposampiero: Giacomo Poretti racconta “come si fa un’anima” | Giovedì 23 settembre al Teatro Ferrari"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


tre − 2 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.