Per oltre 74% italiani la burocrazia assorbe troppo tempo ai medici

Il Rapporto Cida-Censis: “Per i medici la reputazione sociale è ottima ma poco riconosciuta nel Sistema sanitario”

Roma, 22 apr. (Adnkronos/Labitalia) – Rimettere i medici al centro del Servizio sanitario. E’ quello che chiedono gli italiani, secondo il 1° Rapporto Cida-Censis “Il valore dei manager per tornare a crescere nel benessere – Perché con più manager la Pa sarebbe subito pronta per la buona gestione dei fondi Ngeu e non solo” presentato questa mattina in streaming.
Il 69,8% dei cittadini, si legge nel Rapporto, “ha elevata fiducia nei medici perché mettono sempre e comunque la salute del paziente al primo posto, prima dell’aspetto economico o di altro tipo”. Per il 74,2%, nel proprio lavoro i medici non dovrebbero essere obbligati a dedicare troppo tempo ad aspetti burocratici. Il 66,2% degli italiani poi vuole sia sempre salvaguardata la totale autonomia dei medici nel prendere decisioni sulla salute dei pazienti, e per il 91,4% anche se telemedicina e digitale sono essenziali, occorre sia ben conservato il rapporto diretto paziente-medico.
“Sono numeri -spiega il Rapporto Cida-Censis- che raccontano l’alto valore sociale dei medici e la relativa very good social reputation. Eppure nel tempo molto poco essa è stata riconosciuta nel Servizio sanitario, come dimostra il gap retributivo con i colleghi di altri paesi. Infatti, fatta 100 la retribuzione media annua dei medici italiani, a parità di potere d’acquisto, in Germania il valore è pari a 182, nel Regno Unito a 161, in Spagna a 102 ed in Francia a 101. Pertanto, un obiettivo importante della nuova sanità post Covid-19, che deve disintossicarsi dalle logiche economiciste, è ripartire dalla neocentralità del medico, anche nell’esercizio di funzioni dirigenziali nel Servizio sanitario, perché garante di una sanità in linea con le più profonde esigenze dei cittadini”.

(Adnkronos)

Please follow and like us:
Pin Share