COLDIRETTI VENETO:” DALL’ASSESSORE BOTTACIN PAROLE INCORAGGIANTI: SU DEFLUSSO ECOLOGICO SERVONO DEROGHE PER EVITARE UN’IMPOSIZIONE DALL’ALTO”

COLDIRETTI VENETO:” DALL’ASSESSORE BOTTACIN PAROLE INCORAGGIANTI: SU DEFLUSSO ECOLOGICO SERVONO DEROGHE PER EVITARE UN’IMPOSIZIONE DALL’ALTO”

COLDIRETTI VENETO:” DALL’ASSESSORE BOTTACIN PAROLE INCORAGGIANTI:  SU DEFLUSSO ECOLOGICO SERVONO DEROGHE PER EVITARE UN’IMPOSIZIONE DALL’ALTO”

 

24 febbraio 2021 – Le parole dell’Assessore Bottacin sono incoraggianti e trovano riferimento nell’azione intrapresa da Coldiretti Veneto che attraverso la mozione presentata e approvata in Consiglio ha richiamato l’attenzione su un provvedimento europeo che rischia di gravare sugli agricoltori, e non solo, come un’imposizione calata dall’alto, inspiegabile ed anacronistica. La Direttiva Quadro delle Acque che mira a proteggere risorsa idrica per raggiungere “lo stato buono” del distretto idrografico veneto introduce il “deflusso ecologico” – spiega Coldiretti Veneto – che obbliga  un maggiore rilascio delle acque a valle delle opere di presa lungo i fiumi e quindi una minore disponibilità di acqua. Da più parti sono arrivati segnali di preoccupazione per l’applicazione  della direttiva: comunità locali, consorzi di bonifica, anche l’Enel, hanno manifestato le loro preoccupazioni – commenta Coldiretti Veneto – i nuovi limiti in un contesto di cambiamento climatico sarebbero  un danno per l’agricoltura. La normativa –spiega Coldiretti Veneto – è destinata a condizionare anche la vivibilità di tutto il territorio e in particolare i centri abitati: se non si applicano le giuste deroghe, che tengano conto delle particolarità ambientali del territorio regionale, l’impatto negativo sarà pesante. Il problema è veneto e ha ricadute economiche che toccano diversi aspetti, non solo quello agricolo, ma anche socio culturali e turistico ambientali. Per questi motivi le dinamiche vanno analizzate nel loro complesso perché interessano il settore primario, la produzione di energia elettrica, la fruizione turistica delle aree di montagna e di pianura e, in definitiva, tutta la cittadinanza.

Coldiretti Veneto ha sollecitato di allargare la discussione anche alla Terza Commissione consiliare per affrontare le criticità del tema.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: