Champions, Atalanta-Real Madrid 0-1: ma la Dea è da applausi

La squadra di Gasperini gioca quasi tutta la partita in 10 contro 11, gli spagnoli passano solo nel finale con Mendy

L’Atalanta perde 1-0 in casa con il Real Madrid ma esce a testa alta dal confronto con i giganti spagnoli. Anzi, a recriminare dopo l’andata degli ottavi di finale di Champions League è proprio la Dea. La squadra di Gasperini gioca in inferiorità numerica per quasi tutta la partita, causa la contestata e severa espulsione di Freuler al 17′ per un fallo al limite su Mendy, e alla mezz’ora perde anche Zapata, costretto a lasciare il posto a Pasalic per un infortunio.
Ma il Real non brilla e nel primo tempo il portiere dei bergamaschi Gollini deve fare gli straordinari solo poco prima dell’intervallo su una punizione insidiosa di Kroos. Anche nella ripresa la squadra di Zidane fatica a imporsi, l’Atalanta assapora l’impresa ma all’86’ arriva la doccia fredda del gol di Mendy con una conclusione a giro dal limite dell’area che sorprende Gollini. Il sogno qualificazione non è ancora del tutto compromesso per la squadra di Gasperini, ma la notte di Champions contro una big del calcio mondiale lascia comunque l’amaro in bocca.

(Adnkronos)

Please follow and like us: