PSR, bando integrativo dei ristori in agricoltura

Grazie alle segnalazioni di Coldiretti saranno ammesse ai ristori previsti dal PSR Veneto anche le imprese orticole inizialmente escluse. Ricevuto il nulla osta della terza Commissione Consiliare, la Regione del Veneto pubblicherà il bando per la presentazione delle domande di ristoro riservate agli orticoltori veneti che hanno subito perdite a causa dell’emergenza sanitaria.

E’ stata per l’appunto Coldiretti Veneto a sollecitare il provvedimento presso l’Assessorato regionale competente al fine di risolvere alcune criticità emerse nella prima stesura inerenti la classificazione delle colture che ha impedito ad alcune centinaia di aziende l’accesso ai fondi di sostegno. Integrando la documentazione probatoria le imprese escluse dalla precedente interpretazione ora potranno accedere alle risorse rimaste coprendo almeno parzialmente i danni subiti a causa della pandemia.

Coldiretti infatti ha segnalato che alcune imprese orticole non presentavano, nel periodo di eleggibilità, le specifiche delle orticole ma solo orticole generiche. Ora, integrando con la prescritta documentazione probatoria queste imprese potranno presentare domanda. Una seconda casistica sollevata sempre da Coldiretti concerne la presenza di radicchio nei piani colturali precedentemente al 2020 ma, evidentemente, con raccolto nel periodo del Covid 2020. Anche per queste, con documentazione probatoria si dà la possibilità di partecipare al bando. Integra l’apertura anche il turismo rurale.

Coldiretti Veneto sottolinea che lo stanziamento è relativo alla misura straordinaria 2.1.1 Covid 19 del Programma di Sviluppo Rurale che grazie alla disponibilità di 23milioni di euro ha aiutato oltre 6mila imprese dei vari comparti in sofferenza: dall’orticolo al florovivaistico, dagli allevamenti alle fattorie didattiche e alle strutture agrituristiche.  Questo disimpegno del residuo finanziario  predisposto dalla Giunta del Veneto – conclude Coldiretti – completa definitivamente l’operazione rivolta alle realtà agricole che non si sono mai fermate garantendo occupazione anche durante il lock down e la fornitura di cibo milioni di cittadini attivando, inoltre,  iniziative di solidarietà per famiglie in difficoltà, persone bisognose non trascurando neppure l’attenzione al fenomeno in crescita delle nuove povertà.

Per maggiori dettagli i nostri Uffici di Zona sono a disposizione.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: