Finanziaria 2021, le principali novità (seconda parte)

Proseguiamo con la pubblicazione delle principali novità per il settore agroalimentare previste dalla Manovra Finanziaria 2021 ricordando che per ogni altra informazione in merito alle numerose misure e opportunità previste per le imprese agricole i nostri Uffici di Zona sono a disposizione.

A questo collegamento invece è possibile scaricare la sintesi completa alla Legge di Bilancio 2021 elaborata dalla Confederazione Nazionale Coldiretti.

PERCENTUALI DI COMPENSAZIONE IVA APPLICABILI ALLA CESSIONE DI ANIMALI VIVI DI SPECIE BOVINA E SUINA

Approvata anche per l’anno 2021, nella stessa misura prevista per il triennio 2018-2020 la percentuale di compensazione utilizzabile da parte di produttori agricoli in regime speciale IVA relativamente alle cessioni di bovini e suini, rispettivamente nella misura non superiore al 7,7% e all’8%.

BONUS VERDE

Prorogato per tutto il 2021 l’agevolazione fiscale per la sistemazione a verde di aree scoperte di immobili privati ad uso abitativo, introdotta dalla legge di bilancio per il 2018, consistente in una detrazione fiscale sui redditi delle persone fisiche pari al 36% delle spese sostenute e fino ad un importo massimo di 5.000,00 euro ripartita in 10 quote annuali. Gli interventi agevolabili riguardano “sistemazione a verde” di aree scoperte private, impianti di irrigazione, realizzazione di coperture a verde e giardini pensili.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LOCAZIONI BREVI

Confermata dal 2021 l’applicazione della cedolare secca (21%) sulle locazioni brevi solo in caso di destinazione della locazione di non più di 4 appartamenti per ciascun periodo d’imposta. Negli altri casi l’attività di locazione si presume svolta in forma imprenditoriale ai sensi dell’art. 2082 del c.c.

SOSPENSIONE VERSAMENTI CONTRIBUTI PROFESSIONISTI

Istituito un fondo per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni previdenziali INPS e per i professionisti iscritti agli Enti gestori di forme obbligatorie previdenziali (Inarcassa, CIPAG, ENPAM, CNPADC, ecc.). I professionisti interessati devono avere un reddito complessivo 2019 non superiore a euro 50.000,00 e aver subito una riduzione del fatturato/corrispettivi 2020 non inferiore al 33% rispetto a quello del 2019.

NUOVA SABATINI-TER

Modificata la disciplina relativa alla concessione di finanziamenti agevolati per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle micro, piccole e medie imprese. In particolare è confermata l’eliminazione della soglia di euro 200.000,00 entro la quale è prevista l’erogazione dell’agevolazione in un’unica soluzione anziché in 6 quote annuali.

NOVITA’ E PROROGHE DETRAZIONI INTERVENTI EDILIZI / ENERGETICI

Confermate tutte le detrazioni fiscali su interventi edilizi. Prorogate le detrazioni “ordinarie” al 50% per interventi di manutenzione. Confermati inoltre i c.d.”ecobonus” al 65%, “bonus facciate” al 90%. Modificato il c.d. “bonus mobili” con l’aumento a euro 16.000,00 della spesa massima agevolabile. Introdotto il nuovo “bonus idrico” fino a euro 1.000,00 per la sostituzione dei sanitari con apparecchi a scarico ridotto/limitazione di flusso d’acqua.

PROROGA SUPERBONUS 110% E MODIFICHE ALLA RELATIVA DISCIPLINA

Prorogato il Superbonus 110% fino al 30 Giugno 2022 e per particolari tipologie di attività fino al 30 Dicembre 2022. Di seguito le principali modifiche introdotte alla disciplina:

  • tra gli interventi agevolabili rientrano anche lavori di coibentazione del tetto;
  • un’unità immobiliare può essere considerata funzionalmente autonoma qualora sia dotata di almeno tre installazioni o manufatti di proprietà (impianto idrico, per il gas, per l’energia elettrica, impianto di climatizzazione invernale);
  • tra gli edifici ammessi al Superbonus ora sono ricompresi anche gli edifici privi di attestato energetico purché al termine dei lavori raggiungano una classe energetica in fascia A.

CREDITI D’IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI      

Prorogate fino le agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi effettuati a partire dal 16 Novembre 2020. Diverse le novità introdotte rispetto alla Legge di Bilancio precedente. Aumentate le percentuali di credito d’imposta. Per i beni strumentali “generici” l’agevolazione spetta nella misura del 10%, per i beni strumentali di cui alla Tabella B – Finanziaria 2017 (beni immateriali nuovi “Industria 4.0”) l’agevolazione passa al 20% mentre per i beni strumentali di cui alla Tabella A – Finanziaria 2017 (beni materiali nuovi “Industria 4.0”) l’agevolazione arriva fino al 50% del costo sostenuto. Modificate inoltre le modalità di utilizzo del credito spettante. Da quest’anno il credito viene ripartito in 3 quote annuali di pari importo a partire dall’anno di entrata in funzione o di interconnessione del bene acquistato. Per i beni strumentali “generici” acquistati da soggetti con ricavi inferiori a 5 milioni di euro il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in un’unica quota annuale.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: