Cina, in salvo 11 minatori intrappolati dal 10 gennaio

In tutto 22, si trovano a centinaia di metri sottoterra, nella miniera d’oro di Qixia, nella provincia orientale dello Shandong, dopo che un’esplosione ha bloccato l’ingresso al giacimento

Sono undici i minatori messi in salvo in Cina dopo essere stati intrappolati a centinaia di metri di profondità per due settimane. Da quando, il 10 gennaio scorso, un ‘esplosione aveva fatto crollare la galleria di ingresso della miniera d’oro di Hushan nella provincia di Shandong, dove si trovavano 22 minatori.
Un minatore è stato dichiarato morto, mentre gli altri nove che non sono stati messi in salvo sono ancora dichiarati dispersi, con le operazioni di ricerca e salvataggio che continuano.
Almeno uno dei minatori tratti in salvo è ferito, mentre il primo minatore salvato è ricoverato in condizioni che vengono descritte di “estrema debolezza”. Infatti in queste due settimane era rimasto bloccato in un settore diverso della miniera da quello dove si trovava il gruppo degli altri 10 salvati ai quali i soccorritori erano riusciti a far arrivare cibo e medicinali.
Diversi media hanno mandato in onda il salvataggio del primo minatore che, dopo essere stato portato fuori,.
Gli oltre 600 soccorritori impegnati, sperano di riuscire a tirare altri superstiti nelle prossime ore.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Cina, in salvo 11 minatori intrappolati dal 10 gennaio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


3 + due =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.