Cashback di Stato, con Nexi Pay e Yap accedere è semplicissimo



Milano, 7 dicembre (Labitalia) – Il Natale quest’anno, ancor di più degli anni passati, è all’insegna dei pagamenti digitali e con il cashback di Stato si moltiplicano i vantaggi per i consumatori e gli esercenti.
La via canonica per accedere al cashback del 10% sulle spese con bancomat e carta di credito, è registrarsi all’app IO della Pubblica Amministrazione con Spid o carta d’identità elettronica, ma se hai una carta  accedere al cashback di Stato tramite l’app è molto più immediato e facile, bastano pochi click.
Chi è titolare di una carta Nexi può scaricare o aggiornare l’app e aderire al cashback di Stato con pochi passaggi, senza doversi registrare con identità digitale sull’app IO.
Chi si iscrive all’iniziativa attraverso può contare ai fini del cashback anche i pagamenti digitali effettuati attraverso i sistemi Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay, oltre a quelli delle carte di credito o debito.
La somma maturata va poi direttamente sull’IBAN specificato al momento dell’adesione.
Per chi non ha una carta e vuole partecipare al cashback, basta scaricare la app , che con una carta virtuale prepagata, consente di pagare in tutti i negozi e di partecipare al CashBack di Stato direttamente dalla app anche in questo caso senza bisogno di avere SPID.
Cashback: come funziona
Il cashback di Stato prevede il rimborso per pagamenti cashless: il consumatore che paga con , può concorrere per una restituzione che potrà arrivare a un massimo di 150 euro.
Non valgono gli acquisti online mentre possono essere conteggiati la spesa nei supermercati e nei negozi ma anche i pagamenti delle fatture di artigiani e professionisti.
Il rimborso è pari al 10% degli acquisti, naturalmente con esclusione delle transazioni online, su un tetto massimo di spesa di 1.500 euro complessivi.
Super-cashback: come funziona
Al cashback ordinario si affianca il super-cashback.
Il super-cashback ha un valore di 3 mila euro all’anno per le prime 100.000 persone che nell’arco di 6 mesi, cioè dal 1° gennaio 2021 hanno totalizzato il maggior numero di transazioni con carte e app di pagamento. Conta il numero di acquisti, non gli importi spesi: un caffè vale quindi come l’acquisto di un elettrodomestico.
C’è un limite di spesa pari a 1.500 euro a semestre, ovvero 3.000 euro in un anno.
In famiglia, ogni componente maggiorenne può concorrere al super-cashback in ogni semestre, anche se ha già ottenuto il super-cashback nel semestre precedente, quindi gli importi possono essere cumulati.
Di conseguenza, una coppia potrebbe ottenere in un anno anche 6.000 euro.
Cashback nel 2021: come funzionerà
Dal 2021, con il piano cashback a regime, bisognerà invece fare almeno 50 acquisti per ogni semestre: gennaio giugno 2021, luglio – dicembre 2021, gennaio – giugno 2022.
Il rimborso massimo resta a 15 euro per ogni acquisto e a 150 euro nel semestre: si può ottenere un rimborso massimo di 300 euro all’anno, in presenza di almeno 100 operazioni di pagamento digitale, effettuate metà nel primo semestre e metà nel secondo.
Il cashback e il super-cashback quindi risultano vantaggiosi sia per i consumatori che per gli esercenti che potranno godere anche di un credito d’imposta pari al 30% sull’uso della moneta elettronica.
Quest’anno, lo shopping di Natale è ancor più pratico e soprattutto conveniente.

(Adnkronos)

Please follow and like us:
Pin Share