Lotta alle leucemie, tornano le Stelle di Natale dell’AIL

ROMA (ITALPRESS) – Il 5, 6, 7 e 8 dicembre tornano come da tradizione le Stelle di Natale AIL, iniziativa posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, giunta alla sua 32° edizione.
Si rinnova quindi l’appuntamento con la solidarietà promosso dall’Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma. AIL porta avanti la sua missione attraverso il simbolo che da tanti anni l’accompagna: le Stelle di Natale. Quest’anno a causa della pandemia, l’Associazione non potrà garantire lo svolgimento della manifestazione secondo le consuete modalità, AIL però non si ferma e raddoppia il suo impegno.
I cittadini oltre alla tradizionale pianta natalizia, in molte sezioni AIL e dai primi di dicembre su Amazon.it, potranno ricevere anche una dolce Stella di cioccolato finissimo (al latte e fondente con nocciole IGP Piemonte) denominata “Sogni di cioccolato”.
Il contributo minimo associativo per ricevere la Stella di Natale AIL o i Sogni di cioccolato è di 12 euro.
Dall’1 al 15 dicembre sarà inoltre possibile donare da rete fissa e mobile al numero 45582 per sostenere le Cure domiciliari dell’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma e consentire ai pazienti ematologici di continuare a casa le cure iniziate in reparto. Per sostenere AIL basterà inviare un SMS da cellulare per donare 2 euro (WINDTRE, TIM, Vodafone, iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali); chiamare da telefono fisso per donare 5 o 10 euro (TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali) e 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile.
Per sapere dove trovare le Stelle e sostenere AIL, nel mese di dicembre, si pò consultare il sito ail.it, chiamare il numero 06 70386013 oppure rivolgersi alle 82 sezioni provinciali AIL che promuovono attraverso i Volontari l’iniziativa in tutta Italia.
L’Ematologia italiana in questi mesi di pandemia da Covid-19, attraverso i Centri di cura e anche grazie all’opera delle sezioni AIL e dei suoi volontari, è stata in grado di garantire la continuità assistenziale e terapeutica. “E’ importante però mantenere tutto ciò e far sì che i pazienti possano proseguire nel modo più adeguato le cure – si legge in una nota -. L’iniziativa Stelle di Natale AIL ha permesso in tanti anni di raccogliere significativi fondi destinati al finanziamento di progetti di ricerca scientifica e assistenza ed ha contribuito a far conoscere i progressi nel trattamento dei tumori del sangue”.
I fondi raccolti da AIL saranno impiegati per potenziare il servizio di Assistenza Domiciliare, AIL finanzia oggi complessivamente 42 servizi di cure domiciliari. Tale attività consente ai malati di essere seguiti da personale specializzato nella propria abitazione, riducendo così i tempi di degenza ospedaliera e assicurando nel contempo la continuità terapeutica dopo la dimissione. Un altro obiettivo è sostenere le Case Alloggio AIL, strutture situate nei pressi dei Centri di Ematologia che accolgono i malati e i loro familiari costretti a spostarsi dal luogo di residenza per le cure. Attualmente sono 34 le provincie che ospitano questo servizio con 3.809 ospiti ogni anno, di cui 1.549 pazienti e 2.260 familiari.
I fondi saranno usati anche per finanziare servizi Socio-Assistenziali con 2.120 famiglie sostenute in un anno, sostenere progetti di ricerca scientifica, supportare il finanziamento dei Centri di Ematologia e di Trapianto di Cellule Staminali e sostenere i laboratori per la diagnosi e la ricerca, promuovere la formazione e l’aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio.
La Lega Calcio Serie A aderisce all’iniziativa solidale di AIL invitando i suoi tifosi a sostenere la campagna Stelle di Natale.
(ITALPRESS).

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Lotta alle leucemie, tornano le Stelle di Natale dell’AIL"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


4 × 4 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.