Decreto Ristori, contributi alle filiere agricole

Il Governo ha messo a punto e approvato il “Decreto Ristori” mirato ad aiutare le imprese maggiormente in difficoltà dagli ultimi Dpcm di questo mese, fra cui diverse realtà del settore primario. Ecco in sintesi le principali novità:

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER GLI OPERATORI ECONOMICI

Il testo del Decreto in bozza prevede un contributo a fondo perduto per i soggetti operanti nei settori maggiormente colpiti dalle limitazioni approvate negli ultimi DPCM di questo mese. Per rendere più rapida l’erogazione del contributo viene previsto l’accredito diretto per coloro che hanno già richiesto il precedente contributo a fondo perduto ex. art.25 DL Rilancio. Per gli altri operatori invece dovrà essere effettuata apposita istanza. Il contributo riguarderà i soggetti economici del settore della ristorazione, bar e discoteche in base ai codici ATECO.

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE IMPRESE DELLE FILIERE AGRICOLE

Viene istituito un contributo a fondo perduto anche per le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura che svolgono attività di fornitura di prodotti sempre alle imprese soggette a limitazioni degli ultimi DPCM del mese di Ottobre. Il contributo a fondo perduto è riconosciuto se il fatturato del mese di aprile 2020 è risultato inferiore ai tre quarti dell’ammontare del fatturato del mese di aprile 2019.

CREDITO D’IMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE

Sempre per le medesime imprese in difficoltà viene esteso il credito d’imposta per canoni di locazioni introdotto dal DL Rilancio fino a fine anno senza limitazioni di accesso.

CANCELLAZIONE SECONDA RATA IMU

Prevista la cancellazione della seconda rata IMU in scadenza al 16 Dicembre 2020 per le imprese con codice ATECO indicate nell’allegato al Decreto.

PROROGA TERMNI PRESENTAZIONE MOD.770/2020

Disposta anche la proroga dell’invio del mod.770/2020 dal 31 Ottobre al 30 Novembre 2020.

(Coldiretti Padova)

Please follow and like us: